AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
MANDROU - COLLE VASCOCCIA - BECCA DI NANA
E
Salita: Mandriou - Becca di Nana. E

Sentiero: 3, poi 3a.
Tempo di percorrenza: 90 - 150 minuti.
Difficoltà: nessun problema fino a circa 2800 metri. Poi il sentiero è per un tratto su terreno detritico, e inclinato lateralmente.

1. La Ca' Zena. Notare l'ancora a sinistra e la sagoma del faro di Genova a destra. Per l'Alpe Mezzan svoltare a sinistra subito prima dell'ancora.
2. All'Alpe Mezzan si attraversa l'area pic-nic e ci si dirige verso la Cappella Sarteur.
3. Dopo la Cappella Sarteur si incontra la strada sterrata. Il cartello indica la quota e la direzione da seguire.
4. "Ultma acqua": si può bere a questa sorgente.
5. Dopo la sorgente procedere sul sentiero a destra.
6. Dopo la sorgente si attraversa l'ultimo tratto in piano. Da qui in poi è tutta salita.
7. Ed eccoci in salita. Non ci sarà più nessun tratto in piano fino alla vetta.
8. Si raggiunge e supera la quota dello Zerbion, che comincia a sembrare meno imponente. E anche meno irraggiungibile, se non ci siamo mai stati.
9. Il sentiero sale su pietraia, ormai oltre i 2800 metri. È necessario fare un po' di attenzione a non scivolare. In basso il Colle Vascoccia, a poco più di 2550 metri, il monte Facciabella (2570) e il versante sud del Vallone di Nana.
10. Il sentiero qui è piuttosto instabile, essendo inclinato anche lateralmente. Si procede senza fretta.
11. Oggi siamo stati fortunati, e la fatica è stata ripagata: ecco un branco di stambecchi alla nostra sinistra. Ci vedono ma non hanno paura, sono abbastanza lontani.
12. Dal filo dei 3000 metri, ecco finalmente la cima, con la croce con parafulmine e l'altare. Ancora qualche sforzo e sarà raggiunta.
13. La vetta della Falconetta. In basso lo Zerbion.
14. L'altare contiene una preghiera dedicata ai 18 Alpini morti in un incidente presso Ponte di Legno nel 1954.
15. Una panoramica di circa 270° dalla cima della Falconetta. La giornata purtroppo non è perfetta, e le cime del Rosa sono coperte. Comunque sono visibili molte vette e colli, buona parte della Valle d'Ayas, della Valtournenche e il Gran Paradiso. È disponibile qui una versione con i nomi di colli, cime e località principali.
16. Altra panoramica dalla cima, questa volta più ridotta e in direzione nord-ovest, con la Valtournenche. Il Cervino è purtroppo coperto. Anche QUI è disponibile una versione coi nomi di alcune cime e località.
17. La vetta della Falconetta vista dal Bec Trecare (escursione 14).
Questa è, insieme alle Cime Bianche e al Mezzalama, una delle camminate più classiche di questa raccolta per quanto riguarda le quote intorno ai 3000 metri. La partenza è a Mandrou, raggiungibile in auto svoltando a destra dove segnalato salendo da Champoluc verso Antagnod. Da Mandrou il cammino inizia seguendo la sterrata che sale girando attorno al paese fino a raggiungere la Ca' Zena (foto 1), inconfondibile, con una grossa ancora e la sagoma della lanterna di Genova all'ingresso.
Si prosegue sul ripido sentiero a sinistra, che porta all'Alpe Mezzan. L'ultima parte del sentiero prima dell'alpeggio è compresa tra due steccati che delimitano i pascoli.
Arrivati all'alpeggio, che è anche negozio di prodotti tipici, ristorante e agriturismo ("La Tchavana"), si attraversa l'area pic-nic (foto 2) e si prosegue verso la Cappella Sarteur sul sentiero n. 3.
Passando a sinistra della cappella, si raggiunge la strada sterrata in corrispondenza di un cartello (foto 3) che indica il Sentiero degli Alpini e la quota attuale (2280 m.). Si segue l'indicazione verso sinistra, e si arriva all'Alpe Vascoccia. Il sentiero è il 3a (il 3 porta al Colle Vascoccia).
Si continua dall'alpe sempre sul sentiero n. 3a; poco dopo si arriva a una sorgente (foto 4). Su un masso c'è la scritta "ultima acqua": è vero, non se ne trova altra sul cammino. Riempite le borracce se non sono già piene. Poi si procede sul sentiero a destra della sorgente (foto 5).
Il sentiero attraversa una radura (foto 6), e poi comincia a salire tagliando trasversalmente il pendio. È ben visibile, non c'è il rischio di sbagliare strada (anche perchè è l'unica).
La pendenza non è eccessiva, ma costante (foto 7), e ci vuole un minimo di resistenza. Si raggiunge e si supera la quota della cima dello Zerbion (foto 8), che da imponente montagna comincia ad apparire sempre più basso.
Poco dopo le cose iniziano a farsi più serie. Siamo già oltre quota 2800 metri, e il sentiero non attraversa più comodi prati, ma una fine pietraia (foto 9). Scarponi inadatti possono faticare a fare bene presa su questo terreno, è necessario fare molta attenzione a ogni passo perchè il sentiero è sempre più friabile ed è inclinato anche lateralmente (foto 10), verso un pendio piuttosto ripido. Si continua a salire senza fretta: sicurezza innanzitutto. Si arriva a 2900 metri, il sentiero gira attorno alla montagna in senso orario.
A questo punto il più è fatto. A destra (foto 12) comincia a emergere dalla roccia la croce metallica con parafulmine e il piccolo altare posti in cima (foto 13). Ancora un piccolo sforzo e la vetta è conquistata.
Il piccolo altare (foto 14) contiene un cappello da Alpino, una preghiera dedicata a diciotto Alpini morti in un incidente nel 1954 e una copia ridotta della copertina della Domenica del Corriere che ricorda il fatto. Ogni 14 agosto su questo altare viene celebrata una Messa (foto sotto).

La Messa sulla Falconetta del 14/8/2006.
Discesa: Becca di Nana - Mandrou.

Sentiero: 3a, poi 3.
Tempo di percorrenza: 80 - 120 minuti.
Difficoltà: È necessaria la giusta dose di attenzione, come in salita se non di più, soprattutto nel primo tratto.

È semplicemente lo stesso tragitto percorso durante la salita.
Nel primo tratto, sul sentiero di roccia friabile, pesate bene ogni passo. Scivolare e farsi male è forse più facile scendendo che salendo.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS
Il tracciato GPS dell'intero percorso.
Cliccare sull'immagine sopra per scaricare il tracciato per GPS TrackMaker. NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.
PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico (ricavato dai dati del GPS) del percorso da Mandrou alla cima del Bec de Nana. Non ci sono grossi salti; il percorso ha un'inclinazione più o meno costante.
Note meteorologiche:
La zona è assolata fin dalle prime ore del mattino, ma il sole tramonta presto (in estate comunque non ci sono problemi). Da non trascurare la tendenza del Vallone di Nana, a nord della Falconetta, a riempirsi velocemente di nuvole in presenza di vento da sud. In generale, comunque, è opportuno rimandare la salita se la giornata non è almeno quasi perfetta; nuvole sulle cime già di mattina sono indicatori di tempo in possibile peggioramento. Da non sottovalutare il vento, a 3000 metri può essere molto forte e non ci sono ripari.
Periodo consigliato:
È possibile effettuare questa passeggiata senza attrezzature supplementari quando la zona è completamente libera da neve e ghiaccio. Ovviamente luglio-agosto, ma una perturbazione può portare neve al di sopra dei 2000 metri anche in piena estate (succede quasi tutti gli anni).
Il percorso è stato comunque provato anche in inverno, con condizioni di innevamento piuttosto scarso, senza dare troppi problemi nè richiedere l'uso di racchette o ramponi.
Attrezzatura:
Sono altamente consigliabili degli scarponi in grado di assicurare una tenuta perfetta su ogni tipo di terreno. Portatevi qualcosa di nutriente per il pranzo, e non dimenticate del cioccolato. Mettete nello zaino un K-Way o una mantella impermeabile. Portatevi qualcosa di pesante e resistente al vento da mettere in cima, anche in estate potete trovare temperature piuttosto basse.
Per la salita in inverno portatevi, oltre a vestiti estremamente caldi, le racchette da neve e tenete nello zaino anche i ramponi. Se la neve è poca potreste non avere bisogno di niente di tutto ciò, ma non si può prevedere con certezza in anticipo. In ogni caso, consultare attentamente il bollettino valanghe.
Incontri:
Il sentiero è molto conosciuto e frequentato. Il 14 agosto viene celebrata una Messa sulla cima, con la partecipazione di molte persone.
Quanto agli animali, è probabile l'incontro con i gracchi, e possibile quello - magari meno ravvicinato - con stambecchi, camosci e con l'aquila. I fischi delle marmotte tengono compagnia per buona parte del percorso.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (4):
4. Rikman 18/09/2015, 17.08.08
Utente registrato
Età: 70 anni

Valutazione:
Escursione rifatta poco dopo ferragosto, tempo non bellissimo, un po' di nubi in vetta, abbastanza freddo per il periodo, al rientro incontro ravvicinato con stambecchi ed Aquila in volo
3. Wiking53 18/08/2015, 19.39.24
Utente registrato
Età: 65 anni

Valutazione:
Ottimo
2. BETTY 15/08/2013, 12.14.26
Utente non registrato
Valutazione:
12/08/2013 bellissima escursione con bimba di 9 anni e le nostre 2 cagnolone,bellissimo panorama (tra una nuvola e l'altra) e incrontro super ravvicinato con marmotte e stambecchi tra cui una mamma che allattava il nsuo piccolo...fantastico.grazie al sito AyasTrekking
1. Stefano 25/08/2011, 16.09.48
Utente non registrato
Valutazione:
Indicazioni impeccabili e precise; Complimenti! 25-08-2011 giornata meteo non ottimale. Itinerario fantastico in totale solitudine; solo marmotte e stambecchi...e tante, tante mucche. SPETTACOLO!! Da ripetere!
Indietro all'elenco degli itinerari