AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
BARMASC - COLLE PORTOLA - M. ZERBION
E
Lo Zerbion è senza ombra di dubbio una delle mete più frequentate della Valle d'Ayas, raggiungibile anche dalla Valtournenche. È quindi un itinerario poco adatto a chi ricerca solitudine e silenzio in montagna, per lo meno durante la stagione estiva. Il perchè della quantità di escursionisti che si cimentano nell'ascesa allo Zerbion va ovviamente cercato nell'eccellente rapporto tra la panoramicità della vetta e l'impegno fisico necessario per raggiungerla. Con buone condizioni meteorologiche è possibile riconoscere gran parte delle cime della Valle d'Aosta, oltre ovviamente alla Val d'Ayas, alla Valtournenche e alla valle centrale fino ad Aosta. Sono inoltre osservabili buona parte dei massicci del Bianco e del Rosa, il Cervino, il Grand Combin, il Rutor, il Gran Paradiso e altre note vette tra cui l'Emilius, la Tersiva. La camminata ha inizio a Barmasc, comodamente raggiungibile a piedi (escursione 56) o in auto da Antagnod, svoltando all'inizio del paese dove indicato dai cartelli, a destra provenendo da Champoluc.
La salita è stata testata anche in condizioni invernali, con notevole innevamento almeno sul versante ayassino, rivelandosi fattibile con attrezzatura e preparazione alpinistica. In questo caso è assolutamente indispensabile fare grande attenzione al rischio valanghe provocate dalle cornici sulle creste intorno al Colle Portola, nonchè alle cornici stesse lungo la cresta nord e a probabili tratti ghiacciati intorno alle anticime (per i dettagli si rimanda al racconto "Il mito dello Zerbion" nella sezione "Piccole storie quotidiane").
Lo Zerbion è inoltre raggiunto da un sentiero proveniente da Promiod, descritto nell'itinerario 4b.
Tratto 1: Barmasc - Colle Portola m. 2410. E

Sentiero: 2/105.
Tempo di percorrenza: 70 - 100 minuti.
Difficoltà: percorso molto ben segnalato, inizialmente elementare con un ultimo tratto più ripido, con terreno friabile e con punti lievemente esposti.

1. Il parcheggio di Barmasc e, al centro della foto, l'inizio del sentiero.
2. Attraversamento dell'area pic-nic, con due segnavia sulla lastra di pietra a sinistra della strada.
3. Il Pian delle Signore. Si nota il pannello a destra del sentiero con la storia del Ru Cortot.
4. Lasciare la strada alla fine del Pian delle Signore.
5. Il sentiero che sale nel bosco dopo il Pian delle Signore.
6. La radura dopo la stazione IV.
7. La radura con la stazione V.
8. Il Pian Portola e il sentiero che sale verso il Colle Portola.
9. Il sentiero che sale dal Pian Portola.
10. Il sentiero punta più ripido verso il valico.
11. Il sentiero si allarga durante la salita.
12. Una delle serie di gradini intagliati nella roccia.
13. Arrivo al Colle Portola.
14. Il versante ovest del Colle Portola, con la stazione XII e la palina con le indicazioni.
Il parcheggio di Barmasc è costituito da due aree su livelli leggermente differenti; arrivando in auto da Antagnod si incontra prima quella più alta e si prosegue poi con qualche metro di discesa fino alla successiva, dove la strada ha termine. In alternativa è possibile prolungare l'itinerario partendo da Antagnod, seguendo fino a Barmasc l'itinerario 56.
Qui è presente una fontana dove poter prelevare acqua fresca; alla sua sinistra, a fianco di una costruzione (vuota) in legno, si trova una palina con diverse indicazioni, in corrispondenza delle quali inizia il sentiero per lo Zerbion (foto 1). I cartelli riportano un tempo di 3h10', verosimile in caso di andatura piuttosto lenta.
Il cammino (qui su strada sterrata chiusa al traffico) attraversa per prima cosa con scarsa pendenza la piccola area pic-nic attrezzata con servizi, griglie e tavoli; qui si incontrano i segnavia 2 e 105 (foto 2).
Superata l'area pic-nic la pendenza aumenta; rimanendo sempre sulla stessa strada si raggiunge in pochi minuti il Pian delle Signore o Cianciavellà, ampia radura solitamente frequentatissima attraversata dall'antico canale di irrigazione noto come Ru Cortot ancora in funzione anche se più che altro a scopo turistico (foto 3). A destra della strada, nei pressi del ponte che scavalca il canale, si trova un pannello che ne illustra la storia e il progetto di recupero (ancora in corso).
Superato il canale si incontrano le prime stazioni (qui di seguito utilizzate come riferimento lungo il cammino) della Via Crucis che avrà termine alla prima anticima nord dello Zerbion. La relativa processione si svolge ogni anno il 17 agosto.
Prima del termine della radura si lascia la strada (che piega verso sinistra per portarsi verso il pozzo piezometrico del Ru Cortot) tenendosi sulla destra (foto 4). Si procede ora non più su strada ma su sentiero, comunque largo, tracciato e visibile (foto 5), identificato ancora da segnavia 2 e 105, che sale abbastanza ripido nel bosco con l'aiuto di qualche gradino; il sentiero è stato ritracciato nel 2000 ad uso processione, si incontrano pertanto alcune biforcazioni, i cui rami sono uno il sentiero "nuovo" e l'altro il tradizionale. Non c'è grossa differenza tra le due varianti, che finiscono comunque sempre per riunirsi poco dopo, né ci possono essere dubbi circa l'esattezza del cammino grazie alla costante presenza di segnavia 2 e 105.
Più in alto, dopo la stazione IV della Via Crucis, il bosco inizia a farsi più rado e si incontra una piccola radura (foto 6), in cui il sentiero è indicato anche da una frecce gialle dipinte sulle rocce; si rientra poi nel bosco per uscirne nuovamente in una nuova radura che ospita la stazione V (foto 7).
Prima della stazione VI si sbuca nel Pian Portola (foto 8), lasciando definitivamente le aree boschive. Questo piano - o per meglio dire falso piano - è uno slargo erboso costellato da macigni di varie dimensioni; tra questi uno è un masso rossastro la cui superficie superiore, orizzontale, è incisa con coppelle la cui datazione è pressochè impossibile e il cui scopo è incerto: mappa celeste, indicazioni terrestri, luogo di offerte o altro.
Senza lasciare il sentiero si intraprende un nuovo tratto in salita che taglia verso sinistra il pendio che sovrasta il Pian Portola (foto 9) e punta decisamente, con pendenza moderata, verso il Colle Portola (foto 10).
Intorno a 2250 m. di quota il sentiero si frammenta in mille tracce ma non si disperde (foto 11); è indifferente quale seguire, ma in generale per semplicità conviene lasciare la stazione VIII una decina di metri a sinistra (ricalcando di fatto la traccia del sentiero originale).
Inizia qui la parte per così dire più "impegnativa" del percorso, con il sentiero che sale via via più ripido su terreno a tratti friabile, con veloci tornantini, qualche gradino intagliato nelle placche di roccia (foto 12) a suon di martello pneumatico e punti leggermente esposti (aggirabili) in direzione del valico, che viene infine raggiunto (foto 13). Sulla sommità del colle si trova la stazione XII.
Questo è uno stretto intaglio a V nella cresta di confine con la bassa Valtournenche caratterizzato dal ripido versante ayassino, appena superato, e da un più dolce e verdeggiante pendio verso ovest. Da qui la visuale si apre sulla Valle Centrale, e il cammino lascia la Val d'Ayas per procedere nel territorio del Comune di Châtillon (foto 14).
Una serie di indicazioni permettono di identificare i sentieri per lo Zerbion - descritto qui sotto e oggetto di questa pagina - per il Col de Joux e per il Tantanè (escursione 23).
Tratto 2: Colle Portola m. 2410 - M. Zerbion m. 2722. E

Sentiero: 2/6/105.
Tempo di percorrenza: 60 - 80 minuti.
Difficoltà: nessuna. Un bivio da identificare correttamente.

15. Superato il Colle Portola il sentiero rimane sul versante ovest. Si possono riconoscere le due anticime.
16. Il superamento della prima anticima.
17. Il piccolo spiazzo con la stazione II.
18. Il sentiero continua tra erba e sassi verso la seconda anticima.
19. La freccia gialla nell'ellisse indica il nuovo sentiero verso sinistra.
20. La serie di tornantini dopo il bivio della foto precedente.
21. Superata la seconda anticima, il sentiero procede per un tratto lungo cresta dove è posta la stazione meteorologica.
22. Il sentiero verso la vetta visto dalla stazione meteo.
23. Il sentiero aggira la vetta sul versante ovest.
24. Arrivo in vetta da sud-ovest.
Giunti al Colle Portola si svolta dunque a sinistra trascurando le altre direzioni. Il sentiero qui è largo, su terra battuta con cordoli trasversali per impedire l'erosione del terreno ad opera dell'acqua, e sale dolcemente mantenendosi parallelo alla cresta ma a leggera distanza da questa (foto 15). Presto appare (alle spalle) il Cervino, mentre si aggira la prima anticima che ospita una croce e un piccolo altare con una struttura in cemento ospitante una scultura rappresentante un'Ascensione sul cui retro è posta una cassetta metallica con il quaderno di vetta (non è comunque necessario raggiungere la sommità di questa anticima benchè sia un buon punto panoramico e rappresenti il termine della Via Crucis).
Superata l'elevazione (foto 16) il sentiero si porta nelle immediate vicinanze della cresta; per chi soffre di vertigini è comunque possibile rimanere a diversi metri dal precipizio. La distanza va ulteriormente aumentata in presenza di neve: in questo tratto si formano facilmente pericolose cornici, sporgenti sulla parete est, su cui bisogna assolutamente evitare di mettere i piedi.
Poco dopo il sentiero si porta nuovamente sul versante ovest lasciando la cresta; si sfiora un piccolo spiazzo con una panchina, ospitante la stazione n. II della serie dei Misteri Gioiosi con una panca in legno (foto 17), e si procede sempre su sentiero ben tracciato verso la seconda anticima (foto 18).
Avvicinandosi all'anticima si giunge ad un bivio indicato da una freccia gialla (foto 19). Qui è caldamente consigliato seguire l'indicazione; proseguendo dritti ci si ritroverebbe infatti sul vecchio sentiero che comprende un punto interessato da una frana, comunque superabile ma con più attenzione.
La freccia gialla indica invece una nuova traccia qualche metro più a monte; si risale il pendio con alcuni tornanti (foto 20) per guadagnare leggermente quota e poi aggirare l'anticima orizzontalmente. Superato il costone si è ormai a portata ottica della vetta.
Si scende qualche metro per portarsi alla base della parete rocciosa dell'anticima; qui si incontra, proveniente da destra, la traccia del sentiero tradizionale ora sostituito da quello appena percorso e, subito dopo, una piccola grotta naturale scavata dal vento. Qui alcuni anni fa erano state poste decine di statuette, santini ed immagini religiose; nonostante sia stata successivamente riportata alle condizioni naturali, ultimamente le statue stanno tornando a popolarla.
Superata la parete ci si riporta nei pressi della cresta, continuando a salire lievemente (foto 21).
Su questo tratto di cresta è posta una stazione di rilevamento meteorologico.
Da qui la grande statua della Madonna posta in cima è ben visibile, e si affronta così l'ultimissimo tratto di salita (foto 22).
Il sentiero lascia ancora la cresta e attraversa il pendio costituito qui da erba e sassi affioranti puntando a destra della statua, che viene aggirata in senso antiorario fino a trovarsi a sud-est della cima (foto 23); qui da destra confluisce il sentiero proveniente da Promiod (escursione 4b).
Con un'ultima rampa più ripida su roccia e terreno piuttosto friabile si guadagna infine la vetta dello Zerbion (foto 24).
Sull'angolo sud-ovest del basamento della statua è posta una targa metallica con una breve poesia in quattro versi del poeta piemontese Giovanni Calchera, dal titolo "La Madòn-a dël Zerbiòn", in dialetto piemontese con traduzione in italiano.
Nota: La grande statua in cemento bianco della Madonna dello Zerbion, o Madonna delle Alpi, è stata ideata dal Comitato Femminile di St.-Vincent e posta in loco nel 1932 in memoria dei grandi eroi d'Italia, come riportato sulla targa in bronzo posta sulla parete sud del piedistallo. La stessa targa riporta i nomi di 24 cooperatori insigni elencati in due colonne; il primo nome della colonna sinistra è stato rimosso ma è ancora riconoscibile: Benito Mussolini. La prima riga della colonna destra riporta invece quello del Cappellano Militare Don Edmondo De Amicis, religioso della RSI omonimo del più noto scrittore.
Una seconda targa in pietra, al di sopra dell'architrave della porta di accesso al locale interno al piedistallo, riporta la scritta "AVE STELLA ALPIVM! MATER MILITUM DVLCISSIMA! REGINA PACIS!" e la data dell'opera: 1932 - X°.
Più in alto, subito sotto la statua, una targa in pietra più grezza riporta la dicitura "POSUERUNT ME CUSTODEM".
Sul resto della superficie della parete sono state fissate del corso dei decenni ulteriori targhe, targhette, immagini, foto, scritte ecc. ecc.
La statua è stata restaurata nel luglio del 1993 su commissione della Comunità Montana Monte Cervino, come documentato da una targhetta posta sul retro della statua stessa.
Tratto 3: M. Zerbion m. 2722 - Barmasc. E

Sentiero: 2/6/105, poi 2/105.
Tempo di percorrenza: 100 - 130 minuti.
Difficoltà: Un bivio da identificare correttamente nei pressi della seconda anticima. Sentiero friabile sotto il Colle Vascoccia.

25. Inizio della discesa. Seguire il sentiero in rosso che piega a sinistra, evitando quello in blu che scende verso Promiod.
26. Il tratto che porta verso la seconda anticima. Si nota già la diramazione (in verde) da evitare.
27. La prima anticima. Il sentiero diretto per il Colle Portola è in rosso; in verde la digressione verso la cima.
28. Discesa verso il Pian Portola. L'ellisse evidenzia la posizione del masso coppellato.
29. Ritorno al Pian delle Signore.
Il tragitto è lo stesso seguito per la salita. 
Si lascia la vetta dello Zerbion scendendo inizialmente verso sud-ovest; si incontra subito un bivio (foto 25) dove si separano il sentiero per Promiod e quello che riporta al Colle Portola, seguendo quindi quest'ultimo verso destra.
Il sentiero aggira così la vetta, portandosi sul pendio ovest e successivamente nei pressi della cresta in corrispondenza della stazione meteo, cresta che viene seguita fino alla prima anticima (foto 26).
Rimanendo sulla traccia alla base della parete si supera la grotta giungendo ad una biforcazione, già visibile nella foto 26: è consigliabile seguire il ramo destro, che è il sentiero più recente, mentre il sinistro è il sentiero più vecchio che, come si è detto durante la descrizione della salita, è stato interessato da uno smottamento e richiede più attenzione.
Aggirata l'anticima si perde quota con una serie di tornantini, incontrando alla base di questi il sentiero scartato al precedente bivio: si svolta verso destra in direzione della prima anticima.
Questa viene raggiunta dopo un nuovo breve tratto nei pressi della cresta (foto 27); è possibile - anche se del tutto facoltativo - raggiungerne la sommità, e poi scendere sul versante opposto per riprendere il sentiero principale.
A nord dell'anticima il cammino per il Colle Portola è breve. Dal colle è possibile eventualmente, anzichè scendere, proseguire in cresta fino al M. Tantanè, come descritto nell'itinerario 23 dal tratto 2 in avanti, o in alternativa scendere a Promiod (tratto 3 dell'escursione 4b)
Per tornare a Barmasc, punto di partenza di questo itinerario, si attraversa il valico per portarsi sul versante ayassino.
Qui si affronta il primo tratto di discesa ripida, con tornantini e scalini intagliati nella roccia, fino al meno tormentato traverso che conduce al Pian Portola (foto 28).
Mantenendosi sul sentiero si attraversa la breve alternanza di bosco e piccole radure raggiungendo poi il Pian delle Signore (foto 29), dove, raccolta la confluenza della strada da destra, si attraversa il ponte sul Ru Cortot rientrando nuovamente nel bosco: in pochi minuti di discesa si torna così al punto di partenza, il parcheggio di Barmasc.
TUTTO IN UN'IMMAGINE...

Clicca per ingrandire
Il cammino verso la cima dello Zerbion visto dal Colle Bettaforca. La partenza è a Barmasc, evidenziata in blu; si procede verso il Pian Portola, segnato in azzurro e da lì al Colle Portola, la tacca appena sopra il pallino giallo. Dal colle il sentiero passa alternativamente in costa e sull'altro versante, più dolce, per giungere finalmente in cima (segno rosso).
Sotto a Barmasc si vede chiaramente Antagnod, col suo campanile, e alla sua sinistra Lignod.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS L'immagine a sinistra riporta la cartina dell'area interessata dall'escursione completa di isoipse a 20 m., sentieri principali e relativa numerazione, corsi d'acqua, strade, costruzioni, tutte le stazioni della Via Crucis e delle lapidi dei Misteri Gioiosi e reticolo WGS84.
Il rilevamento del Pian delle Signore è stato effettuato all'intersezione del sentiero col Ru Cortot.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai movimenti nel giorno in cui il dato sentiero è stato percorso con il GPS, e può contenere imprecisioni dovute a spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Può essere utilizzato come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, ma NON va seguito se sembra dirigersi in posti assurdi.

Cliccare sull'immagine a sinistra per scaricare i tracciati per GPS TrackMaker, Google Earth e in formato GPX e una cartina in formato PDF.
PROFILO ALTIMETRICO
Il profilo altimetrico della salita da Barmasc allo Zerbion, ricavato dai dati del GPS.
Si nota chiaramente come la partenza sia quasi pianeggiante, seguita da una salita più pronunciata e costante, la cui pendenza aumenta prima del Colle Portola. Successivamente il sentiero è meno ripido fino all'ultimissimo cambio di pendenza che conduce in vetta.
Note meteorologiche:
La vista di cui è possibile codere dalla cima dello Zerbion consiglia la scelta di una giornata perfetta. È da notare come la cima dello Zerbion sia uno dei primi punti su cui tendono ad addensarsi le nuvole; il motivo è presto detto: durante il giorno la brezza calda e umida proveniente dalla pianura attraverso la valle centrale ne incontra la curva di 90° nella zona di St.-Vincent, e inizia a salire lungo il pendio sud dello Zerbion, raffreddandosi e condensando. Una piccola nuvola che avvolge la cima è sufficiente a rovinare il gusto della camminata, e tra l'altro è indice di aria umida proveniente da sud e anche di possibili temporali. Se possibile, è preferibile un giorno con vento da nord, più freddo forse, ma più secco.
Periodo consigliato:
È possibile effettuare questa escursione in tutto il periodo dell'anno in cui non c'è neve, quindi generalmente da maggio a settembre (ma non sono da escludere, sulla cima, nevicate anche in estate. All'inizio della stagione è probabilissimo trovare presso il Col Portola o sul versante in ombra dello Zerbion nevai residui che potrebbero creare qualche problema.
Volendo affrontare la salita in condizioni veramente invernali è necessario prestare molta attenzione al pericolo di valanghe fino al Colle Portola, alle cornici in cresta e ai tratti in ombra intorno alle anticime; il percorso è classificabile come F (alpinistico facile) e richiede capacità e attrezzatura adeguate. La descrizione della mia salita in invernale del 4/2/07 è nel racconto "Il mito dello Zerbion" nella sezione "Piccole storie quotidiane".
Attrezzatura:
Come per tutte le escursioni presentate in queste pagine, è consigliabile essere equipaggiati con un buon paio di scarponi da montagna, che garantiscano la necessaria anche sulla terra. Portatevi qualcosa di nutriente per il pranzo, e non dimenticate una tavoletta di cioccolato. Mettete nello zaino un K-Way o una mantella impermeabile, non si sa mai. Assolutamente indispensabile una borraccia, da riempire PRIMA di iniziare a salire. L'unica fontana disponibile è a Barmasc, sul bordo del parcheggio, vicino all'inizio della sterrata per il Pian delle Signore. Il percorso, eccetto la prima parte fino al Pian delle Signore, è quasi completamente al sole. Al di sopra del Pian Portola la vegetazione ad alto fusto si dirada fino a scomparire.
La zona è piuttosto ventosa, e pertanto è necessario avere a disposizione indumenti adatti.
Incontri:
La zona è frequentatissima per tutta la stagione estiva. Da settembre è meno probabile trovare troppe persone sui sentieri; questo può favorirvi nell'osservazione della fauna locale (gli stambecchi sono un avvistamento comune). Non è impossibile avvistare un'aquila, ed è molto probabile vedere dei falchi intorno alla cima, oltre ai comunissimi gracchi.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (6):
6. Wiking53 18/08/2015, 20.24.27
Utente registrato
Età: 65 anni

Valutazione:
Splendido panorama
5. Rodolfo cristina 25/09/2013, 15.13.39
Utente non registrato
Valutazione:
siamo saliti il 20/09/13 dura faticosa ma stupenda tempo bellissimo da rifare
4. LaDella 04/07/2011, 18.40.56
Utente non registrato
Valutazione:
Siamo saliti allo Zerbion mercoledi 29 giugno. Tempo bellissimo e solo 2 persone in vetta. Rientro al col Portola via Valtournenche, sentiero 7 e 12. Bella passeggiata, data la semplicita' adatta anche a chi sta soffrendo di "sindrome da scarponi nuovi" ..... ;-)
3. Lothlorien66 15/07/2009, 11.15.30
Utente registrato
Età: 52 anni

Valutazione:
L'escursione è stata decisamente positiva, la consiglio a chi vuole godere di un panorama mozzafiato, portando con se tutta la famiglia in un itinerario poco impegnativo!
2. Daniel 02/09/2008, 12.45.14
Utente non registrato
Valutazione:
Peccato che siamo saliti con parecchie nuvole che ci hanno in parte rovinato il panorama in cima. In compenso il tempo tormentato ha reso il tutto ancora più suggestivo. La camminata è molto bella e offre viste davvero spettacolari sulla Val d'Ayas dalla cresta del Col Portola. Abbiamo anche visto un piccolo camoscio, fatto abbastanza raro in una zona così frequentata.
1. Carlo Maria 20/07/2008, 17.02.06
Utente non registrato
Valutazione:
Segnalo invece di evitare totalmente di seguire l'indicazione di un sentiero che dovrebbe portare direttamente allo Zerbion (2 ore) e che non ho rintracciato (mi sono trovato ad una stazione RAI). Ho fatto ieri (19/07/2008) per la prima volta questa escursione, ed in effetti la vista dallao Zerbion sarebbe impressionante. Dico sarebbe perchè - lo dico da cattolico praticante - l'incombente statua posizionata in cima (un'orrenda massa biancastra visibile da tutta la valle. Di più brutte ho visto solo quella dell'Alpe Motta, peraltro in contesto totalmente differente) snatura totalmente il luogo oltre ad essere, per uno come me che ha rispetto di ogni culto, offensivo per chi cattolico non è. Lo stesso sentiero (al di là di quanto già scritto) è "funestato" di lapidi che più che una via crucis rammentano un cimitero. Mi domando il perchè (se proprio si doveva) non si è scelto di apporre delle semplici piccole croci metalliche come usasi in ogni consesso civilizzato.
Indietro all'elenco degli itinerari