AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
25 - IL TESORO DI GRAINES
Graines
Brusson
I laghi Frudière
Salita ai Laghi Frudière

Il castello di Graines.

La torre del castello di Graines.
Si credeva che ci fosse un tesoro nascosto nei sotterranei del castello di Graines.
Pierron, un povero abitante del paese di Graines, una notte insonne udì una voce dirgli di scavare nel punto in cui la torre incontra il muro di cinta. Sotto una roccia avrebbe trovato il tesoro ma avrebbe dovuto allontanarsi prima che il gallo cantasse tre volte.
Pierron corse subito al castello, scavò furiosamente una buca profonda un metro e trovò una botola chiusa da un pietrone con un anello di ferro. Riuscì a sollevarlo, scese una rozza scala, trovò una stanza con una porticina di ferro e dietro a questa finalmente vide l'enorme tesoro di oro e gemme.
Se ne riempì il sacco e le tasche ma, così carico, giunse all'uscita quando già il gallo cantava per la terza volta e di lui non si seppe più nulla.
In un'altra versione l'ultima porta prima del tesoro è protetta da una vacca mostruosa con unghie e corna ardenti, occhi cerchiati di sangue, pelle con chiazze verdastre fosforescenti, narici e bocca che lanciano vapori gialli e nauseabondi.

NOTA: la presenza di un tesoro a Graines è sempre stata talmene radicata che gli scavi dei cercatori hanno gravemente compromesso la stabilità della torre.

Indietro alla pagina sulle leggende