AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
IL RIFUGIO ARP
Brusson
Il vallone di Palasina
I laghi Palasina
I laghi di Valfredda
I laghi di Valnera
Il lago Litteran
I laghi di Estoul
Il lago Bringuez
Estoul - rifugio Arp - laghi Palasina - colle Bringuez- lago Litteran
Salita alla Punta Valfredda
L'anello del Bieteron
Salita al Corno Vitello via laghi di Valfredda
Salita a Gran Cima e M. Perrin
Salita alla Punta Palasina dal Colle Palasina
Salita al Corno Bussola
Salita alla Punta Guà
Il rifugio Arp, posto in località Palasina a 2440 metri di quota, è aperto dal 1995 ed è raggiungibile con meno di due ore di facile cammino da Estoul (vedi Itinerario n. 11), oppure da Champoluc via Mascognaz-Colle Palasina. Offre servizio di ristorante, bar e albergo. Ho avuto l'occasione, rimandata per anni, di trascorrervi una notte (tra il 13 e il 14 agosto 2002; ho firmato il registro il 14), e non posso che consigliare l'esperienza. Il panorama al tramonto è splendido e la struttura è accogliente e con prezzi piuttosto abbordabili (fare riferimento a www.rifugioarp.it per i prezzi aggiornati).
Si tratta pur sempre però di un rifugio di montagna, quindi c'è da sottolineare che:
- vengono fornite le coperte (2 per letto) ma non le lenzuola, la federa del cuscino e il coprimaterasso; per 3.50€ è possibile averli monouso, ma la soluzione è piuttosto mesta (il lenzuolo e il coprimaterasso sono un telo unico termosaldato, di lunghezza adeguata ma troppo stretti e non rimboccabili), quindi è necessario portare un sacco-letto come del resto in ogni rifugio;
- portatevi anche asciugamani e saponetta, nonchè un paio di ciabatte o scarpe leggere, perchè gli scarponi vanno lasciati nel deposito;
- le stanze da 4 hanno 2 letti a castello, quelle da 2 due normali affiancati;
- il rifugio è alimentato da un gruppo elettrogeno, che viene spento alle 22.30 e riacceso alle 8.00. In questo intervallo non c'è modo di avere luce ed elettricità, quindi tenetene conto, soprattutto perchè, anche se in estate il sole alle 8 è già alto, il bagno non ha finestre. In parole povere, portatevi una torcia. In compenso l'acqua calda c'è comunque;
- in estate non c'è riscaldamento. Ricordate di essere a 2440 metri; i muri spessi, la perlinatura e la finestra piccola con vetri doppi fanno il loro dovere di isolanti, ma mettetevi per lo meno un pigiama invernale;
- la cena (abbondante; nel mio caso comprendeva penne al pomodoro, zuppa alla valdostana, polenta con salsiccia e spezzatino) inizia alle 19.30, la colazione (pane, burro, marmellate, tè, latte, caffè) è alle 8.00.
PROPRIETÀ Soc. Arp Vallée d'Aoste di Carolina Proment & C.
TELEFONO +39 348 1548012
APERTURA Dal 1° giugno al 15 Settembre + eventuali aperture extra (Capodanno ecc.)
SITO www.rifugioarp.it
E-MAIL info@rifugioarp.it
ALTRE NOTE PALESTRA DI ROCCIA: nelle estati 2004/2005 è stata attrezzata una palestra di roccia a circa 200 metri a monte del rifugio, con 24 vie di diversa difficoltà. È inoltre presente un settore con 7 vie di difficoltà inferiore (II-III).

Immagini presenti nella galleria: 19.

1. Il rifugio Arp visto dal sentiero che porta verso i Laghi Palasina.
2. Il lago Battaglia e il rifugio Arp visti dal sentiero che sale verso il Colle Bringuez.
3. Panoramica serale della conca del rifugio Arp.
4. Ultimi raggi di sole sul rifugio...
5. Il rifugio Arp visto dalla conca dei Laghi di Valfredda.
6. L'interno della stanza 10.
7. Si preparano i letti per la notte.
8. Il corridoio del primo piano.
9. La hall del rifugio. A destra il bar.
10. La piantina del primo piano del rifugio (appesa all'interno della porta della stanza n. 10).
11. Il rifugio Arp visto dalla cima del Bieteron (m. 2763) il 2/4/06.
12. Una delle vie della falesia alle spalle del rifugio.
13. Altra immagine della palestra di roccia.
14. Il rifugio visto dalla vetta della Punta Valfredda.
15. Il rifugio di prima mattina, dal sentiero che porta verso i Laghi Palasina.
Sullo sfondo la Punta Valnera.
16. Il locale invernale del Rifugio Arp: lavandino, fornello, letti, tavolo e panche.
17. Il locale invernale: letti, tavolo e panche.
18. Il rifugio all'inizio di novembre, visto dal sentiero per i Laghi di Valfredda.
19. Tramonto autunnale sull'Arp.
Indietro alla pagina dei rifugi.