AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
EMERGENZE
Ammettiamo che si parta in giornata ideale, allenati, attrezzati e con le conoscenze necessarie a porci in grado di percorrere il sentiero scelto con un ampio margine di sicurezza: in questo caso le probabilità che qualcosa vada storto sono ridotte.
Dato che, come in ogni cosa, a volte le cose possono andare male, e non è possibile prevederlo nè, spesso, evitarlo, e se consideriamo che può anche succedere di incontrare qualcuno che ha bisogno di aiuto, è opportuno sapere come poter ottenere assistenza.
I soccorsi in montagna non sono semplici nè rapidi, data la conformazione del territorio; ci sono delle cose importanti da sapere che riporto qui.
TELECOMUNICAZIONI
118Emergenza sanitaria
800319319Numero verde Protezione Civile
Soccorso Alpino Valdostano
161.300 MhzFrequenza della rete radio per le chiamate di soccorso (ch. E)

Notate che comunque non è sempre possibile utilizzare il cellulare, molte zone non sono coperte. In altre, pur essendolo apparentemente, inspiegabilmente la rete non funziona.

Discorso a parte merita la richiesta di aiuto via radio**. La frequenza indicata infatti non è infatti ancora legalmente disponibile per il libero utilizzo (in tal senso la Protezione Civile ha formulato una richiesta al Ministero delle Comunicazioni). La chiamata va effettuata con subtono a 123 Hz e componendo i toni 21414.
Le stazioni in ascolto su questa frequenza per quanto riguarda la Val d'Ayas sono:

Postazione Zona Località
Rifugio Arp Brusson Vallone di Palasina
Rifugio Grand Tournalin Ayas Vallone di Nana
Rifugio Guide di Ayas Ayas Rocce di Lambronecca
Rifugio Guide di Frachey Ayas Resy
Rifugio Quintino Sella Ayas/Gressoney Ghiacciaio del Felik

È opportuno ricordare anche che queste stazioni sono operative limitatamente al periodo di apertura del rifugio.
Una volta ottenuta risposta, si devono fornire con precisione indicazioni circa:

e successivamente rimanere in ascolto a disposizione delle squadre di soccorso.

SEGNALAZIONI ACUSTICHE/OTTICHE*
CHIAMATA DI SOCCORSO Emettere richiami acustici od ottici in numero di:
SEI OGNI MINUTO (un segnale ogni 10 secondi)
UN MINUTO DI INTERVALLO
Continuare l'alternanza di segnali e intervalli fino alla certezza di essere stati ricevuti e localizzati
RISPOSTA DI SOCCORSO Emettere richiami acusti od ottici in numero di:
TRE OGNI MINUTO (un segnale ogni 20 secondi)
UN MINUTO DI INTERVALLO
Continuare l'alternanza di segnali e intervalli fino alla certezza di essere stati ricevuti e localizzati
N.B.: È fatto obbligo a chiunque intercetti segnali di soccorso di avvertire il più presto possibile il posto di chiamata o la stazione di soccorso alpino più vicini.

SEGNALAZIONI PER ELICOTTERO*
Il soccorso alpino utilizza spesso un elicottero per ovvi motivi di velocità; esistono alcuni segnali importanti che è opportuno almeno conoscere e saper utilizzare se necessario.
  • Abbiamo bisogno di soccorso
  • Segnalazione affermativa (sì)
  • Atterrate qui
In piedi con le braccia alzate a Y
  • Non serve soccorso
  • Segnalazione negativa (no)
In piedi con un braccio alzato ed uno abbassato
  • In caso di un ferito al braccio
Gesto rotatorio con la mano
A destra: l'elicottero AW139 I-NOST, equipaggiato con sci, in una sequenza fotografica ripresa nei pressi del Parc Pian Villy di Champoluc.
Sotto: l'AB412 I-AIRR sulla verticale dei Laghi Croce.
* Informazioni tratte dal "Diario dei rifugi della Valle d'Aosta" dell'Associazione Gestori Rifugi.
** informazioni tratte dal sito della Regione Valle d'Aosta: http://www.regione.vda.it/protezione_civile/canale_e_i.asp.
SERVIZIO ANTINCENDIO
Spesso lo spegnimento degli incendi in montagna è molto difficoltoso a causa dell'impervietà del territorio e dell'impossibilità di raggiungere con uomini e mezzi le zone interessate. Anche per il servizio antincendio l'elicottero rappresenta a volte l'unico modo di operare velocemente.
Nelle foto a sinistra e in basso sono documentate le operazioni di spegnimento dell'incendio del 23-24 aprile 2006 a Champoluc, che hanno richiesto l'intervento di ben due elicotteri attrezzati con "Bambi bucket", l'Aerospatiale SA315B "Lama" I-ASIO e l'Agusta Bell AB412 I-EHAB, con colorazione simile all'I-AIRR della sezione precedente.

115 Vigili del Fuoco 1515 Corpo Forestale