AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
I LAGHI DI VALFREDDA
Il rifugio Arp
Il Vallone di Palasina
I laghi Palasina
I laghi di Valnera
Estoul - rifugio Arp - laghi Palasina - colle Bringuez
Champoluc - lago Perrin - Corno Vitello - laghi di Valfredda - laghi Palasina - Colle Palasina - Mascognaz
Salita al Corno Vitello via laghi di Valfredda
Salita a Gran Cima e M. Perrin
I Laghi di Valfredda sono un gruppetto di specchi d'acqua medio-piccoli posti a diversi livelli, ma poco oltre i 2500 m., sul fianco nord del vallone dei Palasina. Il loro emissario forma la bella cascata alle spalle del rifugio.
Sono raggiungibili facilmente (tratto 1 dell'escursione 43) passando dal rifugio Arp e proseguendo verso i laghi Palasina, seguendo poi la diramazione 5a/5b che porta verso il Corno Vitello e il Colle di Valfredda.
La conca onora il suo nome e risulta essere raggiunta dalla bella stagione davvero tardi; anche a fine primavera o inizio estate non è impossibile trovare estesi nevai se non addirittura parti di lago ancora ghiacciate.

Immagini presenti nella galleria: 10.

1. Panoramica del Lago di Valfredda basso, il primo che si incontra salendo dal rifugio Arp (vedi l'escursione 43). Questo è il più grande del gruppo. Gli altri sono più in alto, oltre le rocce a sinistra.
2. Il più grande dei Laghi di Valfredda alti.
3. Il gruppo dei Laghi di Valfredda alti, visti dalla cresta che porta al Colle di Valfredda e al Corno Vitello. È una giornata di luglio del 2004; il lungo inverno ha lasciato grossi nevai che stentano a sciogliersi.
4. 28 maggio 2006. Nonostante il disgelo sia in atto già da un bel pezzo, il lago basso di Valfretta si presenta ancora completamente ghiacciato. Non si stenta a comprendere la motivazione che ha portato a chiamarli così: la primavera sembra tardare sempre ad arrivare in questa conca.
5. Anche il più grande dei laghi alti è quasi completamente coperto di ghiaccio.
6. I Laghi di Valfredda con l'ultima neve visti dalla Punta Valfredda.
7. Il Lago di Valfredda inferiore in una limpida mattina autunnale.
8. Autunno al Lago di Valfredda superiore.
9. La Punta Valfredda e il lago superiore a novembre.
10. Tramonto autunnale sul Lago di Valfredda Superiore, visto dal sentiero per il Corno Vitello (escursione 43).

Indietro

Home page