AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ESTOUL - COLLE RANZOLA - PUNTA REGINA
T+E
La Punta Regina è un'altura di modesta elevazione, raggiungibile semplicemente e velocemente da Estoul via Colle Ranzola. Si tratta senza dubbio della cima più semplice da raggiungere tra quelle qui presentate; può rappresentare un'escursione a cui dedicare mezza giornata.
La partenza del cammino sulla strada dopo Estoul, in corrispondenza del cartello che indica l'inizio della strada percorribile solo con l'apposito permesso. Per raggiungere questo punto semplicemente si oltrepassa il parcheggio rialzato nei pressi degli impianti di risalita, e si prosegue fin dove possibile.
Tratto 1: Strada di Estoul ~m. 1930 - Col Ranzola m. 2170.

Sentiero: 7.
Tempo di percorrenza: 30 - 60 minuti.
Difficoltà: nessuna difficoltà, il percorso è in gran parte su strada sterrata; il resto su sentiero ben segnato. Questa parte è classificabile T.

1. Il cammino inizia in corrispondenza di questo cartello, oltre il quale non si può procedere con mezzi a motore se non autorizzati. A destra la Punta Regina.
2. Si lascia la strada in questo punto.
3. Ci si porta sul sentiero poco prima dell'alpe Fenêtre.
4. L'intero sentiero tra l'alpe Fenêtre e il Colle Ranzola (prosegue in rosso per la Regina e in giallo per il colle della Garda).
5. Arrivo al colle.
Il cammino inizia sulla strada che da Estoul porta agli alpeggi in prossimità del colle Ranzola, all'altezza del punto che segna la fine del tratto aperto al traffico (foto 1); lasciato il mezzo di trasporto dove possibile si continua il cammino sulla strada sterrata.
Sempre seguendo la strada si superano due coppie di tornanti (in alcuni casi è possibile "tagliarli") e si raggiunge un bivio; la strada prosegue a sinistra, ma per il Ranzola proseguiamo dritti (foto 2) (attenzione perchè sul terreno non ci sono chiare indicazioni sulla direzione da prendere).
Poco dopo, nei pressi di un alpeggio (Alpe Fenêtre), si incontrano chiari cartelli (foto 3) che indicano di lasciare la strada sterrata e proseguire sul comodo sentiero alle spalle dell'alpeggio. Il Colle Ranzola è sul vicino crinale davanti a noi.
Il sentiero (foto 4) non presenta punti degni di nota; attraversa il boschetto e ne esce a poche decine di metri dalla sommità del colle (foto 5), riconoscibile per la presenza di una cappelletta (in cattive condizioni) e di un muretto a secco eretto a scopi militari, su cui è stata posta una Madonnina.
Sul lato est del muretto è posta una lapide a ricordo del passaggio di Tolstoj (foto sotto).
Su questo colle transitò
il 20 giugno 1857 il grande poeta
Tolstoy

"Partiti alle sei da Gressoney
saliti fino ad una cappella
aria pura e rarefatta
suoni chiari sui monti
un ragazzo canta, discesa
aromi, odori di segala e melissa
canto di cuculo sui monti."

Pace    Brusson

Lev Nikolaevic Tolstoy
Dai Diari Giovanili.
A nord del Colle Ranzola si erge il m. Ciosè, infida cima riservata ad escursionisti molto esperti e capaci e ad alpinisti (vedi itinerario alpinistico 2).
Tratto 2: Colle Ranzola - Punta Regina m. 2388.

Sentiero: 7a.
Tempo di percorrenza: 30 - 50 minuti.
Difficoltà: percorso su sentiero segnatissimo anche se con alcuni punti un po' ripidi, ma non difficile.

6. La Punta Regina vista dal Ranzola.
7. Tratto di sentiero lungo il muretto. Sullo sfondo il pinnacolo della cresta sud del m. Ciosè (2647).
8. Il primo poggio e l'inizio della parte finale.
9. La cima.
Dalla sommità del Ranzola, la Punta Regina è la cima tondeggiante immediatamente a sud (foto 6). Il sentiero è visibile da subito fin sulla vetta, che sul cartello è indicata a 40' (ma si può raggiungere in un tempo decisamente minore).
Ci si incammina seguendo il sentiero lungo il muretto (foto 7), e si affronta un primo tratto in modesta pendenza che porta a un primo poggio in parte alberato (al centro nella foto 8). Da qui inizia quella che si può considerare già la parte finale del cammino, che porta direttamente sulla cima. Il percorso qui si fa più ripido, ma rimane in ogni caso chiaro e di indubbia individuazione. In breve si raggiunge la cima (foto 9), da cui è possibile ammirare il vallone di Estoul, parte di quello dei Frudière (escursione 18), nonchè buona parte dell'alta Valle di Gressoney, con la diga del Gabiet.
Nelle immediate vicinanze si trovano il gruppo Rena - Taille - Taf a sud (escursioni 29, 29b, 31), la più bassa Punta della Garda a ovest, e ancora il Ciosè (itinerario alpinistico 2) a nord.
Splendida vista autunnale (ottobre 2005) della Punta Regina, la cima tondeggiante più vicina, con il versante nord innevato.
Si nota il poggio che precede l'attacco della vetta.
Discesa: Punta Regina - Colle Ranzola - strada di Estoul.

Sentiero: 7a, poi 7.
Tempo di percorrenza: 60 - 80 minuti.
Difficoltà: come per la salita. Ripido il primo tratto, buona parte del resto su sterrata.

10. La discesa verso il Ranzola, visibile a sinistra.
Il percorso per la discesa è esattamente lo stesso seguito per salire. Si riprende il 7a che dalla cima riporta al Colle Ranzola (foto 10), facendo attenzione ai punti ripidi, soprattutto se non si hanno scarpe adeguate. Raggiunto il sottostante poggio se ne scende riportandosi a fianco del muretto a secco che raggiunge la cappelletta sulla sommità del colle. Qui si svolta a sinistra sull'evidente sentiero e ci si ricongiunge alla sterrata in prossimità dell'alpe Fenêtre; si segue la strada in discesa e si torna al punto di partenza.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS
L'immagine sopra riporta, completo di reticolo, il tracciato satellitare della salita alla Punta Regina.
Sono evidenti i tornanti della sterrata; non è riportato il punto in cui inizia il vero sentiero, ma è comunque segnato con chiari cartelli gialli. Lo sviluppo totale del percorso è di circa 2,7 Km.
Cliccare sull'immagine per scaricare il tracciato per GPS Trackmaker.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico completo, dall'inizio della strada chiusa al traffico alla cima. Si nota la modesta pendenza del percorso fino al poggio a metà strada tra il Colle Ranzola e la cima, pendenza che si fa poi più pronunciata nell'ultimissimo tratto.
Note meteorologiche:
Come tutte le cime, anche la Punta Regina può essere ventosa (e così l'ho trovata nel giorno in cui ho tracciato il sentiero); può essere soggetta naturalmente anche agli annuvolamenti della Valle di Gressoney, soprattutto con vento da sud. In caso di maltempo inatteso un riparo può essere la cappelletta sul Colle Ranzola.
Periodo consigliato:
Si tratta di una camminata a quota relativamente bassa, e quindi il periodo ideale comprende tutti i mesi in cui la zona è libera da neve, generalmente da maggio a ottobre. Volendo affrontare il percorso nella stagione invernale, muniti di ciaspole, valutate la consistenza e lo spessore del manto nevoso, perchè non sono da escludere valanghe nella zona del colle dal sovrastante pendio del M. Ciosè. Anche la stessa Punta Regina può scaricare neve, in determinate condizioni.
Attrezzatura:
Se intendete affrontare questo percorso nell'arco di mezza giornata, potrebbe non essere indispensabile portare del cibo, anche se una merenda non fa male; una piccola quantità d'acqua e un indumento contro la pioggia completano il quadro. Se dedicate un'intera giornata a questa facile cima, ovviamente aggiungete il pasto.
Non sono necessari scarponi estremi, anche se naturalmente, soprattutto nell'ultimo tratto, avere una bella suola scolpita aumenta la vostra sicurezza.
Incontri:
La zona è molto frequentata.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (6):
6. Norma Costa 23/07/2018, 21.25.53
Utente non registrato
Valutazione:
Sono stata domenica mattina con amici, mi è piaciuto molto, tanti fiori, un bel panorama, non c'è nulla di brutto in Val d'Ayas
5. Franco deambrogio 11/09/2014, 17.17.21
Utente non registrato
Valutazione:
Per l'ennesima volta bo fatto oggi (11/09/2014)questa bella camminata. E' sempre molto piacevole e molto panoramica(specialmente al ritorno quando so ha di fronte tutta la val d'Aosta )Dalla cima,anche se di modesta altezza e raggiungibile facilmente,il panorama e' meraviglioso.Vetamente consigliabile!
4. Samuele 21/06/2013, 17.02.10
Utente non registrato
Valutazione:
passeggiata fatta lo scorso 6 ottobre con i miei bimbi di 3 e 4 anni e mezzo, giornata ventosa ma bella, panorama splendido; i bimbi sono arrivati al colle con le loro forze, portando il loro zainetto.
3. Silvia 26/07/2012, 19.19.39
Utente non registrato
Valutazione:
Bellissima passeggiata per niente impegnativa (ho fatto solo la prima parte. Perfetta anche per i miei cani, vista la presenza di acqua durante tutto il percorso.
Oggi tanto sole ma si stava comunque bene :-)
2. Daniel 10/02/2010, 18.02.38
Utente non registrato
Valutazione:
Passeggiata facile e piacevole, solo un po' sdrucciolevole il sentiero in discesa dalla Punta Regina al Colle Ranzola. Abbiamo visto due camosci!
1. Luca 23/07/2008, 20.16.43
Utente non registrato
Valutazione:
troppo assolato
Indietro all'elenco degli itinerari