AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
BARMASC - COLLE TANTANÈ
E
Il sentiero che percorre la cresta tra la cima dello Zerbion e il Colle Pillonet viene tradizionalmente raggiunto da Barmasc via Colle Portola (tratto 1 dell'itinerario 4) o Colle Pillonet (itinerario 48). Tra i due colli il percorso, con difficoltà EE (ma ritracciato e attrezzato nell'autunno del 2017), tocca un valico secondario poco a nord della biforcazione che permette di raggiungere anche il M. Tantanè. Questo passo, un modesto avvallamento detritico, è conosciuto come Colle Tantanè ed è riconoscibile anche dal basso a causa della presenza di un ripetitore passivo .
Nell'estate del 2017 è stato ritracciato un sentiero ormai caduto in disuso da tempo, che rappresenta ora la via più diretta per raggiungere il Colle Tantanè: si tratta del sentiero 2B qui descritto.
La difficoltà di questo percorso è classificata EE a causa dell'assenza di traccia a terra per buona parte dello sviluppo, tratti decisamente ripidi, segnavia radi.
Questa salita, con uno sviluppo di soli 3,6 Km, può inoltre costituire una via più diretta per raggiungere l'attacco del M. Tantanè.
Salita: Barmasc m. 1830 - Colle Tantanè m. 2612 EE

Sentiero: 2B.
Tempo di percorrenza: 110' - 140'.
Difficoltà: traccia a terra non sempre presente, segnavia distanziati, terreno disagevole.

1. La partenza del sentiero a sinistra del maneggio di Barmasc.
2. Al primo bivio si lascia la strada più battuta e si svolta a sinistra.
3. Al secondo bivio si segue la freccia gialla verso destra abbandonando la stradina.
4. Incrocio con il sentiero 5 che costeggia il Ru Cortot.
5. Ulteriore bivio: il sentiero più battuto porta a destra, ma si segue la debole traccia a sinistra.
6. Incrocio con la strada orizzontale e attraversamento.
7. Un piccolo guado e l'abbeveratoio.
8. La radura va attraversata seguendo i segnavia, gli ometti e le frecce gialle.
9. Salita verso la paretina, ormai senza traccia a terra.
10. La piccola parete, su cui sono tracciati diversi segni, va sfiorata lasciandola a sinistra.
11. La salita prosegue cercando le rade indicazioni sulle rocce.
12. La traccia attraversa zone erbose e qualche area detritica.
13. Un punto della salita tra le rocce.
14. Si attraversa una piccola pietraia.
15. La successiva pietraia viene aggirata a monte.
16. Inizio dell'attraversamento della zona mista detritica/erbosa.
17. Si alternano aree erbose e detritiche puntando alla gobba di fronte.
18. Salita ripida su terreno detritico.
19. Si intercetta il costone che punta verso il colle.
20. Il costone permette di raggiungere la cresta in un punto a sinistra del pannello.
21. Il grande ometto che rappresenta l'arrivo alla conca del Colle Tantanè.
22. Il Colle Tantanè e il M. Tantanè sullo sfondo.

La partenza di questo itinerario è di fianco al maneggio nei pressi del parcheggio di Barmasc (foto 1). Qui sono già presenti i segnavia 2B.
Si segue la stradina in leggera salita per un breve tratto fino ad un primo bivio (foto 2): qui la strada più battuta (2A) prosegue verso destra, mentre il 2B si separa verso sinistra entrando nel bosco.
Poco dopo, ad un secondo bivio (foto 3), si lascia definitivamente la carrareccia seguendo il sentiero indicato anche da una freccia gialla dipinta su una piccola roccia in corrispondenza della biforcazione.
Dopo un tratto nel bosco si incrocia il sentiero 5, che costeggia il Ru Cortot (a sinistra porta al Pian delle Signore mentre a destra verso Mandrou/l'Alpe Mezzan), e si attraversa il canale guadandolo o su un ponticello proseguendo sempre dritti sul 2B (foto 4), che sale.
Si incontra un'ulteriore diramazione; il sentiero principale curva lievemente a destra, ma il 2B prosegue invece, meno evidente, a sinistra. Una freccia gialla indica anche qui la direzione (foto 5); poco dopo si incontra una strada poderale orizzontale (foto 6) e la si incrocia, seguendo sempre frecce gialle e segnavia 2B.
Il sentiero procede ora con scarsa pendenza. Si supera un piccolo guado in corrispondenza del quale è posto un abbeveratoio (foto 7), poi la pendenza aumenta.
Si sbuca preso in una radura utilizzata come pascolo e, superata una fontana, la si attraversa trovando la traccia grazie a frecce gialle, ometti di pietre e segnavia 2B.
Successivamente la traccia a terra scompare, ma le frecce gialle continuano ad indicare la direzione da seguire per prendere ora decisamente quota; con una traiettoria leggermente curva verso destra (foto 9) si raggiunge una piccola parete, alla cui sinistra è posta una lapide, e la si sfiora lasciandola sulla sinistra (foto 10) dopo una diagonale in salita.
Si sale ancora tagliando il pendio e con qualche tornante, puntando poi verso un lieve avvallamento nel terreno. Le frecce gialle e gli ometti sono visibili ma decisamente distanziati ed è necessario cercarli con cura sulle rocce affioranti; questi invitano a puntare verso una pietraia al di là di un piccolo dosso erboso (foto 11). Si sfiorano anche aree detritiche (foto 12).
Un traverso in direzione del Lyskamm Orientale (se visibile) porta ad attraversare una zona tra rocce affioranti (foto 13). Si attraversa poi una piccola pietraia (foto 14), accompagnati da ometti e frecce momentaneamente più fitti.
La successiva pietraia viene poi aggirata passando a monte (foto 15), immettendosi così in una zona in cui si alternano aree detritiche ed erbose (foto 16). Qui passando alternativamente da una all'altra si punta - accompagnati come sempre dalle frecce e dagli ometti, alla gobba erbosa di fronte (foto 17), che viene raggiunta dopo una salita ripida sui prati con qualche tornante su terreno detritico (foto 18).
A quota 2530 circa si intercetta un costone che sale diretto verso il ripetitore passivo posto nei pressi del Colle Tantanè; la traccia lo segue dapprima mantenendosi sulla cresta (foto 19) e poi sul lato destro.
Al termine della ripida salita si passa a sinistra del ripetitore (foto 20) e nei pressi di un grande ometto di pietre (foto 21) che rappresenta anche la quota maggiore di questo itinerario, accedendo così ad un ampio avvallamento detritico, che costituisce il Colle Tantanè (foto 22).
Da questo punto è possibile affacciarsi sulla Valtournenche (direttamente sulla zona dei Laghi Champlong). Il cammino può anche procedere verso il vicino M. Tantanè (variante 48b dalla foto 15 in avanti). In alternativa, seguendo la cresta verso nord si può raggiungere il Colle Pillonet e scendere da qui a Barmasc (itinerario 48).

Discesa: Colle Tantanè m. 2612 - Barmasc m. 1830 EE

Sentiero: 2B.
Tempo di percorrenza: 100' -120'.
Difficoltà: traccia a terra non sempre presente, segnavia distanziati, terreno disagevole.

23. Inizio della discesa: si svalica verso Ayas appena a sinistra del grosso ometto.
24. Discesa lungo il costone sommmitale, prima a sinistra e poi sulla sua cresta.
25. Traverso in diagonale parzialmente su pietraia.
26. Si scavalca una piccola gobba.
27. La discesa continua.
28. Discesa ripida tra le rocce.
29. Un nuovo traverso in direzione dello Zerbion.
30. Discesa in diagonale.
31. Alla fine della zona detritica ci si ritrova su pendio erboso.
32. Si punta poi alla base della parete rocciosa.
33. Dopo la parete si scende senza imboccare la traccia orizzontale di fronte.
34. Discesa seguendo le frecce gialle.
35. Attraversamento della radura con abbeveratoio.
36. La traccia nel bosco.
37. Incrocio con la strada orizzontale.
38. Riunione con un sentiero più grande proveniente da sinistra.
39. Incrocio con il Ru Cortot.
40. Incontro con la strada proveniente da destra.
41. Riunione con la strada che conduce al parcheggio di Barmasc.

Per tornare a Barmasc lungo lo stesso itinerario si identifica per prima cosa l'inizio della discesa, appena a sinistra del grande ometto (foto 23).
Per prima cosa si segue il costone che inizia appena sotto il colle (foto 24), mantenendosi prima sul lato sinistro e portandosi poi sulla sua cresta, seguendo l'ideale traccia indicata come sempre da frecce gialle e ometti di pietra.
Esaurito questo primo tratto di discesa si traversa in diagonale verso destra, in direzione dello Zerbion, su pietraia (foto 25) o terreno detritico, fino all'avvallamento sottostante; si scavalca una piccola gobba (foto 26) per poi continuare la discesa in diagonale verso destra (foto 27). La pendenza si fa prima più pronunciata (foto 28); segue un traverso ancora in direzione dello Zerbion (foto 29) e una diagonale in discesa (foto 30).
La perdita di quota prosegue con tornantini e alternanza di traversi e discese. Esaurita la pietraia ci si ritrova su pendio erboso (foto 31), su una sequenza di traversi (foto 32) che portano alla base della parete rocciosa a sud, raggiunta la quale (foto 33) si scende verso la sottostante radura evitando la traccia orizzontale che entra nel bosco. I segnavia sono distanziati e potrebbero essere poco visibili in presenza di erba alta.
Sempre seguendo le frecce (foto 34) e una frammentata traccia a terra si raggiunge la radura con l'abbeveratoio (foto 35), nel centro della quale sono presenti alcune grosse rocce su una delle quali è stato costruito un evidente ometto; su un'altra è dipinta una freccia gialla.
Dopo la radura, utilizzata spesso come pascolo, la traccia a terra nel bosco diventa decisamente più visibile (foto 36).
Si incrocia così la strada orizzontale (foto 37) e, poco dopo, si incontra un sentiero più grande proveniente da sinistra (foto 38) e lo si segue verso destra.
Ormai tornati nella zona più turistica e frequentata, si attraversa il Ru Cortot sul ponticello o col guado e il sentiero 5 che lo costeggia (foto 39).
La discesa prosegue nel bosco; si incontra una strada proveniente da destra (foto 40) e infine, ormai nel prato di Barmasc, con quella principale proveniente da sinistra (foto 41) che in breve riporta al punto di partenza al parcheggio.

CARTINA
Cartina
La cartina del sentiero da Barmasc al Colle Tantanè.
L'immagine comprende tutti i principali sentieri della zona, la rete stradale, i parcheggi, gli alpeggi, i punti ristoro, gli elementi idrografici, le aree boschive e le isoipse a 10 m.

Cliccare sull'immagine per scaricare una dettagliata cartina vettoriale in formato PDF e il tracciato GPS per GPS Trackmaker, per Google Earth e in formato GPX.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il profilo altimetrico della salita dal parcheggio di Barmasc al Colle Tantanè.
La partenza è decisamente dolce, con la pendenza che si mantiene scarsa per quasi metà del percorso.
Seguono un momentaneo aumento della pendenza e un nuovo tratto meno ripido (traverso su pietraia).
Infine, dopo una gobba, il sentiero si impenna fino a raggiungere il punto più alto, di poco superiore ai 2600 m., corrispondente al grande ometto che precede l'avvallamento del Colle Tantanè.
La breve discesa che conclude il percorso di andata è il raggiungimento del punto più basso dell'avvallamento, ove si pone per definizione il Colle Tantanè.
Note meteorologiche:
La zona non è particolarmente soggetta ad annuvolamenti; può risentire tuttavia dell'effetto del vento da sud o sud-est. Data la natura del terreno e soprattutto delle pietraie il percorso non è consigliato se bagnato.
Periodo consigliato:
L'itinerario è consigliato in assenza di neve, benchè qualche residuo possa non essere sufficiente ad impedirne il completamento (potrebbe però nascondere le vaghe tracce da seguire). Idealmente il periodo buono va da giugno - ma data l'esposizione la neve potrebbe sciogliersi anche prima - alle prime nevicate.
Attrezzatura:
L'itinerario non richiede attrezzatura tecnica particolare. Sono sufficienti scarponcini con buona tenuta, abbigliamento da media montagna adatto alla stagione, acqua e cibo per la giornata.
Frequentazione:
Il sentiero 2B è stato tracciato nell'estate del 2017, ma si presuppone che non rientrerà facilmente tra i più frequentati.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!