AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
LAGO PERRIN - LAGHI PINTER
EE
La traversata dal Lago Perrin ai Laghi Pinter permette di collegare le due zone senza dover perdere e riguadagnare quota.
Sarà dunque possibile comporre itinerari ad anello più interessanti, comprendenti i valloni di Mascognaz e Cuneaz, e un ampio ventaglio di mete come il Testa Grigia, il Colle Pinter, Ostafa, i villaggi di Crest, Cuneaz, Frantze, Mascognaz.
Il collegamento non comporta reali difficoltà tecniche né forte esposizione ed ha uno sviluppo molto limitato (circa 1,5 Km) ma si svolge su terreno a tratti franoso e moderatamente instabile, all'ombra di pareti rocciose che possono impedire lo scioglimento della neve fino a primavera inoltrata. Richiede pertanto una certa familiarità con ambienti di media montagna e sentieri a volte di individuazione non immediata.
Lago Perrin - Laghi Pinter EE

Tempo di percorrenza: 40 - 70 minuti.
Difficoltà: pietraie, terreno franoso, tratti non ben visibili.

1. Per imboccare il sentiero occorre portarsi sul dosso nei pressi della sponda nord-nord-est, indicato dalla freccia rossa.
2. Risalita la cunetta, il sentiero appare subito ben tracciato.
3. Il sentiero si avvicina alle zone più rocciose.
4. Superato il primo costone si raggiunge la pietraia.
5. Sulla pietraia il sentiero inizia ad essere meno evidente a terra.
6. Si attraversano punti interessati da frane anche recenti.
7. Superata la zona detritica il sentiero torna ad essere più visibile.
8. La traversata si avvia al termine: sulla cunetta di fronte si notano alcuni ometti di pietre.

La traversata dal Lago Perrin ai Laghi Pinter inizia dalla sponda nord-est del Perrin. Il sentiero non è facilmente visibile dal lago, pertanto è opportuno risalire il dosso posto a est dell'arrivo del sentiero che sale dal Vallone di Cuneaz (foto 1).
Superato il dosso, il sentiero, che punta verso il Testa Grigia con scarsa pendenza, è subito visibile (foto 2).
Il primo tratto taglia un pendio di erba e sassi inclinato verso sinistra; si procede senza difficoltà passando ala base di alcune piccole pareti (foto 3).
Iil sentiero raggiunge poi un pendio detritico, sovente interessato da piccole frane (foto 4); qui la traccia a terra, come accade su ogni pietraia, diventa meno evidente (foto 5) e potrebbe essere quasi invisibile soprattutto in presenza di nevai, ma sono stati costruiti alcuni ometti di pietre.
Dove il sentiero scompare, si scavalcano i massi e si procede (foto 6) senza imporsi significative variazioni di quota, fino a ritrovare la traccia.
Una volta usciti da questa zona il pendio, ora lievemente meno ripido, torna ad essere formato da erba e sassi, e la traccia è nuovamente visibile a terra (foto 7) mentre guadagna quota dolcemente.
Si riconosce di fronte un costone detritico che rappresenta la fine della salita e separa la zona appena attraversata dalla conca dei Laghi Pinter; avvicinandosi si notano alcuni ometti di pietre (foto 8).
Superati gli ometti si incontra una zona pressochè pianeggiante, erbosa cosparsa di grandi massi (foto 9).
Si attraversa quest'area zigzagando tra i massi o scavalcandoli, iniziando così la discesa verso il maggiore del gruppo del Laghi Pinter, le cui sponde sono raggiunte velocemente seguendo ora l'evidente sentiero, comprendente anche un breve tratto di ripida discesa che conduce così al livello dello specchio d'acqua.

Dai laghi il cammino potrà poi procedere verso il Colle Pinter (15'-20', tratto 2 dell'itinerario 3) e da qui al Testa Grigia (escursione 20) o in Valle di Gressoney via Alpenzu, oppure rimanendo in Val d'Ayas in direzione di Ostafa (50'-70', tratto 3 dell'escursione 3) o di Cuneaz - Crest - Champoluc (tratto 3 dell'escursione 3b).

PROFILO ALTIMETRICO
Il profilo altimetrico del percorso. È evidente come il guadagno di quota sia molto limitato, con un tratto pressochè pianeggiante seguito da una salita e una successiva discesa che porta al piano dei Laghi Pinter.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari