AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
LAGO CIARCERIO - MONTE CAVALLO
EE
Il m. Cavallo è la cima rocciosa che chiude a sud-ovest il pianoro che ospita il lago Ciarcerio. Si tratta di un'altura veloce e interessante da salire e che offre un bellissimo panorama a 360°. Sebbene la sommità sia apparentemente impossibile da raggiungere se non in arrampicata, esiste un sentiero che consente la salita senza particolari attrezzature, purchè non si abbiano le vertigini. Una parte è infatti costituita da un sentiero strettissimo che risale zigzagando la parete nord a strapiombo sul piano del lago con difficoltà che comunque non superano il I grado. In poche parole una salita di un quarto d'ora ma non per tutti: assolutamente vietato a chi ha paura del vuoto, riservato ad alpinisti ed escursionisti con notevole esperienza.
Salita: Lago Ciarcerio - M. Cavallo m. 2466.

Sentiero: non segnato.
Tempo di percorrenza: 15 - 25 minuti.
Difficoltà: superato il primo facile cono erboso, si risale la parete nord. Non ci si può permettere di cadere da questa parte.

1. Il m. Cavallo visto dalla sponda nord del Lago Ciarcerio.
2. Il percorso verso la cima.
3. Inizio della traccia su roccia.
4. La salita sulla parete.
5. Si sale quasi in verticale.
La salita al monte Cavallo (foto 1) inizia alle spalle della stazione a monte della seggiovia, sul cono erboso che circonda quasi tutta la base della montagna. Il percorso è indicato nella foto 2; la salita fino alla base delle rocce è indicativa (anche se effettivamente esiste una traccia di sentiero), ma il tracciato che risale la parete è pressochè obbligato, e inizia in prossimità dell'albero visibile anche nella foto 3.
La salita su roccia avviene a tornantini ed è molto ripida (foto 4). La parete è quasi verticale, e in pratica si passa negli unici punti in cui è possibile arrampicarsi appoggiando i piedi e tenendosi con le mani. Questi pochi minuti di salita richiedono equilibrio e sangue freddo, perchè non è consentito sbagliare. Ci sono alcuni piccoli ometti di pietre che abbiamo creato noi durante la nostra discesa; incontrarli significa essere sulla strada giusta.
La parete finisce quasi sulla cima, che è preceduta da un brevissimo tratto con pendenza limitata e terreno erboso. Sulla vetta, che è una cresta orientata NE-SO, c'è un ometto di pietre al centro del quale abbiamo fissato in posizione verticale un palo di plastica arancio e blu di due metri abbondanti che abbiamo trovato sul posto in orizzontale (a meno che nel frattempo il vento non l'abbia abbattuto nuovamente).
Il panorama è eccezionale, a dispetto della quota limitata; si possono ammirare le Grandes Murailles, il Cervino e la catena del Rosa dalla Gobba di Rollin al Colle del Lys, nonchè il vicino Colle Rothorn, il Vallone delle Cime Bianche e innumerevoli altre cime della Valle d'Ayas e oltre. Naturalmente il sottostante Lago Ciarcerio si presenta sotto un'insolita prospettiva.

Dalla cima del m. Cavallo verso NNE: dal Cervino al Castore.
Salita: M. Cavallo - Lago Ciarcerio.

Sentiero: non segnato.
Tempo di percorrenza: 15 - 25 minuti.
Difficoltà: come per la salita, con l'aggiunta che bisogna per forza guardare in basso.

6. Inizio della discesa sulla parete.
7. Un passaggio sulla parete.
La discesa avviene lungo lo stesso percorso della salita.
Dopo i primi metri su erba dalla cima alla parete nord, si riimbocca il percorso obbligato (foto 6). È importantissimo non farsi spaventare dalla verticalità della parete, e vincere la comune sensazione del "vuoto che chiama". Tenersi alla roccia è indispensabile, e ogni passo va valutato con estrema attenzione (foto 7).
Scesi dalla parete ci si ritrova sul cono sottostante, e il passo al piano del lago è questione di pochissimi minuti.
Note meteorologiche:
Niente di particolare da segnalare.
Periodo consigliato:
Ovviamente non è il caso di tentare la salita se c'è neve, anche se probabilmente è fattibile se la parete è completamente sgombra e non ci sono tracce di ghiaccio.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, a parte ovviamente un paio di scarponi con suola rigida e adatti ad affrontare la roccia.
Incontri:
Se il Ciarcerio è piazzato lungo un percorso classico, facile e generalmente frequentatissimo, la salita al Cavallo è probabilmente effettuata da poche persone ogni anno, quindi è difficile trovare altri.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (1):
1. Lau65 01/10/2008, 08.39.24
Utente registrato
Età: 54 anni

Valutazione:
D'inverno con i miei sci ai piedi e con la neve mi sono sempre chiesta com'era possibile salire in cima... la parete mi sembrava abbastanza verticale... in effetti anche senza neve, seppur presente una minima traccia, mi sono resa conto che non è una gita proprio alla portata di tutti. A salire (come sempre) l'esposizione si vedeva ma non mi sembrava eccessiva In discesa mi sono resa conto di non essere più così sicura di non scivolare. La traccia non è pulita (erba, ghiaia, terra) però pian pianino e con l'aiuto dei miei compagni di avventura sono riuscita a passare i punti più insidiosi con molta cautela. Bell'itinerario. Arrivati al lago è un vero peccato non raggiungere la vetta!
Indietro all'elenco degli itinerari