AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
COLLE DONDEUIL - CORNO DEL LAGO
FF/F
Il Corno del Lago è la piramide rocciosa che si eleva immediatamente a sud del Colle Dondeuil (itinerario 33).
Si tratta di una cima di 2747 metri caratterizzata da una vetta arrotondata e spaziosa, circondata da versanti rocciosi piuttosto ripidi e da tre creste che formano altrettanti colli e la collegano ad altrettante cime: la cresta sud porta al Crabun attraverso un colle di 2616 m. senza nome, quella di sud-ovest al Becco dell'Aquila via Colle di Chiva, mentre quella nord porta alla Becca Torchè attraverso il Colle Dondeuil.
Proprio lungo la cresta nord si snoda il percorso qui descritto per raggiungere la cima del Corno del Lago. La via, alpinisticamente parlando, comprende scarse difficoltà tecniche, con frequenti passaggi di I grado, alcuni punti lievemente esposti e altri con terreno piuttosto infido; è sicuramente alla portata di qualunque alpinista, e non richiede attrezzature particolari. L'itinerario è poco documentato, ed è considerato EE o F; non esistendo sempre una traccia visibile alcune zone possono essere superate in modo piuttosto libero. La cima stessa non è certamente tra le più frequentate, ciononostante offre un grandioso panorama sulle Becche Torchè (escursione 39) e Vlou, sul Nery, sul Crabun (escursione 45) e su tutte le altre cime circostanti. La salita non richiede molto tempo, ma va messo in conto anche il lungo avvicinamento fino al Colle Dondeuil, effettuabile seguendo l'itinerario 33.
Salita: Colle Dondeuil m. 2338 - Corno del Lago m. 2747.

Sentiero: non numerato.
Tempo di percorrenza: 50 - 80 minuti.
Difficoltà: ricorrenti passaggi superabili con facilissima arrampicata; punti lievemente esposti, terreno a volte non stabile.

1. Inizio della salita al Colle Dondeuil.
2. La prima parte di salita vista da sopra, con il Colle Dondeuil sullo sfondo.
3. Salita più ripida; può servire appoggiarsi con le mani alle rocce.
4. Il grande ometto sull'ampio poggio erboso.
5. Salita oltre il poggio sulla cresta.
6. Si affronta una pietraia.
7. Salita sulla pietraia.
8. Alla base del versante nord.
9. Tipologia di terreno. Sono individuabili diversi percorsi buoni.
10. Un facile passaggio su erba.
11. Superamento di uno dei saltini di roccia.
12. Su pietrame, tenendosi alla roccia.
13. Un ometto in evidenza e l'ultima parte di salita.
14. L'ultimo tratto si affronta spostandosi a ovest.
Al Colle Dondeuil si svolta verso sud (a destra salendo dalla Val d'Ayas) e si inizia subito a salire sulla ripida cresta nord del Corno del Lago (foto 1). Il terreno è inizialmente composto da terra, erba e roccia. Si procede generalmente camminando normalmente (foto 2), e solo in alcuni casi può essere necessario tenersi con le mani (foto 3).
In questo primo tratto la cresta è più sottile, e alcuni punti possono risultare leggermente esposti.
A 10' dal colle la cresta va a formare un'area erbosa quasi pianeggiante dove è posto un grande ometto di pietre (foto 4). Si procede rimanendo sul filo di cresta (foto 5), che poco dopo raggiunge una pietraia (foto 6). Questa presenta una pendenza piuttosto pronunciata, i massi non sono sempre immobili e pertanto è opportuno risalirla con cautela (foto 7); al termine della pietraia si incontra un breve tratto orizzontale in cresta che porta alla base della parete nord del Corno del Lago.
Questa si presenta ancora una volta formata da erba e rocce, è piuttosto ripida (foto 8) e praticamente non esiste alcuna traccia di passaggio. Avvicinandocisi si nota comunque come sia facile individuare passo dopo passo almeno un percorso agibile (foto 9), e la salita può continuare descrivendo continui tornanti alla ricerca di una traccia sicura. Si incontrano a volte radi, piccoli e mimetici ometti di pietre.
In mancanza di questi è a volte meglio scegliere dei passaggi su roccia piuttosto che su erba (foto 10) o ghiaia che, scivolose, possono costituire un pericolo e non offrire adeguati e sicuri appigli (foto 11). Laddove si renda necessario procedere su rocce instabili o pietrisco è meglio scegliere un punto dove sia possibile in ogni caso tenersi con le mani a grandi rocce o alla parete (foto 12).
Raggiunto un ultimissimo poggio, dove è presente un piccolo ometto (foto 13), si affronta l'ultima salita prima della vetta spostandosi sulla destra (ma senza raggiungere il limite ovest del versante); qui procedendo su pietrame (foto 14) si raggiunge finalmente la cima.

15. La pietra incisa sull'ometto di vetta e le Becche.
La vetta è spaziosa, allungata verso sud, e vi si trova un grande ometto di pietre squadrato e sormontato da una pietra triangolare bianca (foto 15) recante il nome della cima e la quota. All'interno del basamento è presente una nicchia chiusa da un coperchio dotato di un pomello contenente il libro di vetta.
Come detto il panorama è ampio in tutte le direzioni; a nord spicca l'inconfondibile sagoma delle Becche Torchè e Vlou e del Voghel; a sud si scorge il vicino Crabun con il suo bivacco, e più lontano un'ampia fetta di Canavese. A nord sono visibili chiaramente la piramide del Cervino, le Grandes Murailles, la Dent d'Herens e parte del Rosa, con la Gobba di Rollin e i Breithorn.
Più vicino sono riconoscibili tutta la costiera dallo Zerbion ai Tournalin, il Testa di Comagna e il gruppo del Bussola. A ovest la vista si spinge fino al Monte Bianco.
Discesa: Corno del Lago m. 2747 - Colle Dondeuil m. 2338.

Sentiero: non numerato.
Tempo di percorrenza
: 35 - 50 minuti.
Difficoltà: come per la salita.

La discesa avviene ripercorrendo grossomodo lo stesso tracciato della salita, o individuandone uno migliore strada facendo.
Il Colle Dondeuil, punto di partenza e di arrivo, è visibile per tutto il tragitto; si lascia la vetta verso sinistra, scendendo a zig zag per raggiungere il poggio più alto, dove ci si avvicina alla cresta est. Da qui si scende in direzione del grande ometto più in basso, e successivamente via cresta nord si torna al Colle Dondeuil.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS L'immagine sopra riporta il tracciato relativo al percorso tra il Colle Dondeuil e la cima del Corno del Lago.
In questo caso il tracciato è indicativo, essendo possibile scegliere passaggi diversi in molti punti; si tratta come sempre del mio cammino che non necessariamente passa nei punti migliori e più sicuri.

Cliccare sull'immagine per scaricare il tracciato per GPS Trackmaker.

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.
PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico del percorso. Pendenza media apparentemente piuttosto costante.
Note meteorologiche:
La zona del Corno del Lago non è particolarmente soggetta ad improvvisi annuvolamenti - a differenza delle vicine Becche - ma la salita o la discesa con terreno bagnato possono essere pericolose. Si consiglia pertanto una giornata di sole anche in favore dell'ottimo panorama.
Periodo consigliato:
La cresta nord è percorribile quando è sgombra da neve, per cui probabilmente tra maggio e ottobre, salvo nevicate fuori stagione.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta, se non un paio di scarpe con suola ben scolpita e magari rigida con cui affrontare i tratti su roccia e su pietraia.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Commenti già inseriti (1):
1. Fiorella 09/09/2012, 15.47.59
Utente non registrato
Valutazione:
è bellissimo
Indietro all'elenco degli itinerari