AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ST.-JACQUES - FIERY - PALON DI TZÉRE
EE
Si tratta di una gita non particolarmente impegnativa ma non comunissima (chi passa in zona generalmente si dirige verso il Colle Superiore delle Cime Bianche o il bivacco Città di Mariano) e piuttosto interessante (può essere aggiunta come meta secondaria all'itinerario 19). Inoltre è un percorso agibile per diversi mesi all'anno, praticamente dalla primavera alle prime nevicate; è stato testato con successo il 30 aprile 2006, in pieno disgelo, senza che ci sia stata la necessità di affrontare particolari problemi. Diverse foto si riferiscono proprio a questa data; quelle numerate 1-7 sono state scattate in estate, quando il sentiero è più evidente.
Il Palon di Tzère, con i suoi 2671 metri, è una balconata sul vallone delle Cime Bianche per raggiungere la quale sono necessarie 3 ore scarse di cammino a passo medio; il percorso è giudicato EE esclusivamente a causa della mancanza di un vero sentiero nell'ultimo tratto e della presenza di una breve e semplice cresta.
Tratto 1: St.-Jacques - Fiery.

Sentiero: può essere segnato come 6, 6a, 6b, 6c, TMR.
Tempo di percorrenza: 15 - 20 minuti.
Difficoltà: nessuna.

1. Primi metri di cammino sulla scivolosa mulattiera che parte da Blanchard, ora sostituita da una solida scala di pietra.
La partenza è a St.-Jacques, o meglio a Blanchard, laddove finisce la strada ed è possibile parcheggiare.
Si inizia la salita sul notissimo, segnatissimo e frequentatissimo seniero che porta a innumerevoli mete, tra cui le Cime Bianche, il Lago Blu, il Mezzalama, il Guide d'Ayas ecc.
I primissimi metri sono su una scala lastricata, recentemente rifatta, che sostituisce la scivolosa mulattiera precedente (foto 1) che risultava scivolosa soprattutto dopo la pioggia o con la rugiada delle prime ore del mattino.
In pochi minuti si arriva a un ponte, lo si attraversa portandosi quindi sulla sinistra orografica del torrente (attenzione! Visto che salendo si risale la corrente, la sinistra orografica è la vostra destra!); da qui inizia un larghissimo sentiero inizialmente lastricato e successivamente in terra battuta che attraversa il bosco e, con moderata pendenza, raggiunge molto velocemente la frazione di Fiery.
Il sentiero può presentare alcuni bivi, ma conducono comunque tutti a Fiery.
Tratto 2: Fiery - Palon di Tzére.

Sentiero: può essere segnato come TMR, 6, 6a, 6b, poi 6c.
Tempo di percorrenza: 100 - 150 minuti.
Difficoltà: il sentiero è sempre evidente fino alla base del Palon, poi bisogna inventarselo. L'ultimo tratto è in cresta ma non è particolarmente pericoloso.

2. Fiery; sono evidenziati il bar, l'ex albergo e la posizione delle indicazioni da seguire.
3. Dietro Fiery. Per intenderci l'ombra netta è quella del bar alle 9 del mattino; si notino i cartelli in alto a destra e la lapide sulla roccia sotto l'albero a sinistra.
4. Bivio TMR con segnavia sul masso al centro.
5. Il pascolo con l'indicazione per il bivacco al centro. In basso a destra è visibile una freccia gialla dipinta su una roccia.
6. Stesso punto della foto precedente ma in primavera. L'indicazione è comunque ben visibile.
7. Altro bivio, evidenziato dal cartello in basso a destra. Il sentiero dritto procede per le Cime Bianche, ma per il bivacco svoltiamo a destra.
8. Avvicinamento alla base del Palon di Tzére.
9. Un possibile percorso dal rudere dell'Alpe Tzére alla base fno alla cresta. Nel cerchio in alto a sinistra è evidenziato l'ometto (primavera).
10. La cresta vista dalla cima (il versante visibile è quello a nord). Il cerchio evidenzia l'ometto di cresta della foto precedente (primavera).
A Fiery ci si separa dal frequentatissimo sentiero verso il Pian di Verra e ci si incammina in direzione del vallone delle Cime Bianche.
Si attraversa la frazione passando tra il bar e l'ex albergo Bella Vista, seguendo le indicazioni presenti sulla parete est dell'ex albergo, in direzione delle Cime Bianche (foto 2).
Dietro al paese si incontrano altri cartelli, e si segue sempre la direzione per le Cime Bianche (a sinistra, foto 3). Poco dopo si incontra un ponte sul ruscello e lo si attraversa, riportandosi sulla destra orografica.
Il piacevole sentiero procede con una certa pendenza nel boschetto.
Dopo questo tratto di salita si incontra un bivio, con un segnavia dipinto in giallo su un masso (foto 4) che indica il sentero TMR a destra. È possibile in realtà procedere in tutte e due le direzioni, ma personalmente sono sempre andato dritto.
Il sentiero procede poi fuori dal bosco, risalendo il versante est della valletta e raggiungendo poi un altopiano che funge da pascolo; in estate non è impossibile trovare una mandria di mucche, ma generalmente queste sono piuttosto mansuete e si limitano a guardarvi passare.
Ciò che è invece impossibile è non vedere l'enorme indicazione "BIVACCO CITTÀ DI MARIANO" dipinta su un macigno (foto 5 e 6). Si continua dunque a seguire il sentiero, che oltretutto è indicato anche da una serie di frecce gialle sulle rocce, facendo attenzione a cosa si calpesta.
Dopo una breve salita si raggiunge un bivio con un cartello (foto 7 ); qui svoltiamo a destra, abbandonando il percorso verso le Cime Bianche. Il sentiero, che è sempre ben evidente (foto 8 ), scende leggermente, oltrepassa un rigagnolo e poi risale, raggiungendo un altro piccolo pianoro e raggiungendo infine la base del Palon di Tzére, dove bisogna lasciare il sentiero.
Non esiste una vera traccia verso la cima; ciò che ci separa da essa è comunque un semplice prato. Notare il grande ometto di pietre sulla cresta sopra di voi, tra l'anticima occidentale e quella centrale. Per avere un minimo di idea delle proporzioni, è alto circa 1,80 m.
È possibile salire mantenendosi in prossimità della cresta ovest, oppure proseguire ancora qualche decina di metri fino ai ruderi di un alpeggio (Alpe Tzére) e salire da lì (foto 9 ); in entrambi i casi la pendenza è simile, piuttosto accentuata ma affrontabile senza troppi problemi. Il pendio più a est del rudere è molto più ripido e pertanto sconsigliabile.
Si finisce in ogni caso per raggiungere la cresta del Palon di Tzére all'incirca dove è posizionato l'ometto precedentemente avvistato dalla base.
La cresta in questione (foto 10), rocciosa ma non particolarmente affilata nè pericolosa, va percorsa in direzione nord-est, perchè la vera cima del Palon è poco più avanti, e la si raggiunge in pochi minuti.
Sulla vetta c'è un altro piccolo ometto di pietre, e lo spazio è abbastanza da consentire di fermarsi ed eventualmente riposarsi e mangiare senza problemi.
Il panorama intorno è notevole; oltre all'intero vallone delle Cime Bianche si vede la Dent d'Herens, la cima del Cervino e tutta la media Valle d'Ayas fino al Corno Bussola.
Verso est la visuale è limitata dalla grande massa della Gobba di Rollin, con i ghiacciai di Ventina e di Tzére, e dalla Rocca di Verra. Sulle rocce sottostanti la Gobba è visibile il bivacco Città di Mariano.
Tratto 3: discesa Palon di Tzére - St.-Jacques.

Sentiero: 6c, poi TMR, 6, 6a, 6b.
Tempo di percorrenza: 120 - 150 minuti.
Difficoltà: nessuna in particolare; un minimo di attenzione sulla crestina e nella ripida discesa fino alla base. Il resto è puro sentiero.

11. Ritorno sulla cresta, in direzione dell'ometto.
12. La discesa. Nell'ellisse rossa sono evidenziati i ruderi dell'alpeggio.
Il cammino da seguire per scendere è lo stesso seguito per salire.
Si ripercorre la cresta (foto 11) dalla cima all'inconfondibile ometto, e da qui si punta verso il basso; volendo un punto di riferimento si può utilizzare il solito rudere (foto 12), nei pressi del quale si riprende il sentiero.
Una volta sul sentiero su terra l'importante è non sbagliare strada; esistono in effetti altre vie ma sono a volte poco o per niente battute.
Dal piano sotto il Palon a Fiery è semplice camminata nel bosco, e da qui a St.-Jacques è sicuramente cammino veloce e ben noto.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS Il tracciato satellitare del percorso.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

Cliccare sull'immagine a sinistra per scaricare il tracciato per il programma GPS TrackMaker.

Note meteorologiche:
Nessuna indicazione particolare, se non quella di scegliere una giornata in cui poter godere del panorama.
Periodo consigliato:
È consigliabile effettuare questa passeggiata col semplice equipaggiamento estivo quando la zona è per lo più libera da neve, da maggio a settembre e oltre, se possibile. La stagione può essere ampiamente estesa anche alla primavera e all'autunno inoltrato se si affronta la camminata con le racchette, ma in questo caso è opportuno valutare anche il rischio valanghe.
Attrezzatura:
Scarpe da montagna con suola rigida e che tengano l'acqua; cibo necessario a rendere sopportabile qualche ora di cammino, resto dell'equipaggiamento estivo standard. Aggiungete racchette, bastoncini ed abbigliamento da alta montagna se affrontate la camminata in  stagione invernale/primaverile. Attenzione ai numerosi corsi d'acqua che potrebbero essere nascosti dalla neve!
StambeccoIncontri:
Generalmente è facile trovare altre persone che salgono verso le Cime Bianche o il bivacco Città di Mariano, che sono mete piuttosto classiche della valle; la cima del Palon viene spesso snobbata.
Incontrare stambecchi e camosci è probabile. In zona i primi sembrano talmente abituati alla gente che difficilmente scappano, ed è possibile osservarli con calma. Nella foto a destra uno stambecco fotografato in zona.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari