AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ESTOUL - LAGHI DI ESTOUL - COLLETTO E PUNTA VALNERA
EAI
La Punta Valnera è il punto pił alto (m. 2754) della cresta che unisce il Bieteron, caratteristica cima tondeggiante che domina Estoul, con la dorsale Ayas-Gressoney.
La salita alla Valnera può essere effettuata dalla Bocchetta di Eclou, lungo la cresta rocciosa descritta (in senso in verso) nella variante 26b, o più comodamente dal vicino Colletto di Valnera, raggiungibile da sud, dalla conca dei Laghi di Estoul, o da nord, via Rifugio Arp - Laghi di Valnera (il percorso estivo ad anello è descritto nell'itinerario 26).
In inverno la cresta sud-est è da considerarsi pienamente alpinistica, pertanto la salita alla Valnera è normalmente effettuata dal Colletto di Valnera. Per raggiungere quest'ultimo da Estoul la via più comoda è quella che sfiora i Laghi di Estoul, mentre l'avvicinamento via Rifugio Arp è da considerarsi più pericoloso a causa del rischio valanghe che non di rado si staccano dal ripido versante nord del Bieteron.
Il percorso, della lunghezza totale (andata e ritorno) di circa 9,5 Km, si può idealmente dividere in tre parti:
- Estoul - Laghi di Estoul, in buona parte nel bosco, con alcuni tratti piuttosto ripidi seguiti da una piccola serie di "gobbe" che precedono l'arrivo ai laghi;
- Laghi di Estoul - Colletto di Valnera, una salita con pendenza crescente fino a raggiungere i 35° circa;
- Colletto di Valnera - Punta Valnera, tratto finale con buona pendenza, dove è consigliabile aiutarsi con le roccette che emergono dalla neve.
Nel suo sviluppo completo, il percorso non è del tutto elementare e richiede una buona familiarità con l'attrezzatura (ciaspole o sci) e un minimo di preparazione atletica. Può naturalmente essere percorso anche solo in parte; già il solo tratto fino ai laghi è, quantomeno per i ciaspolatori, un'interessante salita con ampi panorami. Chi si spinge fino alla vetta sarà ripagato con una visuale a 360° sulla Valle di Gressoney e le cime che la dividono dalla Valsesia, sul Vallone di Palasina, la zona dei sottostanti Laghi di Estoul, nonchè il bel panorama nivernale sulle pareti nord delle più importanti vette della bassa valle, come il Nery, il Soleron e le Becche di Vlou, Torchè e Mortens.
L'itinerario (soprattutto dai laghi in avanti) va preso in considerazione solo dopo un'attento esame dei bollettini valanghe, e scartato qualora il pericolo fosse troppo elevato.
Tratto 1: Estoul m. 1839 - Laghi di Estoul m. 2450. EAI

Tempo di percorrenza: 90 - 120 minuti.
Dislivello: +611 + qualche saliscendi.
Difficoltà: alcuni tratti ripidi.

1. Il parcheggio di Estoul.
2. Attraversamento del prato di Estoul in direzione della valle tra il Bieteron e il Ciosè.
3. Superato il pascolo e le piste da fondo si costeggia il margine del bosco.
4. Superamento del ponticello su un ruscello.
5. Entrando nella valle la pendenza aumenta.
6. I punti più ripidi si superano con sequenze di tornanti.
7. Quando la pendenza diminuisce si è prossimi ad entrare nella conca dei Laghi di Estoul.
8. Successivamente è consigliabile mantenersi lontani dalla ripida parete della cresta nord del Ciosè.
9. Si alternano tratti in salita ad altri più pianeggianti.
10. Se emergono dalla neve, si possono riconoscere dei segnavia del sentiero 5/6.
11. Poco prima di entrare nell'ampia conca che ospita i laghi appaiono il Colletto e la Punta Valnera.
12. L'ingresso nella zona dei laghi contempla qualche leggero saliscendi.
13. La conca terminale con il lago più grande.
La partenza dell'itinerario è al parcheggio di Estoul (foto 1), raggiungibile in auto da Brusson svoltando a destra (salendo verso Ayas) poco dopo il centro del paese (sono presenti indicazioni per gli impianti di Palasina).
Se la neve lo consente, è possibile utilizzare le ciaspole o gli sci da subito.
Si attraversa o aggira la striscia di bosco a nord del parcheggio trovandosi subito sul bordo di una grande radura, con panorama sulla Punta Guà a nord-ovest, sul vicino Bieteron a nord e sul Ciosè a est.
Benchè in assenza di neve si proceda in molti casi verso ovest lungo la strada per portarsi all'imbocco del Vallone di Palasina, quando gli impianti di risalita sono in funzione è opportuno evitare le piste; la parte bassa dell'itinerario qui descritto è pertanto differente da quello trattato nell'escursione 26.
Si procede quindi approssimativamente sul tracciato della strada che conduce all'Alpe Moucherolaz, identificato su alcune carte come "Itineraire des fromages", attraversando con cautela le tracce della pista di fondo (foto 2) in direzione dell'imbocco della valle posta tra il Bieteron a sinistra e il Ciosè a destra. Con tutta probabilità, vista la frequentazione dell'itinerario, sarà già presente una traccia ben visibile e battuta.
Si sfiora l'alpeggio lasciandolo sulla destra e si costeggia per un breve tratto il bosco (foto 3) guadagnando dolcemente quota.
Superata l'alpe la pendenza trasversale si fa più accentuata mentre si inizia ad addentrarsi nel vallone; si supera un torrente (emissario dei Laghi di Estoul) su un ponticello (foto 4) - che a seconda delle condizioni di innevamento potrebbe anche essere completamente coperto - e si effettua un breve traverso in direzione nord-est, portandosi (foto 5) alla base di un pendio piuttosto ripido che va risalito zigzagando nel rado bosco di Moucherolaz (foto 6). Sulla destra domina la parete ovest della cresta nord del Ciosè, solcata da ripidi canaloni.
Il tratto più ripido ha termine mentre si esce dall'area boschiva, ed è seguito da un'ampia zona caratterizzata da belle gobbe nevose (foto 7) su cui è possibile, in assenza di una traccia battuta, inventare percorsi diversi. Rimane in ogni caso consigliabile mantenersi a debita distanza dalla parete di destra, dai cui canali possono facilmente scendere pericolose valanghe, e rimanere più a sinistra, senza tuttavia dover risalire il versante sud del Bieteron, tra gli ultimi alberi (foto 8). Da qui il resto del percorso fino alla zona dei laghi è un'alternanza di salite non particolarmente ripide (foto 9) e punti pianeggianti, mentre verso sud emergono per primi i versanti nord della costiera Nery - Soleron - Champlong, che divide il vallone del Torrente di Graines da quello di Chasten, e successivamente anche l'inconfondibile gruppo Voghel - Vlou - Torchè - Mortens.
Se la neve non è troppo alta, qui è facile individuare i segnavia del sentiero 6A/6B (foto 10), e poco dopo appare a nord la meta finale dell'escursione: la Punta Valnera (foto 11), con il Colletto di Valnera poco più basso alla sua sinistra.
Una piccola discesa (foto 12) immette nella zona dei Laghi di Estoul (il primo dei quali è identificato come "Lago di Estoul 1" nel tracciato GPS), presumibilmente ricoperti di neve e difficilmente riconoscibili. Se c'è il dubbio sulla tenuta del ghiaccio, è opportuno evitare le aree perfettamente orizzontali e tenersi leggermente più in alto sui pendii circostanti.
La conca terminale della valletta ospita il lago più grande (foto 13), dalla forma irregolare, a quota 2450.
L'escursione può terminare qui, o meglio proseguire verso il Colletto di Valnera se lo stato della neve lo consente.
Tratto 2: Laghi di Estoul m. 2450 - Colletto di Valnera m. 2681. EAI

Tempo di percorrenza: 35 - 60 minuti.
Dislivello: +231.
Difficoltà: pendio finale ripido.

14. La prima parte della salita verso il Colletto di Valnera non è particolarmente ripida.
15. La pendenza aumenta man mano che ci si avvicina al colletto.
16. Ultimo traverso prima dei tornanti più ripidi.
17. Ultimi metri di salita prima del colle.
18. Arrivo al Colletto di Valnera.
Se si decide di proseguire si attraversa (o aggira, a seconda delle condizioni della neve e delle temperature) il lago e si inizia a risalire il pendio verso nord, seguendo la traccia se presente o disegnandone una nuova.
La pendenza inizialmente è limitata (foto 14) ma va aumentando gradualmente mentre ci si allontana dal piano del lago (foto 15).
Nella seconda parte di salita si procede a larghi tornanti (foto 16) che si fanno inevitabilmente più stretti nel tratto terminale, la cui pendenza si aggira sui 35° (foto 17), che va affrontato spesso con un saggio uso dei ramponi sulla punta delle ciaspole o un po' di tecnica sugli sci.
L'arrivo al Colletto di Valnera (foto 18) apre il panorama sul Vallone di Palasina, con una bella vista sull'area dei Laghi Palasina e tutte le vette che li circondano: la Punta Guà, la Punta Chiapa, il Corno Bussola e la Punta Palasina. Più vicina spicca la lunga cresta sud della Punta Valfredda, alla cui base si riconosce la costruzione del Rifugio Arp.
A sud-ovest la cresta su cui ci si trova risale frastagliata verso la cima del M. Bieteron, mentre a nord-est la vicina vetta è la Punta Valnera, raggiungibile come di seguito descritto.
Tratto 3: Colletto di Valnera m. 2681 - Punta Valnera m. 2754. EAI

Tempo di percorrenza: 10 - 15 minuti.
Dislivello: +73.
Difficoltà: salita breve ma ripida. Possibili cornici.

19. Inizio della salita verso la Punta di Valnera.
20. Salita nei pressi delle roccette.
21. Arrivo in vetta.
La salita invernale alla Punta Valnera dal Colletto di Valnera è, quanto a percorso, simile a quella estiva, la cui parte finale è però tracciata per lo più sul pendio sud, mentre in presenza di neve si rimane normalmente qualche metro più a sinistra.
Su neve si risale il crestone puntando direttamente alle roccette generalmente affioranti (foto 19) ma mantenendosi a qualche metro di distanza dal bordo a sinistra dove potrebbero essere presenti pericolosissime cornici.
Se la neve non è tantissima e se la traccia è battuta può essere più semplice procedere senza ciaspole e sicuramente senza sci, lasciando quindi l'attrezzatura alla base delle rocce (se non prima) e procedendo con i soli scarponi.
Si prosegue risalendo la cresta tra le roccette (foto 20) che possono offrire alcuni comodi appigli qualora si ritenesse necessario aiutarsi con le mani, e si incontrano gli ultimi ometti di pietre del sentiero estivo.
In breve si guadagna la vetta (foto 21).
Impossibile elencare il gran numero di cime che è possibile ammirare dalla Valnera, tra cui ad est gran parte di quelle facenti parte dello spartiacque Gressoney / Valsesia, a sud quasi tutte quelle della media e bassa Val d'Ayas, a ovest oltre il Bieteron tutte le più importanti cime della Valle d'Aosta centrale, mentre a nord si osserva gran parte del massiccio del Rosa, dal Castore alla Gnifetti (su cui si riconosce il puntino nero della Capanna Margherita) passando per i Lyskamm, la Parrot e la più lontana e alta Dufour.
Discesa: Punta Valnera m. 2754 - Colletto di Valnera m. 2681 - Laghi di Estoul m. 2450 - Estoul m. 1839. EAI

Tempo di percorrenza: 120 - 150 minuti.
Dislivello: -915 + saliscendi.
Difficoltà: Come per la salita..

22. Discesa verso il Colletto di Valnera.
23. Primi metri di discesa dal colletto.
24. Dopo il tratto più ripido la pendenza diminuisce fino al piano dei laghi.
25. Allontanamento dal livello del lago più grande.
26. Dolce discesa verso il livello del bosco.
27. Uscita dal bosco sul pascolo di Estoul nei pressi dell'Alpe Moucherolaz.
28. Attraversamento delle piste di fondo e ritorno al punto di partenza.
La discesa e il ritorno al parcheggio di Estoul possono avvenire lungo lo stesso percorso utilizzato per salire.
Dalla vetta della Punta Valnera si inizia a scendere in direzione del sottostante Colletto di Valnera (foto 22) facendo bene attenzione ad ogni passo (il pendio può essere ghiacciato o la neve può essere marcia). Le rocce affioranti possono essere utilizzate come stabili punti di appoggio. Si recupera l'eventuale attrezzatura lasciata durante la salita e si percorre il meno ripido tratto che precede l'arrivo al colle ricordando l'eventuale presenza di cornici.
Dal Colletto di Valnera è possibile scendere anche verso nord in direzione del Rifugio Arp e del Colle di Valnera. Va però considerata la pericolosità del tratto di strada sovrastato dal ripido pendio nord del Bieteron, interessato spessissimo dal distacco di valanghe.
La discesa dal Colletto di Valnera ai Laghi di Estoul inizia affrontando il ripido pendio subito sotto il valico (foto 23); anche questo richiede prudenza e il corretto uso delle ciaspole e dei bastoncini (su traccia ben battuta e/o neve compatta non è da escludere che i ramponi si comportino meglio delle racchette).
Dopo i primi ripidi tornanti la pendenza inizia gradualmente a ridursi (foto 24) e la progressione può avvenire con meno difficoltà, fino a raggiungere il livello del lago più grande che viene aggirato o attraversato a seconda delle condizioni (ricordando che la solidità del ghiaccio che ricopre il lago, se sottile, può diminuire con l'innalzamento delle temperature nell'arco della giornata).
Superato il lago ci si lascia alle spalle la conca terminale del vallone (foto 25) perdendo lentamente quota; si lascia poi la zona dei laghi con una piccola salita e si inizia così la discesa verso il livello del bosco (foto 26) rimanendo preferibilmente sulla destra per evitare il più possibile la parete ovest della cresta nord del Ciosè.
L'attraversamento del Bosco di Moucherolaz comprende ancora un tratto piuttosto ripido, anche questo normalmente affrontato con sequenze di tornanti.
All'uscita dal bosco ci si ritrova ormai in vista del grande prato di Estoul (foto 27); si sfiora l'Alpe Moucherolaz lasciandola a sinistra e si riattraversano le piste di fondo (foto 28), tornando in breve al parcheggio di Estoul.
CARTINA
Tracciato GPSLa cartina del percorso dal parcheggio di Estoul alla vetta della Punta Valnera.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

Cliccare sull'immagine a sinistra per scaricare i tracciati per GPS TrackMaker, per Google Earth e in formato .GPX.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico (ricavato dai dati del GPS) del percorso dal parcheggio di Estoul alla Punta Valnera via Laghi di Estoul - Colletto di Valnera.
L'andamento a gradoni è molto evidente; a un tratto poco più che pianeggiante ne segue uno più ripido, corrispondente alla salita nel bosco. Successivamente la pendenza si riduce fino alla zona dei Laghi di Estoul, per poi aumentare ancora fino al Colletto di Valnera e alla vetta.
Note meteorologiche:
La zona non è particolarmente soggetta ad annuvolamenti, soprattutto in inverno. Può essere però esposta al vento, soprattutto da sud fino ai laghi, e anche dalle altre direzioni dal Colletto di Valnera in su.
Rischio valanghe:
La prima parte, fino all'uscita dal bosco, è da considerarsi a basso rischio; successivamente è opportuno evitare la vicinanza alla parete ovest del Ciosè, e considerare attentamene anche lo stato dell'innevamento del versante sud del Bieteron. Con rischio superiore a 2 (ma come sempre bisogna valutare le condizioni locali) anche la conca dei Laghi di Estoul può essere pericolosa, rendendo di fatto sconsigliabile l'itinerario.
Periodo consigliato:
In generale, si può trovare neve su questo itinerario da novembre-dicembre a febbraio marzo. Agli estremi del periodo, il percorso può essere innevato solo parzialmente. Attenzione all'innalzamento del rischio valanghe con l'aumentare delle temperature a fine stagione.
Attrezzatura:
Abbigliamento invernale a strati, modulabile velocemente in funzione delle temperature e dell'esposizione al vento; ciaspole, ghette, cibo e acqua per la giornata. ARTVA, pala e sonda obbligatori.
Incontri:
La salita alla Punta Valnera è un percorso decisamente frequentato da ciaspolatori e scialpinisti.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari invernali