AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
CRESTE ATTREZZATE
In determinati casi, quando un certo sentiero prevede un passaggio obbligato su una cresta particolarmente esposta e/o pericolosa, si provvede a munire il tratto di attrezzature supplementari allo scopo di migliorarne la sicurezza e renderlo transitabile anche a camminatori meno esperti o più sensibili al vuoto. La cosa è più comune naturalmente a quote medio-alte, soprattutto dove c'è l'interesse (economico) a rendere il passaggio agibile per la maggior parte del pubblico, e questo avviene generalmente sui percorsi che portano ai rifugi d'alta quota, come ad esempio il Quintino Sella. In questo caso si tratta di una cresta che non richiederebbe capacità estreme, ma senza dubbio pericolosa a causa dell'assoluta verticalità dei versanti (e la cui storia anche recentissima non è priva di gravi incidenti).
Spesso l'attrezzatura si limita a un rudimentale corrimano composto da una serie di paletti metallici che reggono un robusto cordone, in grado di reggere il peso di una persona, ma soprattutto di infondere una certa sensazione di sicurezza. Normalmente non è necessario, ma alcuni preferiscono legarsi alla corda in questione con un cordino assicurato all'imbragatura. La cosa può essere particolarmente indicata se la roccia è bagnata, innevata o ghiacciata.

La famosa cresta che porta al rifugio Quintino Sella. È munita di un canapone che funge da corrimano per tutto il tormentato percorso, e in questo punto è attrezzata anche con una passerella di legno.

Un'altra sezione della stessa cresta (in fondo, in alto, è visibile il pianoro che ospita il rifugio). I versanti sono visibilmente quasi verticali da entrambi i lati, e l'ausilio della corda, per quanto (alpinisticamente) non indispensabile, permette di abbassare la difficoltà complessiva da alpinistica ad EE.

Indietro

Home page