AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
M. RENA - M. TAILLE - M. TAF - WEISSMATTEN - ESTOUL
EE/F
Il M. Taille è la più elevata delle cime del gruppo compreso tra il Colle Frudière e il Colle Ranzola, di cui fanno parte anche il Taf (escursione 31), il Rena (escursione 29), la Punta Regina (escursione 24) e la Punta della Garda (diverse altre non hanno nome).
La traversata sul sentiero 1b rappresenta il più alto dei tre sentieri che uniscono la zona del Ranzola a quella del Colletto Taf e del Colle Frudière; gli altri sono via Weissmatten sul lato gressonaro (in questo itinerario il ritorno avviene su questo sentiero) e via laghi Frudière sul versante ayassino. La documentazione sul sentiero 1b è scarsissima, nulla o incompleta anche su testi di recentissima pubblicazione, come scarsissima è la sua frequentazione; alle due estremità è dipinta l'iscrizione "molto difficoltoso!" a sconsigliarne la percorrenza. Ciononostante, la via è transitabile e non presenta in realtà difficoltà insormontabili; comprende diversi passaggi di I grado o poco più su buona roccia, in alcuni casi leggermente esposti, alternati a tratti di pietraia o di più comoda erba con evidenti tracce di sentiero. Due punti sono stati semplificati con il posizionamento di altrettanti canaponi.
La parte più impegnativa è tra il M. Rena e il Taille; la frastagliata cresta che li unisce, il cui sviluppo si aggira sui 600 metri (la distanza lineare tra le due vette è di circa 460 m.), è un percorso sconsigliato ai meno esperti di montagna, e adatto a camminatori con una discreta dimestichezza con la roccia.
Il panorama dalla vetta del Taille, non molto differente da quello dal Rena, è dominato a sud dall'imponente sagoma del M. Nery (itinerario alpinistico 5), circondato da Marienhorn, Soleron e Champlong, con il lago più grande del gruppo dei Frudière nella verde conca sottostante; a nord il panorama oltre Rena e Regina è chiuso dal Ciosè, ma oltre spuntano alcune vette del gruppo Bussola-Palasina, della valle di Gressoney orientale e buona parte del Rosa.
Dalla base del Taille si può proseguire senza più incontrare particolare difficoltà tecniche fino portare a termine la traversata sul sentiero 1b fino a ricongiungersi al sentiero tra Weissmatten e il Colletto Taf: da qui il ritorno ad Estoul può avvenire sia sul versante ayassino via laghi Frudière sia, più semplicemente, rimanendo in Valle di Gressoney via Weissmatten - Colle Ranzola, ottenendo così un itinerario parzialmente ad anello (il tratto comune a salita e discesa è quello tra Estoul e la Gombetta).
Tratto 1: M. Rena m. 2515 - M. Taille m. 2561

Sentiero: 1b.
Tempo di percorrenza: 40 - 60 minuti.
Difficoltà: cresta a volte esposta con passaggi su facile roccia.

1. Discesa sul versante sud del M. Rena.
2. Uno sguardo alla prima parte di cresta.
3. Prime roccette, in risalita verso il primo risalto della cresta.
4. La placca con il primo canapone.
5. Dal primo risalto, visuale sulla vetta del Taille e sulla seconda parte di cresta.
6. Superamento della prima protuberanza della cresta.
7. Nuovamente su cresta rocciosa. La cima di destra è il Rena.
8. Facile salita su un ulteriore piccolo risalto.
9. Salita con l'aiuto della corda fissa.
10. Discesa verso la successiva cresta erbosa.
11. L'ultima cresta con il sentiero.
12. Avvallamento e risalita su erba.
13. Dalla spalla erbosa, uno sguardo all'ultimo pendio da risalire.
14. Salita verso la vetta.
15. La pietraia che precede la cima.
Dalla vetta del M. Rena si scende sull'erboso versante sud, raggiungendo facilmente la prima selletta erbosa (foto 1).
Da qui si può osservare meglio tutta la prima parte di cresta fino al primo risalto roccioso (foto 2); a prima vista i migliori punti dove passare possono sfuggire, ma proseguendo si faranno evidenti uno dopo l'altro. Rimane comunque la necessità di saperli scegliere.
Ci si porta quindi sul filo di cresta (foto 3), affrontando una sequenza continua di passaggi su roccia. L'esposizione non è eccessiva; naturalmente è opportuno fare attenzione agli appigli che in certi casi potrebbero rivelarsi non del tutto sicuri. Si supera una placca rocciosa inclinata verso nord, eventualmente con l'aiuto del canapone (foto 4) piazzato recentemente (attenzione: è fissato solo dal lato del M. Rena).
In 10-15' si raggiunge così la sommità della primo risalto roccioso; qui è posto un bastone verticale che funge da ometto (foto 5 ).
Raggiunto questo punto lo si supera facilmente (foto 6 ) e si affronta una nuova crestina affilata (foto 7) verso il risalto successivo (foto 8), che si eleva di alcuni metri dalla cresta; anche questo ostacolo può essere scavalcato senza particolari difficoltà tecniche - aiutandosi, se lo si ritiene necessario, con il secondo canapone (foto 9), o facendone a meno con difficoltà che non superano il II grado - seguendo quindi il filo di cresta e scendendo poi sul lato opposto (foto 10).
Si incontra un'elementare cresta erbosa (foto 11) percorsa da un evidente sentiero che conduce a una selletta tra le rocce, oltre il quale il sentiero perde qualche metro di quota scendendo in un piccolo avvallamento (foto 12) da cui risale sulle pendici del M. Taille, raggiungendo in breve una spalla, erbosa anch'essa, alla base dell'ultimo pendio (foto 13). La traccia prosegue in direzione del m. Taf (vedi tratto 2).
Qui si lascia il sentiero e si ricomincia a salire su facili roccette (foto 14), raggiungendo in pochi minuti un'inattesa zona quasi pianeggiante occupata da una pietraia (foto 15), il cui attraversamento consente di portarsi alla base dell'ultimissimo salto roccioso, superato facilmente il quale si raggiunge finalmente la vetta.

14. Il Nery visto dalla vetta del Taille.
Sulla cima, piuttiosto ampia e in grado di ospitare parecchie persone contemporaneamente, sono presenti due rudimentali ometti eretti con schegge di roccia; non esiste un libro di vetta.

Volendo interrompere la traversata la cresta può essere ripercorsa in senso inverso per tornare al Rena e da qui a Estoul: questo tratto di ritorno è descritto nel tratto 1b. Per proseguire in direzione del Taf e completare il percorso seguire il tratto 2.
Tratto 1b : M. Taille m. 2561 - M. Rena m. 2515

Sentiero: 1b.
Tempo di percorrenza: 40 - 60 minuti.
Difficoltà: cresta a volte esposta con passaggi su facile roccia.

16. Ritorno al sentiero.
17. Attraversamento dell'avvallamento erboso.
18. Salita sull'ultima anticima.
19. Un passaggio sul filo di cresta.
Volendo accorciare il percorso senza continuare verso il Taf, si può tornare sul Rena via cresta ripercorrendola in senso inverso.
Lasciata la cima (foto 16) si attraversa la sottostante piccola pietraia e si riguadagna il sottostante dosso erboso dove si riincontra il sentiero.
Questo scende nell'avvallamento erboso (foto 17) a ovest e ne risale verso il colletto superato il quale dopo la già conosciuta cresta erbosa torna ad affrontare l'ultima anticima (foto 18) e da questa tutti gli altri risalti che si elevano dalla cresta.
Affrontando in discesa i frequenti passaggi su rocce è probabile individuarne di migliori rispetto a quelli utilizzati per la salita; in questi casi la scelta è naturalmente lasciata alla capacità di giudizio del singolo (non esistono sul posto indicazionicirca i punti più affidabili) anche circa la tipologia di passaggio, sul filo di cresta (foto 19) che potrebbe presentare facili gradini o sul fianco, spesso meno esposto ma non necessariamente più semplice.
Tornati sul versante sud del Rena, se ne risale il pendio erboso e si torna in vetta; il ritorno a valle avviene seguendo la discesa dell'itinerario 29.
Tratto 2 : M. Taille m. 2561 - M. Taf m. 2523 - intersezione sentiero 1a

Sentiero: 1b.
Tempo di percorrenza: 30 - 50 minuti.
Difficoltà: sentiero poco visibile, segnavia sbiaditi.

20. Il traverso sul pendio sud del Taille.
21. Attraversamento del colletto a sud del Taille.
22. Inizio dell'aggiramento della prima cima.
23. Versante ovest del risalto roccioso, nel cerchio un segnavia 1b.
24. Avvicinamento al colletto a nord del Taf.
25. Ritorno sul versante est.
26. Aggiramento su pietraia del Taf.
27. Visto dall'esterno, il punto di riunione col sentiero 1a tra Weissmatten e il Colletto Taf.
Per proseguire nella traversata, una volta scesi dal Taille fino al sottostante poggio si riprende il cammino sul sentiero 1b in direzione sud-est, che si mantiene abbastanza visibile.
Si esegue un traverso in orizzontale che permette di superare il pendio erboso sud del Taille (foto 20 ), fino a raggiungere un colletto pressochè pianeggiante tra il Taille e una cima senza nome. Qui il sentiero si scosta leggermente dal filo della cresta (foto 21 ) per poi spostarsi nuovamente a destra (foto 22) e passare alla base della cimetta, anche in questo caso sul versante ayassino.
Il breve aggiramento di questo risalto è su pietraia (foto 23) e si conclude su erba , con una leggera salita verso un nuovo colletto (foto 24), posto tra la cima appena aggirata a nord e il M. Taf a sud. Qui il sentiero, ancora indicato da qualche sbiadito segnavia, si sposta sul versante est (foto 25).
La base del Taf viene dunque aggirata a sinistra, su un sentiero su pietraia, terra e qualche piccola placca; il pendio digrada piuttosto ripido verso sinistra (foto 26).
Superato il traverso e arrivati alla base est del Taf, un largo e tondeggiante poggio erboso, se ne può raggiungere la vetta risalendo senza sentiero il facile pendio di erba e sassi.
Proseguendo sul sentiero 1b invece, si inizia a scendere dal poggio verso il sottostante sentiero 1a, raggiungendolo in breve (foto 27).
Da qui è possibile scegliere una delle possibili vie di ritorno al Colle Ranzola, su uno dei due versanti; per tornare in Val d'Ayas e seguire la via attraverso Colletto Taf, Colle Frudière e laghi Frudière svoltare a destra e continuare seconde le indicazioni dell'itinerario 31 dalla foto 21 in avanti.
La via di ritorno più veloce è però sul versante gressonaro, ed è qui descritta nel seguente tratto 3.
Tratto 3 : Iintersezione sentiero 1a - Weissmatten - Colle Ranzola - Estoul

Sentiero: 1a.
Tempo di percorrenza: 90 - 120 minuti.
Difficoltà: qualche tratto su pietraia ma il sentiero è ben tracciato.

28. Salita sul sentiero 1a.
29. La conca ricoperta da una grande pietraia.
30. Attraversamento della pietraia.
31. La passerella di legno sulla pietraia.
32. Sentiero su terra o pietraia.
33. Ripresa del sentiero a Weissmatten.
34. Il facile sentiero 3a/3b.
35. La baita Wissomatto o Prato Bianco.
36. Uscita dalla valletta della baita.
37. Il tratto di sentiero con corrimano.
Nel punto di intersezione tra il sentiero 1b e il sottostante 1a si svolta a sinistra, ricominciando così leggermente a salire (foto 28). Successivamente il sentiero inizia a scendere a tornanti un una valletta (foto 28) che ospita una grande pietraia; il sentiero si mantiene ben segnalato e visibile a terra sia sulla discesa che sulla pietraia, dove rimane necessario comunque fare un po' di attenzione. Seguendo i segnavia si attraversa la pietraia (foto 30) anche con l'aiuto di una passerella di legno (foto 31 ).
Superata la zona e uscito dal vallone, il sentiero - sempre ben visibile e segnato 1a - mantiene la quota alternando tratti su terra a piccole zone pietrose (foto 32).
Si giunge così presto in vista della stazione a monte della seggiovia di Weissmatten; qui sono presente anche un ristorante e naturalmente delle piste. Nell'estate del 2008 la zona è stata messa a soqquadro dai lavori per la realizzazione di un invaso artificiale.
Superati comunque la seggiovia e il ristorante, si riprende il cammino nel bosco di pino cembro (foto 33) sul sentiero 3a/3b; questo è perfettamente visibile sul terreno e segnalato anche da numerosi segnavia.
Il percorso si snoda sul pendio boscoso guadagnando qualche metro di quota con alcuni tornantini (foto 34). Raggiunta una valletta si incontra la baita Wissomatto o Prato Bianco (foto 35); qui si tralascia la deviazione a sinistra sul sentiero 3c e si prosegue sulla traccia principale.
Usciti dalla valletta si prosegue il traverso, ancora una volta su terra o piccole pietraie (foto 36). Il pendio si fa piuttosto ripido, ma il sentiero rimane all'incirca orizzontale, largo e agevole. Nonostante questo si giunge ad un breve tratto attrezzato (foto 37) con un corrimano costituito da un cavo metallico ricoperto da un tubo di gomma: il sentiero in realtà non comporta pericoli oggettivi per camminatori attenti.
Il cammino prosegue sempre sullo stesso sentiero, supera la Gombetta (la valletta dove è presente la deviazione che porta al Colle della Garda e in questo caso va tralasciata a meno di non voler includere nel tour anche la traversata della Punta Regina con salita a sud sul sentiero 3a e discesa a nord direttamente al Colle Ranzola sul 7a) e torna al Colle Ranzola con numerazione 3b.
Al Ranzola si torna in Val d'Ayas e si segue il sentiero 7/7a fino all'alpe Fenêtre dove si incontra la strada che torna verso Estoul.
TRACCIATO GPS
L'immagine a sinistra riporta, completo di reticolo, il tracciato satellitare della traversata dal Rena al Taf con ritorno via Weissmatten. La cartina comprende anche la salita al Rena descritta nell'escursione 29 e tutti i principali sentieri della zona. Sono inoltre riportati i valichi, le cime, le isoipse a 50 m., la seggiovia di Weissmatten e il parcheggio dopo Estoul.
Attenzione: su una cresta l'inevitabile errore dello strumento non deve influenzare la corretta individuazione dei punti più sicuri in cui passare.
Cliccare sull'immagine per scaricare il tracciato per GPS Trackmaker, per Google Earth e una cartina con risoluzione superiore.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Il profilo altimetrico del percorso dal Rena al Colle Ranzola via Weissmatten.
Emerge come dopo una parte con poco dislivello, corrispondente al sentiero 1b che perde quota solo prima di confluire nell'1a, ci sia una consistente discesa fino alla pietraia prima di Weissmatten, che si trova leggermente più in alto; il tratto fino al Colle Ranzola è quasi pianeggiante, e infine si affronta la discesa fino all'inizio del sentiero.
Le salite al Taille e al Taf, essendo a tutti gli effetti brevi digressioni dal sentiero, non sono comprese.
Note meteorologiche:
Può essere opportuno fare attenzione alle condizioni meteorologiche della Valle di Gressoney più che di quella di Ayas; la cresta è vivamente sconsigliata in caso di pioggia, neve o ghiaccio.
Periodo consigliato:
Scartando accuratamente i periodi con sicura copertura nevosa (nel qual caso la cresta va considerata un'impresa alpinistica da affrontare con le necessarie attrezzatura e preparazione) il percorso può essere considerato fattibile da maggio a ottobre, salvo nevicate estive.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, se non un paio di scarponi che permettano una tenuta su roccia e pietraie più sicura possibile.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari