AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ESTOUL/PRA BARMASSE - COLLE RANZOLA - M. CIOSÈ
F+
Il M. Ciosè è la vetta che si erge solitaria immediatamente a nord del Colle Ranzola, sullo spartiacque tra la Valle d'Ayas e quella di Gressoney.
Molto meno noto di alcune delle cime circostanti (tra cui la Punta Valnera e la frequentatissima Punta Regina), viene salito piuttosto di rado.
Benchè si possano ipotizzare diverse vie di accesso (nessuna pienamente escursionistica) alla vetta lungo il ripido versante sud, quella più interessante è sicuramente lungo la cresta che unisce la cima al Colle Ranzola; il passaggio chiave è, ormai a breve distanza dalla vetta, la discesa (e risalita al ritorno) in un intaglio della cresta sommitale per 6-7 metri su buona roccia in leggera esposizione, con difficoltà non superiore al I+. Passaggi isolati anche lievemente più impegnativi (II, II+) si possono incontrare lungo la cresta sud, ma sono sempre aggirabili benchè possano fornire qualche occasione di divertente arrampicata.
Salita: Estoul/Pra Barmasse m. 1928 - Colle Ranzola - M. Ciosè m. 2647.

Sentiero: 7, poi non numerato.
Tempo di percorrenza: 100 - 120 minuti.
Difficoltà: F+. Pendio ripido erboso, roccia fino a I+.

1. Il cammino inizia in corrispondenza di questo cartello, oltre il quale non si può procedere con mezzi a motore se non autorizzati. A destra la Punta Regina.
2. Il bivio per Pra Barmasse Superiore: si procede dritti.
3. Ci si porta sul sentiero poco prima dell'alpe Fenêtre.
4. Arrivo al colle.
5. Inizio della salita lungo il muretto.
6. Salita verso il gendarme sulla cresta.
7. Un ometto di pietre.
8. Ancora un ometto tra gli arbusti lungo la salita verso il primo gendarme.
9. Avvicinamento e aggiramento del primo gendarme.
10. Risalita verso la cresta dopo il gendarme.
11. Aggiramento del risalto successivo.
12. Panorama verso valle con le principali cime e il gendarme con la croce.
13. Il gendarme con il bastone (invisibile in foto) va risalito.
14. Aggiramento della placca e risalita su pietraia verso la cresta sommitale.
15. Arrivo sulla cresta sommitale. Al centro la cima del Ciosè.
16. La linea di discesa nell'intaglio, vista di fronte.
17. Risalita dall'intaglio.
18. Nuovamente in cresta, in vista della cima.
Il punto di partenza della salita è raggiungibile seguendo la strada che da Brusson sale ad Estoul e prosegue poi in direzione del Colle Ranzola; nei pressi dell'Alpe Pra Barmasse Inferiore la strada è chiusa al traffico non autorizzato (foto 1) ed è necessario proseguire a piedi.
L'avvicinamento inizia dunque su tranquilla strada sterrata (identificata anche con segnavia 7); questa affronta per prima cosa una coppia di tornanti, che è possibile "tagliare" seguendo una traccia di sentiero all'interno delle curve.
Circa 300 metri dopo il tornante a destra si incontra un bivio (foto 2); qui si scarta la diramazione a sinistra - che porta all'Alpe Pra Barmasse Superiore - e si prosegue dritti. Dopo un'altra coppia di tornanti (parzialemente asfaltati) si raggiunge l'Alpe Fenêtre; qui se necessario è possibile fare scorta di acqua.
Subito prima dell'alpeggio, però, una palina (foto 3) indica il sentiero 7 per il Colle Ranzola e altre mete (tra cui la Punta Regina e Weissmatten). Il sentiero (con difficoltà E) passa alle spalle dell'alpe e punta dritto, con pendenza non molto pronunciata, al Colle Ranzola (20-25' dalla partenza) (foto 4).
Al Colle Ranzola sono stati eretti una cappelletta e un muretto a secco; su questo sono state poste una statua della Madonna e una targa metallica a ricordo del passaggio di Tolstoy nel 1857.
Ci si lascia ora alle spalle il colle, risalendo il pendio lungo il muretto in direzione nord-nord-ovest (foto 5) fino alla sua fine, incontrando - a seconda delle condizioni del manto erboso - qualche leggera traccia di sentiero.
Al termine del muretto si prosegue la salita seguendo la traccia o, in mancanza di questa (che è a volte discontinua, e sicuramente più facile da individuare in discesa), puntando leggermente a sinistra dell'evidente gendarme sulla cresta (foto 6). Si incontrano alcuni ometti di pietre (foto 7) ad indicare la via, ma più in alto sarà necessario fare attenzione a non seguire la serie di ometti che porta sul versante sud, e rimanere invece nei pressi della cresta.
Il pendio, ricoperto da erba olina, mirtilli e ginepri, si fa piuttosto ripido, mentre la traccia serpeggia tra le rocce affioranti (foto 8) e i sempre più radi alberi in direzione del primo gendarme.
Questo viene aggirato sulla sinistra (foto 9) mantenendosi ad alcune decine di metri di distanza, sempre seguendo gli ometti di pietre, nei pressi della sottostante pietraia.
Superato il gendarme si risale verso destra in direzione della cresta (foto 10), che tuttavia non è strettamente necessario raggiungere essendo possibile mantenersi una decina di metri più a sinistra.
Il gendarme successivo, più piccolo del primo e caratterizzato dagli ultimi alberi e da formazioni rocciose torreggianti sul lato est, può essere comodamente aggirato a sinistra (foto 11) oppure scavalcato (I-II a seconda dei punti scelti).
Si continua la salita con l'aggiramento sul fianco sinistro (o a scelta la risalita, sempre I-II) di altri risalti rocciosi, uno dei quali con una croce metallica in cima (foto 12), fino ad un gendarme più grande, su cui è stato posto un bastone; questo è più difficoltoso da aggirare per via del costone roccioso che scende verso sinistra, ma può essere comodamente risalito (foto 13), passando poi pochi metri a sinistra della "vetta" quando possibile.
Dopo il gendarme si incontra una piccola placca sulla cresta; anche questa può essere evitata (foto 14) stando a sinistra (volendo scavalcarla ci si trova a dover scendere uno scomodo gradino sul lato nord), salendo poi direttamente sulla pietraia successiva fino alla cresta sommitale (foto 15).
Questa viene percorsa in direzione della cima giungendo in breve ad un intaglio, il cui superamento costituisce il passaggio chiave della salita.
Per scendere nell'intaglio si scartano i canalini sulla sinistra e si identifica un passaggio con evidenti appigli e appoggi a destra (foto 16), disarrampicando per 6-7 metri fino a raggiungere il fondo dell'intaglio (I+). È eventualmente possibile, ma non necessario, calarsi in corda doppia o comunque utilizzare una corda per maggior sicurezza.
Giunti sul fondo dell'intaglio si risale facilmente dal lato opposto (foto 17), con passaggi di I scarso, riguadagnando la cresta (foto 18). A questo punto, procedendo su erba e facili roccette, si guadagna la cima del Ciosè (80-100' dal Ranzola).

19. Panorama a nord dalla vetta del Ciosè.
Il panorama dal Ciosè è aperto in tutte le direzioni, con le vette più alte ad una certa distanza; a sud si possono osservare i gruppi del Nery - circondato da Marienhorn, Soleron e Champlong - e delle Dame di Challand, con il Voghel, le Becche di Vlou, Torchè e Mortens.
A nordi si scorgono per prima cosa lo Zerbion, più lontano, e il gruppo Guà - Corno Bussola; segue il Bieteron, a destra del quale, allineato con la frastagliata cresta del Ciosè, spunta il Cervino. Procedendo verso destra si riconoscono il M. Perrin, la Punta Valfredda, il Corno Vitello, il Testa Grigia, e oltre questo la parte orientale del Rosa, a fare da testata alla Valle di Gressoney, oltre la quale si ergono tutte le vette che la dividono dalla Valsesia.
Discesa: M. Ciosè - Estoul/Pra Barmasse.

Sentiero: non numerato, poi 7.
Tempo di percorrenza: 80 - 110 minuti.
Difficoltà: F+. Roccia fino a I+, pendio erboso ripido.

20. Inizio del ritorno sulla cresta.
21. Discesa nell'intaglio.
22. Risalita sul lato est dell'intaglio.
23. Inizio della discesa verso il Ranzola. Nell'ellisse rossa la placca iniziale, in quella gialla il gendarme con il bastone.
24. Aggiramento o superamento della placca e risalita sul gendarme col bastone.
25. Risalita sul gendarme.
26. Discesa lungo la cresta con aggiramento a destra dei vari risalti fino al gendarme più grande.
27. Discesa oltre il gendarme più grande, con il Colle Ranzola sullo sfondo.
28. Ritorno al Colle Ranzola.
La discesa dal Ciosè può avvenire seguendo lo stesso percorso utilizzato per salire.
Si lascia la cresta in direzione est-sud-est (foto 20), superando alcuni piccoli passaggi su roccette, fino a giungere all'intaglio, nel quale si scende disarrampicando su I scarso (foto 21).
Si risale dunque sull'altro lato dell'intaglio con alcuni metri di facile arrampicata lievemente esposta (foto 22).
Poco dopo ci si affaccia sulla cresta che condurrà al Colle Ranzola (foto 23).
Si lascia la cresta sommitale scendendo sulla pietraia in direzione della placca in cresta sottostante; questa può essere agilmente aggirata sul bordo destro o scavalcata (foto 24).
Subito dopo la placca si procede a risalire sul gendarme con il bastone (foto 25), scendendo poi sul lato opposto.
Da qui si continua la discesa nei pressi della cresta aggirando i vari risalti rocciosi sulla destra (foto 26) - o eventualmente mantenendo il filo di cresta, con passaggi di II, se si preferisce cercare qualche piccola difficoltà aggiuntiva.
L'ultimo e più grande gendarme si aggira sempre sulla destra; la discesa prosegue su ripido pendio (foto 27) con rocce affioranti, mentre intorno alla debole traccia a terra iniziano a trovarsi i primi alberi. In breve si riguadagna il Colle Ranzola dopo aver riincontrato il muretto a secco (foto 28).
Il ritorno a Pra Barmasse Inferiore, e dunque al punto di partenza, avviene lasciando il colle verso destra e seguendo il facile sentiero 7 fino all'Alpe Fenêtre dove si incontra nuovamente la strada sterrata che conduce al punto di partenza.
TRACCIATO GPS
La cartina del percorso da Estoul/Alpe Pra Barmasse Inferiore alla vetta del Ciosè via Colle Ranzola - cresta sud-est. Sono incluse le vie di comunicazione, gli alpeggi, i principali sentieri della zona con la relativa numerazione, le linee di cresta, alcuni punti notevoli, le aree boschive e le isoipse a 20 m. Data la natura del terreno, il percorso dal Colle Ranzola alla cima Ť da considerarsi indicativo.
Cliccare sull'immagine per scaricare il tracciato GPS per GPS Trackmaker, per Google Earth, in formato GPX e una cartina vettoriale in formato PDF.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico del percorso da Estoul/Pra Barmasse Inferiore alla vetta del Ciosè via Colle Ranzola.
Il tratto fino all'Alpe Fenêtre è su strada sterrata, con poca ma costante pendenza (qui non sono considerati i tagli dei tornanti). Dall'alpeggio al Colle Ranzola la pendenza aumenta lievemente, per poi impennarsi dopo il valico; questa è la risalita della cresta. La salita prosegue con poche variazioni di pendenza fino alla piccolissima discesa prima della placca: qui si è scavalcato un gendarme. Si sale ancora fino all'intaglio nella cresta sommitale, superato il quale la pendenza diminuisce e rimane scarsa fino alla vetta.
Note meteorologiche:
Il percorso è consigliato solo in assenza di neve. Benchè qualche chiazza residua possa non rendere critica la salita, è opportuno tenere in considerazione il pericolo valanghe lungo il sentiero tra l'Alpe Fenêtre e il Colle Ranzola; la discesa e la risalita nell'intaglio, inoltre, potrebbero diventare più difficoltosi in presenza di neve.
Periodo consigliato:
Dal disgelo completo della cresta alle prime nevicate. Indicativamente da giugno/luglio a ottobre.
Incontri:
La strada e il sentiero fino al Colle Ranzola sono molto frequentati durante la stagione estiva. In compenso, durante la salita al Ciosè è improbabile trovare altre persone.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari alpinistici.