AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
LAGHI DI RESY - M. ROSSO
EE+
Il M. Rosso è una cima tozza quasi interamente rocciosa posta nella zona nord-orientale della Val d'Ayas, ai piedi del Rosa, tra il Pian di Verra Inferiore e il Colle Bettolina Superiore.
Nonostante i suoi versanti siano apparentemente ripidissimi e inaccessibili, impressione che giustifica forse il fatto che non sia preso in considerazione dai normali camminatori e di conseguenza non sia tra le cime più frequentate, sui suoi fianchi sono tracciabili diverse vie di salita, tutte appartenenti almeno alla categoria EE. Sono quindi percorsi riservati a escursionisti decisamente esperti, in grado di muoversi tra canalini e paretine rocciose, pietraie instabili e placche, capaci di individuare una via di salita anche in assenza dei tradizionali ometti di pietre (presenti in più punti) e dotati di un minimo di senso dell'orientamento. Una minima preparazione all'arrampicata è consigliata.
La via qui proposta probabilmente è una delle più sicure, e si può considerare la "normale"; la parte bassa è tracciata sul versante sud, il meno ripido e roccioso, con una dolce e sicura salita fino alla spalla sud-ovest, dove confluiscono pressochè tutte le vie dei versanti sud e ovest. La parte terminale - dalla spalla alla vetta via canalino - comprende invece dei passaggi pressochè obbligati comuni a tutte le vie di salita. La presenza di un canalino di grado I+ e di altri passaggi di difficoltà analoga giustifica la classificazione dell'itinerario come EE+.
Il panorama dalla cima è sicuramente impareggiabile, superiore a quello del vicino (ma più basso) Palon di Resy, con una visuale a 360° su tutta l'alta valle e soprattutto sul massiccio del Rosa, dalla Gobba di Rollin alla Punta Gnifetti.
La partenza di questo itinerario è ai Laghi di Resy, posti su più livelli in una conca anch'essa rocciosa a est dell'omonimo Palon e raggiungibili seguendo l'itinerario 15. Nella foto a sinistra, il Rosso è fotografato dalla zona ovest dei laghi.
Avvicinamento: come raggiungere i Laghi di Resy. EE

Sentiero: 9 fino al bivio per il Palon, poi 8C fino al bivio per i laghi, infine 8D.
Tempo di percorrenza: 90 - 120 minuti.
Difficoltà: pendio ripido tagliato in diagonale.

Il percorso da seguire è descritto nell'itinerario 15.
Il cammino può però essere accorciato evitando la salita fino alla vetta del Palon; è sufficiente individuare il bivio posto a quota 2595 circa (ci sono chiare indicazioni su una lastra di pietra, e il sentiero è evidentissimo) e scendere direttamente ai laghi.
Salita: Laghi di Resy - M. Rosso.

Sentiero: non numerato .
Tempo di percorrenza: 90 - 150 minuti.
Difficoltà: pietraie instabili, placche e passaggi su roccia (I+ grado).

1. In vista del lago maggiore (al centro); in evidenza il grande ometto di pietre.
2. Passaggio a sud del lago.
3. A est del lago, salita tra le rocce.
4. Salita su placche.
5. Ancora salita su placche e qualche roccia.
6. Dolce salita su erba in direzione ovest.
7. Ormai prossimi al poggio, attraversamento di una pietraia.
8. Arrivo al poggio.
9. La zona a nord del poggio.
10. Due punti con salita su rocce.
11. Avvicinamento alla cengia.
12. La cengia rocciosa.
13. Dopo la cengia, salita su placca.
14. Parte bassa del canalino.
15. La risalita del canalino roccioso.
16. L'altopiano sommitale.
17. La vetta del Rosso. Sullo sfondo il Polluce, il Castore e i Lyskamm.
Una volta giunti sul pianoro dei laghi dal comodo sentiero che scende sul fianco sud-orientale del Palon di Resy, continuare a seguire il sentiero 8d, indicato con segnavia sulle rocce, ometti di pietre e a tratti visibile anche a terra.
Questo prosegue verso est e inizia ad attraversare l'altopiano tra grandi rocce, qualche tratto erboso, rivoli d'acqua e le mille pozze che costituiscono il gruppo dei Laghi di Resy. Una volta avvistato il grande ometto di pietre che campeggia nel mezzo del pianoro (foto 1), puntare leggermente alla sua sinistra, giungendo così sulle sponde del lago più grande del gruppo.
Si procede aggirando il lago in senso antiorario, lasciandolo sulla sinistra e passando quindi tra il lago e l'ometto (foto 2).
Nella zona sud-est del lago se ne guada l'emissario, svoltando poi verso sinistra in direzione del Rosso mantenendosi a una ventina di metri dalla sponda est e cominciando a guadagnare qualche metro di quota procedendo tra erba e rocce (foto 3). Si incontra così un ometto di pietre, facente parte della serie che prosegue fino alla vetta del Rosso.
La salita prosegue su facili placche di roccia rosa (foto 4), poi su erba, pietraia, qualche placca e qualche piccolo gradino roccioso che in genere può essere aggirato (foto 5).
Incontrando un nuovo ometto si svolta verso ovest (a sinistra) incontrando un percorso quasi orizzontale con numerosi ometti, che punta direttamente al poggio erboso che costituisce una sorta di spalla sud-ovest del Rosso, ed è il punto di riunione di molte vie di salita.
Il cammino prosegue su un'alternanza di erba, grandi massi grigi e rossi, lastre di roccia (foto 7), fino a raggiungere il poggio.
Il percorso da qui in poi è comune a molte delle vie tracciate sul Rosso; una volta svoltati verso nord (a destra) inizia la parte più impegnativa della salita, che precede l'altopiano sommitale.
Il cammino si snoda prima su erba e rocce (foto 9), poi su roccette e placche, seguendo sempre la sequenza di ometti di pietre, ma senza incontrare una vera e propria traccia tra uno e l'altro, dovendo quindi scegliere i punti migliori o più sicuri dove passare.
Una buona esperienza di base su roccia può sicuramente aiutare a procedere nelle zone dove più si rende necessario utilizzare anche le mani, seppur solo per mantenere l'equilibrio, e superare i punti lievemente più tecnici senza necessariamente perdere tempo per trovare il modo di aggirarli (foto 10 e 11).
Si raggiunge così un breve passaggio su una cengia rocciosa abbastanza esposta a sinistra (foto 12). La roccia è buona e garantisce la necessaria tenuta agli scarponi, ciononostante è consigliata una certa attenzione in questo punto, soprattutto nel caso la roccia fosse bagnata.
Finita la cengia si guadagna qualche metro di quota a destra incontrando così una grande placca grigia e rosa (foto 13) che va risalita, giungendo così al passaggio chiave dell'intera salita, alcuni metri di quota da guadagnare quasi in verticale in un canalino roccioso.
La salita (foto 14 e 15), che presenta un grado valutabile come I o poco più, è più facilmente affrontabile se si ha esperienza di arrampicata; in caso totalmente contrario si impone la massima attenzione nella scelta di appigli e appoggi, meglio se con l'aiuto di qualcuno più esperto a dare utili indicazioni. Naturalmente, anche qui va posta particolare attenzione se ha piovuto nelle ore precedenti l'escursione perchè nello stesso canalino potrebbe scorrere dell'acqua.
Risalito il canale ci si ritrova sulla calotta del Rosso; l'area non presenta pendenze particolarmente pronunciate in nessuna direzione, ed è caratterizzata dalla presenza di pietraia, piccole aree erbose e affioramenti rocciosi (foto 16). Per raggiungere la vetta, che dista 400 metri in pianta in direzione 56°, è comunque ancora necessario guadagnare circa 150 metri di quota.
Il percorso qui è più libero e al singolo camminatore è lasciata ampia scelta sul tracciato, che potrà essere più semplice andando a prediligere l'erba e la fine pietraia, o più tecnico scegliendo di risalire anche qualche paretina senza grosse difficoltà.
In 20 - 25' dal canalino si giunge così al punto più elevato del M. Rosso, in un'area sul bordo del precipizio della parete nord dove sono stati costruiti alcuni ometti di pietre.
Il panorama dalla vetta è chiuso nel settore settentrionale dal massiccio del Rosa, della cui parte occidentale sono visibili tutte le cime: la Gobba di Rollin, i tre Breithorn, la quota 4106 (itinerario alpinistico 9), la Roccia Nera (itinerario alpinistico 9), il Polluce (itinerario alpinistico 11), il Castore (itinerari alpinistici 3 e 4), i Lyskamm; oltre spuntano la Piramide Vincent, la Punta Gnifetti, il Balmenhorn con il Cristo delle Vette. Sono visibili inoltre i rifugi Mezzalama, delle Guide di Ayas e Quintino Sella, nonchè il bivacco Rossi e Volante. A ovest impossibile non notare l'inconfondibile Lago Blu (escursioni 1 e 1b).
A sud si possono osservare tutte le innumerevoli cime che circondano l'alta Val d'Ayas, tra cui citiamo i vicini Palon di Resy (escursione 15), Grand e Petit Tournalin (escursioni 35 e 35b), il Bec Trecare (escursione 14), il Roisettaz (escursione 40), il M. Croce o M. Brun (escursione 40b), il M. Bettaforca (escursione 38), il Rothorn (escursione 44), il Testa Grigia (escursione 20), più lontani il Corno Bussola (escursione 42), la Falconetta (escursioni 10 e 10b), lo Zerbion (escursione 4).
Discesa: M. Rosso - Laghi di Resy.

Sentiero: non numerato.
Tempo di percorrenza: 90 - 120 minuti.
Difficoltà: pietraia instabile o placche e passaggi su roccia fino al I+ a seconda della via scelta.

18. Discesa sull'altopiano sommitale.
19. L'ometto che identifica la posizione del canalino.
20. Discesa nel canalino.
21. Discesa su placca.
22. Ritorno sulla cengia.
23. La zona rocciosa prima del poggio.
24. Il poggio erboso. Qui è possibile scegliere tra due vie di discesa.
25. Discesa opzionale nel canalino a ovest del poggio.
26. Un passaggio quasi alla base del canalino.
La prima parte della discesa dal M. Rosso ricalca necessariamente il tracciato della salita (esistono comunque altre vie, più scomode o di individuazione più incerta, qui non descritte).
Lasciata la cima si procede sulla pietraia sommitale scendendo in direzione sud-ovest (foto 18) puntando leggermente a destra del Palon di Resy fino a ritrovare il punto superiore del canalino, identificato da un ometto di pietre (foto 19).
È qui necessario disarrampicare per qualche metro (foto 20), ovviamente la familiarità con la roccia aiuta a districarsi più velocemente (in generale in questi casi la discesa è comunque più delicata della salita).
Usciti dal canalino si ridiscende sulla sottostante placca (foto 21) e con due rapidi tornanti si intercetta la cengia (foto 22) che precede la zona rocciosa (foto 23) dove già durante la salita era necessario inventare a proprio piacimento il percorso tra un ometto e l'altro.
Si ritorna così al poggio erboso dove si ricongiungono le molte vie di salita. È dunque possibile operare una scelta riguardo al versante su cui scendere, anche in funzione delle condizioni meteorologiche, dell'ora ed eventualmente del tempo a disposizione.
La sequenza di ometti porta a svoltare a sinistra, seguire il dolce traverso tra erba e rocce e raggiungere così il piano del lago più grande, che viene aggirato in senso orario, ricalcando di fatto la stessa traccia utilizzata per salire. Dal lago si procede poi in direzione ovest fino a ritrovare il sentiero che scende dal bivio sul fianco del Palon di Resy.
Un percorso più rapido ma meno sicuro può essere seguito svoltando invece a destra per scendere nel canalino detritico (foto 25) che conduce direttamente al piano dei laghi. Con attenzione all'imprevedibile instabilità del terreno ci si fa strada tra le rocce (foto 26), giungendo velocemente (20-30') all'inizio del sentiero che scende dal Palon di Resy. Questo tratto è riportato in verde nella cartina riportata sotto.
Da qui il ritorno a valle avviene seguendo al contrario l'itinerario 15, naturalmente senza necessariamente risalire fino alla vetta del Palon.
TRACCIATO GPS
La cartina dell'intero percorso descritto.
È riportato come riferimento anche il tratto di salita al Palon di Resy e la discesa fino al piano dei laghi.
La salita e i suoi tratti in comune con la discesa sono tracciati in rosso, la variante più breve di discesa lungo il ripido canalone detritico è in verde; scegliendo una più comoda discesa sulla stessa traccia della salita questa variante può essere tranquillamente trascurata.
Sono riportati inoltre i più grandi tra i Laghi di Resy, i numeri dei sentieri ove presenti, le posizioni del grande ometto di pietre nella zona dei laghi, il poggio erboso, il canalino roccioso e le isoipse a 50 m.

Cliccare sull'immagine per scaricare i tracciati per GPS Trackmaker, per Google Earth e in formato GPX (privi di mappe ma completi dei necessari waypoints) con una cartina a risoluzione superiore. Il tracciato incluso parte dal Palon di Resy.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.
PROFILO ALTIMETRICO
Il profilo altimetrico del percorso. L'immagine si riferisce alla salita più lunga, via lago più grande. Si nota chiaramente l'andamento altalenante prima del waypoint chiamato "ometto" (che si riferisce al grande ometto di pietre a sud del lago), e la morbida salita con una zona più ripida fino a raggiungere il poggio; successivamente la pendenza si fa decisamente più pronunciata con un netto "salto" naturalmente in corrispondenza del canalino, e prosegue fino in vetta.
Note meteorologiche:
In presenza di vento umido da sud si potrebbero formare degli annuvolamenti nella zona del Rosso; la giornata adatta per la salita va scelta con cura, preferibilmente serena per ammirare lo splendido panorama sul Rosa e asciutta per evitare i pericoli che potrebbero derivare dalle rocce bagnate.
Periodo consigliato:
L'itinerario è consigliato in assenza di neve, che potrebbe rendere difficoltosa, pericolosa o impossibile la salita. Previa osservazione diretta della montagna prima della partenza, indicativamente la salita è indicata tra giugno e settembre, salvo nevicate fuori stagione.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, se non - come sempre - un paio di scarpe con suola ben scolpita che assicuri la necessaria aderenza.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (1):
1. Lau65 11/09/2008, 08.35.04
Utente registrato
Età: 53 anni

Valutazione:
Finalmente dopo anni di "sguardi" rivolti verso il Monte Rosso, sono arrivata in vetta a questa splendida montagna. Consigliata l'escursione con tempo bello il panorama è "mozzafiato". Ti sembra di avere il Rosa lì a portata di mano! E' una camminata molto varia perchè si passa dal classico trekking con il sentiero fin quasi al Palon di Resy (consiglio a chi non è stanco di fare anche questa vetta) per poi diventare un misto di prati / pietraie / e roccia. Non è raro incontrare stambecchi. Non è una montagna molto frequentata e quindi proprio per questo la consiglio agli amanti di vette "solitarie". E' sicuramente una passeggiata "lunghetta" da affrontare con un po' di allenamento sulle gambe. Tecnicamente presenta solo un passaggio su una cengia un po' esposta e un passaggio su roccette di facile arrampicata (molto breve e non esposto). Buona passeggiata!!!