AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ST.-JACQUES - COLLE SUPERIORE DELLE CIME BIANCHE
E
La salita al Colle Superiore delle Cime Bianche, detto anche Colle Nord delle Cime Bianche, è una camminata piuttosto classica per Ayas; l'itinerario fa inoltre parte del Tour del Monte Rosa, e il Colle Superiore rappresenta il punto di passaggio tra la Val d'Ayas e la Valtournenche.
La camminata, benchè non comprenda alcuna difficoltà tecnica, è riservata a buoni camminatori a causa della sua lunghezza: tra salita e discesa si percorrono oltre 18 km; il dislivello, non eccessivo, è di circa 1300 metri da St.-Jacques.
Il percorso si snoda lungo il Vallone delle Cime Biancheo di Cortot, il più esteso di tutta la valle, in cui diversi altopiani erbosi attraversati da mille ruscelli sono circondati da un ambiente unico, tra l'imponente sagoma della vicina Gobba di Rollin a est e la bastionata dolomitica del fianco orientale del Roisettaz a ovest; la parte alta del vallone è costellata da molti laghi, tra cui il Gran Lago delle Cime Bianche, il Lago di Ventina, il Lac Pers. Sul fianco occidentale troviamo inoltre il Gran Lago di Tzère (meta, insieme al vicino bivacco Città di Mariano, dell'itinerario 19)
Il vallone si apre verso la Valtournenche con tre valichi, il Colle Superiore (o Nord), meta di questo itinerario, il Colle Inferiore (o Sud) e il Colle di Roisettaz.
I primi due sono purtroppo stati ormai attaccati e snaturati dagli impianti sciistici di Cervinia, che in questa zona raggiungono la Val d'Ayas; due impianti di risalita e le relative strade di servizio uniscono questi due valichi.
Si auspica il definitivo abbandono del progetto di collegamento sciistico tra questa zona e gli impianti di Ayas, per evitare di stravolgere questa grande area ricca di interessi naturalistici e geologici; il vallone farebbe al contrario parte del previsto Parco del Monte Rosa.
La sommità del Colle Superiore delle Cime Bianche, che per pochissimo non raggiunge i 3000 metri, consente una visione quasi ravvicinata del Cervino e delle Grandes Murailles, nonostante l'avvilente presenza di diversi impianti di risalita.
L'integrità ambientale dell'intero Vallone delle Cime Bianche è ora in pericolo a causa dell'intenzione di costruire nuove funivie e piste!
Per saperne di più visita il mini-sito "Cime Bianche" e la pagina facebook "Ripartire dalle Cime Bianche"!
Salita: St.-Jacques m. 1689 - Colle Superiore delle Cime Bianche m. 2982 E

Sentiero: 6.
Tempo di percorrenza: 3h30' - 4h30'.
Difficoltà: nessuna.

1. Lo steccato sopra a Fiery.
2. Primo bivio; in evidenza le indicazioni.
3. Salita a tornanti sul pendio.
4. I ruderi dell'Alpe Ventina.
5. Superamento dell'altro edificio dell'Alpe Ventina.
6. Salita a tornanti; in evidenza le costruzioni delle foto 4 e 5.
7. Zona più pianeggiante.
8. Masso con grandi scritte.
9. In vista dell'alto vallone.
10. Il bivio per il bivacco Città di Mariano.
11. Un altopiano con qualche saliscendi.
12. Attraversamento del torrente.
13. Uno dei guadi nella zona paludosa prima dell'alpe Mase.
14. Arrivo all'Alpe Mase.
15. Dopo l'alpeggio il sentiero ricomincia a salire e si incontrano indicazioni TMR.
16. Si guada il torrente portandosi sul lato ovest.
17. Il prato sopra all'alpe Mase.
18. Nuovo altopiano.
19. Il grande guado.
20. Attraversamento dell'altopiano, altro guado e salita.
21. In evidenza l'ometto con il bivio 6a/6b - 6.
22. Sulle sponde del Gran Lago delle Cime Bianche.
23. I due bacini del Gran Lago delle Cime Bianche visti dalla salita.
24. Arrivo al Colle Superiore delle Cime Bianche, con vista sul Cervino.
La partenza di questo itinerario è a St.-Jacques.
Il primissimo tratto, fino a Fiery, è in comune con molte altre salite (Piani di Verra, Lago Blu, rifugio Mezzalama ecc.).
Dalla piazza del paese si continua a salire seguendo la strada, si supera il bar Fior di Roccia e si procede a destra al bivio al cui centro si trova una cappelletta; si risale un breve tratto di sentiero gradinato lungo il torrente e si raggiunge un bivio a T, proseguendo a destra sul ponte di legno.
In alternativa, per raggiungere lo stesso ponte si svolta a sinistra alla cappelletta, si attraversa il ponte sull'Evançon e si prosegue a destra evitando la strada a sinistra che scende; al ponte successivo si riattraversa il torrente e si arriva al secondo ponte, provenendo da sinistra al bivio a T rispetto alla prima possibilità di salita (il tracciato GPS segue questa variante).
Dopo il ponte, nei pressi del quale si trovano i segnavia 6,7 e 8, si affronta una salita su sentiero lastricato; terminata la parte lastricata si prosegue nel bosco sulle evidentissime tracce multiple (questo è probabilmente il sentiero più frequentato della valle).
In 15-20' di cammino si raggiunge un bivio con diverse indicazioni su cartelli gialli; si tralascia il ramo destro (che porta ai frequentati Piani di Verra, Lago Blu ecc.) e si prosegue a sinistra sul sentiero n. 6 (da qui il Colle Superiore è riportato a 3h40'), incontrando subito la frazione di Fiery.
Questa viene attraversata tra il bar (aperto in estate) e l'ex albergo Bella Vista portandosi sul retro degli edifici; si incontra una lapide su una roccia e si procede a sinistra seguendo le indicazioni TMR.
Il sentiero a terra è evidente; attraversa un ponte e inizia a salire indicato anche da frecce gialle dipinte sulle rocce.
La tracca guada un piccolo rivolo d'acqua e continua a salire ancora indicato da frecce e segnavia n. 6; dopo un altro piccolo guado si incontra uno steccato (foto 1) che taglia il sentiero; può capitare di trovarlo chiuso, nel qual caso se ne sposta una parte avendo cura di rimetterla al suo posto dopo il passaggio.
Pochissimi minuti dopo si incontra un segnavia su una roccia (foto 2), con il sentiero 6 indicato tanto a destra quanto dritto; in questo caso si procede dritti. Subito dopo si tralascia l'indicazione 8e sbiadita su una roccia a sinistra, seguendo sempre il sentiero principale indicato anche da un cartello marrone.
Si guada un rivolo e si sale sul pendio a destra con alcuni tornantini (foto 3); a un bivio non segnalato lungo la salita si prosegue a destra.
La traccia passa a destra di due resti di costruzioni dell'Alpe Ventina (foto 4), e poi ancora a destra della sovrastante baita (foto 5), sempre parte dell'alpeggio, continuando a salire con tornanti (foto 6).
Si supera un piccolo corso d'acqua e si incontra una zona più pianeggiante (foto 7); poco dopo si arriva in vista del grande masso erratico evidenziato nella foto 8 su cui sono state dipinte delle indicazioni per il Bivacco Città di Mariano; per le Cime Bianche però si continua a seguire il sentiero 6 evitando la deviazione a destra, descritta nell'itinerario 19. In realtà il bivio attuale per il bivacco è più avanti.
Si giunge così in vista delle cime che caratterizzano l'alto vallone; da sinistra, oltre la bastionata rocciosa del Roisettaz, si notano la Pointe Sud (2973), il Bec Carrè (3003) e la Gran Sommetta (3166). Il Colle Superiore, meta di questa escursione, è il vasto avvallamento - ancora in parte coperto - a destra della Gran Sommetta.
Il gruppo di indicazioni successive, dipinte sulle rocce a terra e riportate su cartelli marroni, è all'effettivo bivio per il bivacco Città di Mariano (foto 10); si continua a camminare sul 6/6a/6b scartando il 6c a destra.
Si passa a sinistra dei resti di una costruzione in contrando segnavia TMR, poi si scende leggermente in una zona umida, dove è molto probabile trovare terreno fangoso o paludoso, da cui si esce poco dopo con una piccola risalita che conduce ad un altopiano con alcuni lievi saliscendi (foto 11).
Con un guado ci si porta sulla destra (sinistra orografica) del torrente (foto 12) e si continua il cammino su questo lato. Si incontra un cartello marrone con le indicazioni per il Colle Superiore delle Cime Bianche da un lato e Fiery su quello opposto, ma non si tratta di un bivio, e si prosegue dritti sullo stesso sentiero, sempre evidente a terra.
Si attraversa una nuova zona paludosa con quattro guadi (foto 13) giungendo all'alpe Mase (foto 14); questa è composta da una costruzione in cattivo stato sulla destra del sentiero (foto 14) e da un'altra piuttosto cadente poco più avanti, a sinistra di un grande masso; in ogni caso nei pressi della prima è presente una fontana che può servire a rabboccare la scorta d'acqua.
Superato l'alpeggio lasciandolo a destra il sentiero ricomincia a salire a sinistra (foto 15) con alcuni tornanti; si incontrano indicazioni TMR, frecce e segni gialli; poco dopo si attraversa il torrente con un guado (foto 16) portandosi sul lato ovest arrivando così al prato sovrastante (foto 17). Il sentiero sale ancora indicato da segnavia TMR, e arriva ad un nuovo altopiano (foto 18) che ospita un largo guado (foto 19) con cui ci si riporta sul lato est del torrente. Si attraversa poi l'altopiano, si riguada il torrente e si sale sul pendio di fronte (foto 20); qui si incontrano tracce multiple e falsi bivi, ma tutte le tracce si ricongiungono poco dopo.
Al termine della salita si attraversa un altro altopiano; poco più avanti si incontra un ometto di pietre con un bivio: sentiero 6a/6b con guado a sinistra, sentiero 6 dritto senza attraversare il torrente (foto 21). I sentieri 6a e 6b, in realtà non tracciati a terra, portano direttamente al Colle di Roisettaz e al Colle Inferiore delle Cime Bianche, ma per procedere verso il Colle Superiore si evita di attraversare il torrente e si rimane sul lato est ancora per un tratto. La traccia sale nuovamente indicata anche da segni gialli.
Successivamente si incontra un nuovo guado seguito da una dolce salita con sentiero evidente, ometti di pietre e segni gialli, e si raggiungono le sponde del bacino sud del Gran Lago delle Cime Bianche (foto 22).
Se ne guada l'emissario e si sale con tornanti e moderata pendenza sul versante ovest, potendo così osservare dall'alto anche il grande bacino nord del lago, con le sue acque blu intenso (foto 23). Più a est appare anche il Lago di Ventina.
Il sentiero si fa poi più pianeggiante e sbocca finalmente al Colle Superiore delle Cime Bianche (foto 24).
La prima cosa che salta all'occhio è lo splendido panorama sul Cervino, ma purtroppo come scritto nell'introduzione l'ambiente è pesantemente compromesso dagli impianti sciistici e dalle infrastrutture che questi richiedono. La foto 24 si riferisce all'agosto 2008, in cui erano in corso pesanti lavori.
Dal Colle è possibile proseguire il cammino verso Cervinia; il TMR scende poi alla stazione di Plan Maison.

Il Cervino e la Dent d'Herens visti dal Colle Superiore delle Cime Bianche.
Discesa: Colle Superiore delle Cime Bianche m. 2982 - St.-Jacques m. 1689 E

Sentiero: 6.
Tempo di percorrenza: 2h30' - 3h30'.
Difficoltà: nessuna.

Per la discesa si ripercorre in senso inverso lo stesso percorso utilizzato per salire.
TRACCIATO GPS
Il tracciato del percorso da St.-Jacques al Colle Superiore delle Cime Bianche.
Sono riportati i più importanti corsi d'acqua e laghi, alcuni impianti sciistici, i principali alpeggi, le isoipse a 50 m. e, come riferimento, i sentieri per il Bivacco Città di Mariano (escursione 19) e per il Colle Inferiore delle Cime Bianche.

Cliccare sull'immagine per scaricare i tracciati per GPS Trackmaker e Google Earth (privi di mappe e sentieri limitrofi ma completi dei necessari waypoints) con una cartina a risoluzione superiore.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Il profilo altimetrico del percorso. È evidente l'andamento a gradoni, con lunghi tratti quasi pianeggianti alternati ad altri in decisa salita.
Note meteorologiche:
Tecnicamente non è strettamente necessaria una giornata perfetta per affrontare questo itinerario, ma si consiglia di scegliere un giorno di cielo sereno per poter ammirare il paesaggio offerto dal Vallone delle Cime Bianche. Va inoltre segnalato che in caso di pioggia i ripari sono pochi e molto distanziati.
Periodo consigliato:
In condizioni estive si può prevedere di affrontare questa camminata tra giugno e ottobre, per quanto le foto di questa pagina siano state scattate nel giorno successivo a una nevicata estiva; una modesta quantità di neve non impedisce del tutto la salita, rendendo però più difficoltosa l'individuazione del sentiero.
Durante l'inverno il vallone può essere ancora almeno in parte transitabile con attrezzatura adeguata, e stando lontano dai versanti est il rischio valanghe risulta attenuato.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, se non un paio di scarpe anche non estremamente tecniche ma adatte ai normali sentieri di montagna e soprattutto ai numerosi guadi. Considerata la quota della destinazione si consiglia abbigliamento adatto.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (14):
14. Alessandro G. 16/08/2016, 21.58.29
Utente non registrato
Valutazione:
Feci questa escursione lo scorso anno e con un amico constatammo l'incontaminata bellezza del versante di Ayas e la totale devastazione operata sul già "bruttino" bacino afferente a Cervinia... l'ipotesi della distruzione di un ambiente straordinario come quello che si "vive" lungo la valle che da S.J. porta alle Cime Bianche è semplicemente agghiacciante!!.... ma è inutile parlare a chi si "riempie la bocca" arrivando in fuoristrada a 3000 m....
13. Mario 18/09/2015, 15.19.21
Utente non registrato
Valutazione:
Ho da poco pubblicato sul mio sito un post su questo itinerario http://www.italianmountains.it/post-ventina.html e quasi per caso leggo (con apprensione) l'avviso all'ingresso del vostro sito: quest'anno non ho ancora fatto questo itinerario, spero di non trovare orrende sorprese. Per favore, rassicuratemi.

Re: per quest'anno il problema dei cantieri non si pone... per il futuro spero che un minimo di buon senso prevalga sulla falsa convinzione di facili guadagni!
12. T.Cox 06/09/2015, 15.53.47
Utente registrato
Età: 92 anni

Valutazione:
Quasi novantenne indelebile ricordo gli anni '70-80 ,in vacanza ad Antagnod. La salita alle Cime Bianche , tante volte ripetuta, la più bella escursione dalla Val di Ayas. Insieme ricordo di Don Michele Do, cappellano di St. Jacques, instancabile difensore dei valori naturali del Vallone Cime Bianche.
11. Pietro53 29/08/2015, 21.59.11
Utente non registrato
Valutazione:
Io l'ho percorso più volte nel '68, avevo 14 anni, con le scarpe da tennis, in agosto-settembre. Ho dei ricordi strepitosi... Poi ci sono tornato nel 2005 con mio figlio, stavolta aveva lui 14 anni: bellissima camminata ma delusione arrivati su, per via della strada...... che sgomento, me la ricordavo in un altro modo... e non era ancora l'anno della foto di questo sito. Grazie al curatore per avermi fatto risalire con le fotografie.
10. Wiking53 18/08/2015, 20.15.27
Utente registrato
Età: 65 anni

Valutazione:
indimenticabile è il nastro d'argento formato dal pigro e serpeggiante T orrente nei pianori che si incontrano lungo il percorso (ammirabile specialmente in discesa).
9. Wiking53 18/08/2015, 20.12.15
Utente registrato
Età: 65 anni

Valutazione:
Il Gran lago delle Cime Bianche ed il lago ventina sono due perle incastonate nel fondo della testata della valle.
8. Wiking53 18/08/2015, 20.07.50
Utente registrato
Età: 65 anni

Valutazione:
L'escursione più bella della valle. Lunga (10 km andata - 20 a/r), faticosa (1.400 mt dislivello in salita a/r), ma in ambiente splendido, incontaminato, senza strade forestali o poderali di servizio.
7. Pa 16/08/2014, 21.29.55
Utente non registrato
Valutazione:
fatta il 16/08/2014

Bellissima escursione immersa nella natura fino ai laghi della ventina (stupendi).
Arrivati a destinazione ottima vista sul cervino (se è libero da nuvole).
6. AL 50 29/07/2013, 15.01.00
Utente non registrato
Valutazione:
BELLA ESCURSIONE, GIORNATA IDEALE, SOLE, CIELO
TERSO, PAESAGGI INCANTEVOLI, INCONTRATO ANCHE
ALCUNI CAPRIOLI, UN PO' TROPPO LUNGA!! ALMENO
PER ME E CONSORTE ! VAL D'AYAS SEMPRE SPLENDIDA!
FATTA IL 27.07.2013 - ALBERTO 1950 -
5. Diglui 29/07/2013, 10.17.57
Utente non registrato
Valutazione:
Fantastico.
Fatta il 28/07/2013 freddo al colle..
4. Stefano 22/08/2011, 19.18.06
Utente non registrato
Valutazione:
Ottime indicazioni, precise e dettagliate. Complimenti! 19-08-2011 giornata stupenda. Peccato che la vista dell'arrivo al colle non meriti la bellezza incantevole del vallone appena attraversato. Speriamo che il "circo" bianco non arrivi a deturpare questo angolo di paradiso ancora incontaminato.
3. Mari 14/10/2010, 17.24.01
Utente non registrato
Valutazione:
escursione fantastica!! lunga ma ne vale la pena!!
2. Franci e mass ayas 22/09/2010, 21.12.22
Utente non registrato
Valutazione:
22nove venti 10..giornata stupenda,cielo terso, temperatura ottima e .. un centinaio di agnellini a farci compagnia.le cime bianche a settembre sono il massimo!
1. Luigi 15/08/2009, 22.15.26
Utente non registrato
Valutazione:
salve
Volevo sapere che cartografia avete usato qui: http://www.ayastrekking.it/esc5_gps.gif
Grazie mille e complimenti

Re: La cartina allegata è un misto di tracciati GPS, isoipse in formato Mapsource e altri dati ricavati da cartografia reale [NdWebmaster]
Indietro all'elenco degli itinerari