AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
CREST - LAGO DELLE RANE - LAGO SALER - LAGO CONTENERY - LAGO CIARCERIO - SOUTSUN
T
Tratto 1: Crest - Lago delle Rane.

Sentieri: 10A/11.
Tempo di percorrenza: 15 - 30 minuti.
Difficoltà: nessuna. Il percorso è in parte su strada sterrata, il resto su buon sentiero.

1. Il cammino inizia qui, dietro l'arrivo della cabinovia, a sinistra, lungo la sterrata.
2. In questo punto ci si separa dalla sterrata e si segue il sentiero a destra (chiaramente indicato dai cartelli gialli).
3. Si segue il tracciato di una pista da sci di media ripidità.
4. Si arriva infine al Lago delle Rane.
Questo è un percorso molto piacevole, con una grande vista sulle cime e sui ghiacciai del Rosa e del Cervino. Può essere anche percorso in parte, fino a dove si preferisce o si riesce.
Il nostro cammino inizia all'arrivo della telecabina del Crest. Si gira intorno alla costruzione (foto 1) e si prende la sterrata a sinistra, che poco dopo passa sotto Cre-Fornè.
Dopo un breve tratto dalla sterrata si separa un sentiero verso destra, indicato dalla bellezza di 5 cartelli (foto 2). Il sentiero attraversa una zona di bosco non fitto, e si unisce poi al tracciato di una pista da sci (foto 3) che si stacca temporaneamente verso destra. Questo tratto è abbastanza ripido, ma porta dritti dritti al Lago delle Rane (foto 4).

Per ulteriori immagini andare alla pagina sul Lago delle Rane.
Tratto 2: Lago delle Rane - Lago Saler (Alpe Belvedere).

Sentieri: 10A/11.
Tempo di percorrenza: 20 - 25 minuti.
Difficoltà: nessuna. Il percorso è tutto su strada sterrata.

5. Lasciato il Lago delle Rane si segue la sterrata, senza il rischio di sbagliare strada.
6. La vista si fa sempre più panoramica man mano che si sale...
7. ... naturalmente a patto che le condizioni meteo lo consentano.
8. Il sentiero porta dritto al Lago Saler.
9. Panorama dall'Alpe Belvedere. Il lago Contenery è sotto si noi ma non si vede; in compenso è chiarissima la strada che sale verso il Ciarcerio.
Per continuare verso il Lago Saler si segue la comoda sterrata che costeggia il lago a sinistra (visibile nella foto 4). Come molte sterrate ha una ripidità pressochè costante (foto 5), ma non lascia dubbi sul percorso da seguire. È già possibile avere una buona vista su tutta la Valle d'Ayas e sullo Zerbion, nonchè sul Cervino, sulla Gobba di Rollin e sul Breithorn (foto 6 e 7).
La sterrata porta direttamente al Lago Saler (foto 8), tranquillo specchio d'acqua poco profonda in una conca.
Se cercate un bel panorama sulla valle e sulle montagne, potete salire all'Alpe Belvedere (foto 9), a sinistra del lago, dove si intravvede l'arrivo di una seggiovia (che finisce al Ciarcerio passando per il Contenery, ma d'estate non funziona); il mio tracciato GPS lo prevede (tratto arancio) ma non è indispensabile ai fini della continuazione. Tagliate per il prato o sul percorso della pista da sci.
Se non vi ispira, rimanete sulla strada a destra del lago.
Se avete deciso di salire, scendendo vi riunirete comunque alla strada.
Per ulteriori immagini andare alla pagina sul Lago Saler.

Dai pressi del Lago Saler si può deviare verso il M. Bettaforca (m. 2971) come descritto nell'itinerario 38.
Tratto 3: Lago Saler - Lago Contenery.

Sentieri: 10A/11.
Tempo di percorrenza: 15 - 20 minuti.
Difficoltà: nessuna. Tutto il percorso è su strada sterrata, e per giunta in parte è in discesa.

10. Ecco il Lago Contenery. A destra la strada che proviene dal Saler (e da cui siamo arrivati anche noi) e gira intorno al lago, per proseguire verso il Ciarcerio.

Variante Contenery - Alpe Taconet.

Sentiero: 10.
Tempo di percorrenza: 25 - 35 minuti
Difficoltà: attenzione in particolar modo ai tratti su pietraia.

Se siete saliti all'Alpe Belvedere, scendete a sinistra dell'alpeggio; se siete rimasti giù al Lago Saler restate sulla strada che costeggia la sponda sinistra del lago.
Dopo il Saler la strada scende verso il Contenery. Seguitela e non sbagliate (anche perchè a questo punto vedete già il lago, foto 10).

Per ulteriori immagini andare alla pagina sul Lago Contenery.
VARIANTE
Dal Contenery è possibile accorciare il percorso, saltando il Ciarcerio e scendendo direttamente all'Alpe Taconet.
Dietro la stazione della seggiovia inizia il sentiero n. 10. È un tratto di circa un chilometro, prima con un leggero saliscendi, poi in discesa, che va ad unirsi alla sterrata nei pressi appunto dell'Alpe Taconet. Comprente alcune parti su pendio piuttosto ripido con pietraia, quindi andrebbe classificato come difficoltà E. Non ci sono pericoli, basta guardare molto bene dove si mettono i piedi. Questa variante è disegnata in verde sul tracciato GPS.
Tratto 4: Lago Contenery - Lago Ciarcerio.

Sentieri: 10b (lungo la pista) o 11 e 10 (lungo la sterrata).
Tempo di percorrenza: 20 - 25 minuti.
Difficoltà: nessuna.

11. Particolare della vista panoramica dall'Alpe Belvedere; ecco quasi tutta la strada tra il Contenery e il Ciarcerio, evidenziata in giallo. Se preferite tagliare lungo la pista seguite il tratto rosso.
A sinistra del Ciarcerio si nota il m. Cavallo (vedi escursione 12b).
12. La strada costeggia una stalla e poco dopo un alpeggio (si vedono anche nella foto precedente).
13. Panoramica del lago Ciarcerio. Si arriva da destra.
Tratto abbastanza ripido (soprattutto l'ultima parte), ma niente di terribile. È sufficiente rimanere sulla strada che proveniva dal Saler (sentiero 11).
Con un tornante (foto 11) si costeggia una stalla (foto 12), poi l'alpe Contenery (da qui la strada è segnata come 11) e infine si punta direttamente verso il Ciarcerio (foto 13), dove si viene "accolti" dall'ingombrante costruzione dell'arrivo della seggiovia (l'altro estremo è all'Alpe Belvedere). Il tracciato GPS che fornisco segue questo percorso, ma è possibile anche tagliarlo salendo lungo la pista da sci, a costo di un pendio più ripido.
Per ulteriori immagini andare alla pagina sul Lago Ciarcerio.
VARIANTE 1
Dal tratto di strada tra l'alpe Contenery e il lago si stacca il nuovo sentiero 10 per il Colle Rothorn. La traccia è visibilissima, evidenziata anche da grandi ometti di pietre e segnavia dipinti sulle rocce; seguendola si raggiunge l'incrocio con il sentiero 11 per il m. Bettaforca (escursione 38), e rimanendo sul 10 si raggiunge il Colle Rothorn come descritto nell'itinerario 38b.
VARIANTE 2
Dal Ciarcerio è possibile salire sul vicinissimo e apparentemente insignificante m. Cavallo, immediatamente a sud-ovest del lago. La salita, descritta nell'itinerario 12b, è molto breve ma piuttosto impegnativa; consigliata solo ad escursionisti esperti che non soffrono di vertigini.
Tratto 5: Lago Ciarcerio - arrivo seggiovia da Frachey.

Sentieri: Strada sterrata in direzione nord.
Tempo di percorrenza: 20 - 25 minuti.
Difficoltà: nessuna.

14. La foto precedente con evidenziato il percorso da seguire.
15. La strada si allontana dal Ciarcerio...
16. ... con andamento a gradoni...
17. ... e arriva infine alla stazione finale della seggiovia di Frachey...
18. ... da cui la vista sull'intero Vallone della Forca è questa. A destra, in fondo alla lunga strada, si vede il Colle Bettaforca, con la seggiovia che scende verso Gressoney.
È interessante proseguire dopo il Ciarcerio fino all'arrivo dell'ultimo tratto della seggiovia che sale da Frachey, da cui è possibile avere una splendida vista dal vallone delle Cime Bianche fino al Colle Bettaforca, passando naturamente per il Cervino e il Rosa.
Si segue la strada che costeggia il lago; al bivio visibile nella foto 14 (e contrassegnato dai soliti cartelli gialli) si prosegue verso destra (foto 15 e 16).
In breve, e senza possibilità di sbagliare, si arriva al punto terminale della seggiovia (foto 18).
Tratto 6: Arrivo seggiovia da Frachey - Soutsun.

Sentieri: pista da sci o sterrata; poi 2.
Tempo di percorrenza: 50 - 70 minuti (ma dipende dalla strada scelta).
Difficoltà: nessuna. Al limite la pista da sci è un po' ripida.

Dall'arrivo della seggiovia si apre un ampio ventaglio di possibilità per scendere ed andarsi ad unire alla sterrata Crest-Resy, per poi tornare al Crest.
È possibile seguire la sterrata, oppure tagliare per il primo tratto della pista da sci per accorciare un po'. Si finisce comunque per riunirsi alla sterrata; seguendola in discesa si costeggia l'Alpe Taconet, dove è stata ambientata buona parte del film " Tutta colpa del Paradiso".
Seguendo sempre la strada si raggiunge quella Crest-Resy, numerata anche come sentiero 2; si svolta a sinistra in direzione sud e in breve si arriva alla frazione Soutsun.
Tratto 7: Soutsun - Crest.

Sentieri: sterrata, numerata 2.
Tempo di percorrenza: 30 - 45 minuti.
Difficoltà: nessuna.

Siete già sulla strada giusta... restateci. Proseguite sulla sterrata n. 2 e in breve, senza particolari dislivelli, sarete al Crest.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPSIl tracciato satellitare del percorso.
Il disegno comprende anche due varianti: la prima, in arancio, parte dal lago Saler e passa per l'alpe Belvedere, riunendosi poi alla sterrata; la seconda accorcia il percorso tagliando fuori il lago Ciarcerio, e porta direttamente dalla stazione della seggiovia presso il Contenery all'alpe Taconet.
Il mio tracciato si separa dalla sterrata nei pressi di Soutsun per entrare nella frazione; non è comunque necessario e basta seguire la strada.

Cliccare sull'immagine a sinistra per scaricare il tracciato (completo di varianti) per il programma GPS TrackMaker.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
L'intero tracciato si snoda tra i 1950 e i 2450 circa, quindi entro un range di 500 metri, ma comprende alcune salite e discese. Percorrendolo nel senso in cui è descritto si incontra una parte discesa poco prima del lago Contenery, per poi risalire ripidamente verso il Ciarcerio (il tracciato riporta la salita lungo la sterrata; la pista è ancora piò ripida). Il punto più elevato è in corrispondenza dell'arrivo della seggiovia da Frachey. Il punto più basso è intorno a Soutsun; da qui per tornare al Crest è necessaria una nuova salita, e infine una breve discesa. La lunghezza totale è inferiore agli 11 Km (proiettata sul piano).
Note meteorologiche:
La zona è piuttosto assolata, e non ha una particolare tendenza a coprirsi di nuvole, ma per godere dello splendido panorama è meglio scegliere un'ottima giornata.
Periodo consigliato:
È consigliabile effettuare questa passeggiata quando la zona è completamente libera da neve, e sicuramente quando le piste da sci non sono in funzione. Direi da giugno a settembre e oltre, se l'autunno ritarda.
Con copertura nevosa ma piste chiuse l'itinerario è comunque praticabile almeno in parte.
Attrezzatura:
Mettetevi degli scarponi in grado di assicurare una buona tenuta, soprattutto se prevedete di tagliare dal Contenery per il sentiero 10. Portatevi come sempre qualcosa di nutriente per il pranzo, e non dimenticate del cioccolato. Mettete nello zaino un K-Way o una mantella impermeabile.
Incontri:
La zona è molto frequentata (soprattutto fino al Lago delle Rane), e la possibilità di essere soli mi sembra davvero remota, per lo meno in piena stagione turistica.
Animali che si possono incontrare: a seconda della stagione, sicuramente girini e/o rane nel Lago delle Rane. Farfalle ovunque ci siano fiori. Marmotte.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (3):
3. Andrea 08/07/2017, 19.25.37
Utente non registrato
Valutazione:
Bella escursione, visti tutti i laghi anche se credo di aver tagliato un pezzo dopo il ciancerio, fatto anche ottime foto
2. Emanuele 15/09/2014, 15.45.32
Utente non registrato
Valutazione:
14 settembre 2014
Ho fatto solo i primi due tratti, ma ero con i miei figli di 4 e 6 anni, non ancora molto allenati (d'altronde eravamo fuori fase anche io e mia moglie) e siamo anche arrivati tardino a Champoluc, ma è stato molto bello e l'hanno fatta volentieri.
Peccato per le nuvole che coprivano buona parte del panorama, soprattutto le cime più alte.
Da completare l'anno prossimo !

P.S.: descrizione molto dettagliata, complimenti e grazie !
1. Vilma Castellano 23/09/2008, 11.06.55
Utente non registrato
Valutazione:
Incuriosita da una foto del lago Saler trovata su un calendario, ho trovato il completissimo itinerario e mi riprometto di effettuare il giro appena possibile. Per il momento complimenti per i dettagli, le belle foto e i tanti rimandi del sito. Grazie!
Indietro all'elenco degli itinerari