AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
LA ROCCIA INCISA DEL PALON DI RESY
Video: operazioni di rilievo della roccia
I Laghi di Resy
Il Vallone della Forca
Salita al Palon di Resy e ai Laghi di Resy
Salita al M. Rosso
Foto 1 - Il Palon di Resy visto da nord. A destra inizia il canale.
Foto 2 - La parte alta del canale. In alto visibile la croce di vetta del Palon di Resy.
Foto 3 - La primissima foto della roccia.
Foto 4 - L'intera roccia con la zolla erbosa rimossa. Le incisioni continuano sotto il masso in basso a destra.
Foto 5 - Una fase del rilievo.
Foto 6 - Il gruppo intorno alla roccia subito dopo il rilievo.
Foto 7 - Il cerchio con coppella centrale.
Foto 8 - Una delle figure nascoste dalla terra.
Foto 9 - Alcune delle incisioni nascoste sotto il masso.
Foto 10 - La zona del ritrovamento vista dal Grand Tournalin.
Il 3 agosto 2008 durante un'escursione esplorativa nello sconosciuto e selvaggio canalino a ovest del Palon di Resy io e Davide ci siamo imbattuti in una roccia a dir poco singolare.
Su una roccia infatti, una placca inclinata, di aspetto grezzo e ben radicata nel terreno a differenza dei circostanti massi di frana sicuramente posteriori, abbiamo notato immediatamente dei segni di evidente matrice umana.
Si trattava di alcuni cerchi - uno dei quali con coppella centrale - e di svariati altri disegni a contorno variabile ma tutti ottenuti per picchiettatura con attrezzo litico.
Siamo quindi tornati il giorno 8 agosto per raccogliere dati più precisi in compagnia di Giovanni e Lauretta e procedere al rilievo su telo di nylon e a una migliore documentazione fotografica e video.
Ci siamo subito accorti che le incisioni proseguivano sotto un masso appoggiato su tale roccia, e soprattutto, con tratti molto più netti, sotto la cotica erbosa che la ricopriva a livello del terreno.
Abbiamo quindi provveduto a misurare la roccia, le cui dimensioni sono di m. 2 di larghezza x 1.70 di altezza circa, con l'asse maggiore orientato nord-sud e un'inclinazione di circa 40°. La faccia incisa è rivolta verso ovest; la quota è di circa 2490 m. e le coordinate sono 45° 52,632' N, 7° 45,014' E.
Non è stato possibile trovare nei repertori di incisioni rupestri confronti convincenti; l'unico elemento comune è il cerchio con coppella centrale ma qui le incisioni sono particolarmente rozze. Sono infatti presenti altre figure oblunghe a contorni mistilinei.
La roccia si trova in un luogo impervio, lontana dagli attuali sentieri ma in realtà è posta su alcuni ipotetici percorsi attualmente utilizzati per lo scialpinismo: Resy - Pian di Verra Superiore e Pian di Verra Inferiore - Colle di Bettolina Inferiore.
Un'altra possibile spiegazione di presenza antropica sono le rocce ferrose del vicino M. Rosso.
La notizia del ritrovamento è stata comunicata immediatamente dopo il rilievo al prof. Damien Daudry, presidente della Société Valdôtaine de Préhistoire et d'Archéologie di Aosta ed è stata pubblicata ufficialmente sul Bullettin d'Études Préhistoriques et Archéologiques Alpines n. XIX/2008, organo di tale società, alle pp. 105-109. Il giorno successivo alla distribuzione del bollettino (16 febbraio 2009) le prime foto pubbliche a colori sono state inserite sul forum AroundAyas nel topic dedicato.