AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ORBEILLAZ - CASCATA E COL D'ARLAZ
T
Questo itinerario è senza alcun dubbio adatto a qualsiasi camminatore; non presenta alcuna difficoltà, pericolo o dislivello degno di nota. Può essere effettuato per molti mesi all'anno e, anche se seguito in tutta tranquillità, non richiede più di mezza giornata. La lunghezza totale è di poco superiore ai 5 Km.
Da Orbeillaz, frazione di Challand St.-Anselme, si segue il largo sentiero turistico che costeggia il Ru d'Arlaz
Il Ru d'Arlaz è un canale artificiale, risalente al XIV secolo, che porta l'acqua del torrente Evançon dalla frazione Ponteil di Brusson ai comuni di Challand, Emarése e Montjovet. Il suo nome deriva da quello del pinnacolo roccioso posto nei suoi pressi, il Flambeau d'Arlaz (variante 54b).
Poco lontano dal Col de la Croix d'Arlaz forma una bella cascata (foto a sinistra), chiamata "Pijon d'Arlaz".
Andata: Orbeillaz - Col de la Croix d'Arlaz T

Sentiero: 31.
Tempo di percorrenza: 35 - 45 minuti.
Difficoltà: nessuna.

1. Inizio del sentiero ad Orbeillaz.
2. Il sentiero costeggia il Ru d'Arlaz.
3. Scartare la diramazione a destra per Émarèse.
4. Sentiero con panchine.
5. Il sentiero si separa dal canale nei pressi di una chiusa.
6. Sottopasso delle condotte forzate: ingresso.
7. Sottopasso delle condotte forzate: uscita.
8. Breve tratto in discesa lungo il tracciato delle condotte.
9. Evitare il sentiero 7 per Châtillonet.
10. Si costeggia la Cascata d'Arlaz.
11. Diramazione del sentiero 3.
12. Arrivo al Col d'Arlaz.
Alla fine della strada di Orbeillaz, dove si incontra il segnale di divieto d'accesso ai mezzi non autorizzati, inizia il sentiero 31, indicato da una palina (foto 1). Le indicazioni (per il colle, la cascata e Chatillonet) riportano come difficoltà  E, ma si tratta di un grado leggermente esagerato.
Il sentiero prosegue pressochè in piano costeggiando il Ru d'Arlaz (foto 2); si incontra una diramazione a destra, con una palina indicante Sebèk / Émarèse a 1h45', ma la si scarta proseguendo sul sentiero principale (foto 3).
Il cammino segue fedelmente il tracciato del canale; si incontrano alcune panchine (foto 4) e due pannelli informativi in altrettanti punti panoramici che indicano le cime - appartenenti al gruppo Nery - Becche - visibili dalla zona. Periodicamente, si staccano a destra sentieri secondari che scavalcano il canale, ma li si tralascia mantenendosi sul principale.
Più avanti (~20-25' da Orbeillaz) il sentiero si separa dal Ru subito prima di una chiusa (foto 5), e scende verso sinistra: qui si incontrano infatti le condotte forzate che scendono dal bacino di Plan d'Abellies alla centrale di Isollaz, e il sentiero le supera con un sottopasso (foto 6 e 7), costeggiando poi in discesa per un breve tratto le rotaie della funicolare di servizio (foto 8) e infine separandosene piegando a destra e tornando in piano.
Si incontra poco dopo il bivio del sentiero che scende a Châtillonet (foto 9), evitando la diramazione e rimanendo sul 31 giungendo così alla Cascata d'Arlaz (foto 10), con cui il Ru si riporta a fianco del sentiero.
Anche in occasione della nuova diramazione a destra per Émarèse (foto 11) si rimane sulla strada principale, giungendo così in pochi minuti di cammino in piano al Col de la Croix d'Arlaz, o Col d'Arlaz (foto 12), al confine tra i comuni di Challand St.-Victor, Challand St.-Anselme, Montjovet, Émarèse.
Da qui, se la giornata lo consente, si può ammirare un ampio panorama sulla Valle Centrale e la bassa Val d'Ayas.
Ritorno: Col de la Croix d'Arlaz - Orbeillaz T

Sentiero: 31.
Tempo di percorrenza: 35 - 45 minuti.
Difficoltà: nessuna.

13. Ripartenza dal Col d'Arlaz sul sentiero 31.
14. Diramazione del sentiero 3.
15. Evitare il sentiero 7 per Châtillonet.
16. Si risalgono le condotte forzate per un breve tratto.
17. Sottopasso delle condotte forzate: ingresso.
18. Sottopasso delle condotte forzate: uscita.
Il ritorno avviene tramite lo stesso percorso utilizzato all'andata.
Dal Col d'Arlaz si riprende il cammino sul sentiero 31 (foto 13) lungo il Ru d'Arlaz; si rimane sempre sulla strada principale, evitando le diramazioni dei sentieri 3 (foto 14) e 7 (foto 15), rispettivamente prima e dopo la Cascata d'Arlaz.
Giunti alle condotte forzate si risale rimanendo sulla sinistra (foto 16) superandole poi grazie al sottopassaggio (foto 17 e 18).
Dopo le condotte il sentiero sale leggermente per riportarsi al livello del tracciato del sovrastante Ru, riunitosi al quale ne ricalca fedelmente il percorso - evitando le diramazioni - fino al ritorno ad Orbeillaz.
CARTINA
Il tracciato GPS del percorso da Orbeillaz al Col de la Croix d'Arlaz via Ru d'Arlaz. Sono riportati i tre bivi per i sentieri 32, 3 e 7 e la posizione della Cascata d'Arlaz.

Cliccare sull'immagine per scaricare il tracciato per GPS Trackmaker, Google Earth e in formato .GPX.

Note meteorologiche:
Non è necessaria una giornata estremamente soleggiata; può essere sufficiente l'assenza di pioggia.
Periodo consigliato:
Primavera - estate - autunno. Con neve in buone condizioni anche l'intero percorso non è impossibile da seguire con le ciaspole.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, se non un paio di scarponcini da montagna anche non rigidi.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (1):
1. Nome (<20 car) 18/05/2014, 22.29.22
Utente non registrato
Valutazione:
Più che un'escursione direi che è una lunga passeggiata perchè non offre nessuna difficoltà e si svolge quasi in piano con pochissimi dislivelli quindi adatta a famiglie con bambini, anziani anche persone con lievi disabilità, io ci sono andato con miglie reduce da intervento di protesi all'anca. Molto panoramica, e ombreggiata quindi adatta ai mesi estivi.
Indietro all'elenco degli itinerari