AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
ISOLLAZ - COLLE DONDEUIL
E
Il Vallone di Dondeuil è la diramazione più meridionale della sinistra orografica della bassa Val d'Ayas; è una boscosa valle a V della lunghezza di oltre 5 km che si protrae in direzione est, è solcata dal torrente Roesa ed è chiusa all'estremità orientale dal Colle Dondeuil, che mette in comunicazione la Val d'Ayas con quella di Gressoney.
costiera nord è formata dalle Becche di Chalex, Mortens (escursione 37), Vlou e Torchè (escursione 39); a sud si trovano cime come il Becco dell'Aquila e il Corno del Lago (escursione 41).
Il vallone ospita alcune frazioni e alpeggi, ed è percorso da una strada parzialmente asfaltata che sale da Isollaz, nel comune di Challant St.-Victor; con una serie di tornanti guadagna quota fino alla frazione di Fontaney e poi punta direttamente verso est con limitata pendenza e alcuni tornanti toccando altre frazioni (Chalex, Dondeuil) e fermandosi alla base dell'ultima rampa prima del valico, in corrispondenza dell'ultimo alpeggio. Va da sè che fino a questo punto le difficoltà sono nulle, e pertanto il cammino potrebbe essere classificato addirittura T. L'itinerario è inoltre assolutamente modulare, e ogni frazione può già costituire una meta.
Il vallone è per buona parte della lunghezza scavato in profondità dal torrente, pertanto la strada si mantiene alta sull'assolato versante nord. La stessa strada è aperta al traffico fino a quota 816 circa, a 2 km. da Isollaz; per proseguire oltre con mezzi a motore è necessario essere autorizzati. Va detto che per tutto il tratto tra Isollaz e il blocco non è presente alcuno slargo dove poter parcheggiare: il nostro cammino inizia dunque già ai 664 m. di Isollaz. Naturalmente la possibilità di rimediare un passaggio eventualmente in taxi almeno fino a Ollion è consigliata, allo scopo di evitare, tra andata e ritorno, oltre 10 km di noiosa camminata su asfalto e 500 m. di dislivello. La lunghezza del percorso completo, proiettata in pianta, è di oltre 14 chilometri (e altrettanti in discesa); scende a 8.8 km (dislivello ~1200 m.) da Ollion, 6 km da Fontaney (~900 m.) , 3,1 da Chalex (560 m.), 2,3 da Dondeuil (520 m.).
Va segnalata la totale assenza di paline con indicazioni per escursionisti, che sono limitate a un'incredibile fioritura di ravvicinatissimi (e non recenti) segnavia su roccia nell'ultimo tratto. Non esiste alcuna indicazione numerica circa il sentiero, che sulle carte risulta comunque riportato con numerazione 1.
Tratto 0: Isollaz ~m. 660 - Ollion m. 1164.

Sentiero: 1.
Tempo di percorrenza: 50 - 70 minuti. 
Difficoltà: nessuna.

1. I prati in fiore intorno ad Ollion.
Si lascia la statale dove indicato nei pressi di Villa e si raggiunge Isollaz, dove si lascia il mezzo e inizia la marcia.
Dopo 2 km si incontra il cartello che impedisce il passaggio ai non autorizzati; si prosegue e con alcuni tornanti si raggiunge finalmente la frazione di Ollion (foto 1), che ospita una cappella, alcune costruzioni e un traliccio con ponti radio e altre antenne.
Tratto1: Ollion m. 1164 - Colle Dondeuil m. 2338.

Sentiero: 1.
Tempo di percorrenza: 210 - 240 minuti.
Difficoltà: il cammino è quasi tutto su una strada che alterna tratti sterrati ad altri asfaltati, pertanto da difficoltà è nulla. L'ultimo tratto è su facile sentiero, moderatamente ripido, con buone segnalazioni.

2. Il bivio in località Vadebrie. Prosegure a destra.
3. Attraversamenteo di Fontaney.
4. A Fontaney la strada inizia ad addentrarsi nella valle.
5. Attraversamento di Chalex. Sullo sfondo il Colle Dondeuil.
6. Arrivo a Dondeuil.
7. Indicazioni per l'attraversamento di Dondeuil.
8. Uscita da Dondeuil.
9. L'alpe Dondeuil Superiore.
10. La sequenza di segnavia dipinti sulle rocce stona con l'assoluta mancanza di indicazioni del tratto precedente.
11. L'arrivo al colle.
Il cammino procede rimanendo sulla stessa strada, che con un tornante aggira le costruzioni e continua il guadagno di quota.
Presto si raggiunge, in località Vadebrie o Val-de-Brie, un bivio (foto 2) da cui si separa una sterrata che su molte carte è assente o segnata come sentiero (1d), e si prosegue a destra.
Con quattro tornanti si raggiunge e si supera Fontaney (foto 3), proseguendo poi sulla stessa sterrata (foto 4) che inizia ad addentrarsi nella valle con scarsa pendenza.
Dopo poco più di due chilometri e sei tornanti si attraversa Chalex (foto 5), e a poca distanza si raggiunge Dondeuil (foto 6), ultima frazione della valle (da Chalex è possibile lasciare la strada e iniziare la salita alla Becca Mortens via Vallone di Trön - vedi itinerario 37).
Qui si incontra subito una strada che scende verso destra (sostenuta dal muretto ben visibile nella foto 6); sono presenti alcune indicazioni (foto 7) per il Colle Dondeuil. Superate le costruzioni (foto 8) si riprende la strada e si prosegue verso la testata della valle.
Poco prima dell'ultimo alpeggio, l'Alpe Dondeuil Superiore (foto 9), la situazione delle strade si fa piuttosto confusa, e le carte non sono al momento aggiornate. Essenzialmente si tratta di aggirare le costruzioni, operazione che, mancando totalmente indicazioni in proposito, può essere comunque effettuata sia da destra che da sinistra (a destra/sud in salita e a sinistra/nord in discesa nei miei tracciati GPS).
In ogni caso all'alpeggio la strada ha giustamente la sua fine, ed inizia finalmente il sentiero vero e proprio. Per trovarlo  può essere opportuno mantenersi sulla sinistra, in modo da identificare con certezza l'incredibile sequenza di ravvicinatissimi segni gialli (foto 10), tutt'altro che recenti, che ci guideranno fino al colle. Questi segni sono stati realizzati per rendere più evidente il percorso ai partecipanti a una corsa podistica che si effettuava da Issime a Dondeuil.
Qui il sentiero, generalmente evidente, serpeggia tra i massi puntando direttamente verso il colle. In caso di nevai residui è possibile perdere la traccia, ed è questo il motivo per cui i miei tracciati di andata e ritorno in questa zona non coincidono, ma il colle è vicino e ben visibile e basta puntare verso il valico per ritrovare sicuramente la strada.
Questa parte di cammino consente di superare velocemente l'ultimo piccolo dislivello, e l'arrivo al colle è questione di qualche decina di minuti (foto 11).

12. L'alto Vallone di Dondeuil dal colle (estate).
Dal Colle Dondeuil si apre un discreto ventaglio di interessanti escursioni, tra cui le salite EE alla Becca Torchè (3016) (itinerario 39) e al Corno del Lago (2747) (itinerario 41).
Discesa: Colle Dondeuil - Ollion - Isollaz.

Sentiero: 1.
Tempo di percorrenza: 180 - 240 minuti.
Difficoltà: il sentiero è sempre evidente, il resto è strada.

12. La discesa dal colle.
13. In cammino verso Dondeuil sulla strada tra i prati in fiore.
14. La Tour du Bonot: la camminata si avvia al termine.
Si tratta di seguire lo stesso sentiero già utilizzato per la salita.
La parte alta del sentiero, che in assenza di neve è ben evidente (foto 12), consente di perdere quota velocemente. Presto si raggiunge l'alpeggio più alto, dove si incontra la strada (con un minimo di attenzione a tutte le diramazioni).
Seguendo poi la strada (foto 13) si ritrovano le frazioni di Dondeuil, Chalex e Fontaney; da qui si affrontano i lunghi tornanti che portano a Ollion, e dopo gli ultimi 5 km abbondanti, superata la Tour du Bonot (foto 14), si torna al punto di partenza, a Isollaz.
TRACCIATO GPS
Tracciato GPS
Tracciato 1: salita
Tracciato GPS 2
Tracciato 2: discesa
Le immagini sopra riportano due tracciati relativi al percorso Isollaz - Colle Dondeuil; il tracciato 1 è stato registrato in salita, il 2 in discesa. I due percorsi sono quasi identici; le differenze principali sono nell'ultimo tratto, dove le tracce sono differenti a causa di un nevaio residuo che ha reso irriconoscibile il sentiero per alcune decine di metri, e nei pressi dell'ultimo alpeggio, dove l'intrico di nuove strade e la completa assenza di indicazioni circa il vero sentiero ci hanno consentito di scegliere percorsi diversi.
Fornisco comunque entrambi i tracciati; la scelta sull'utilizzo di uno o dell'altro va operata in funzione della situazione (neve, lavori sulle strade, utilizzo dei pascoli ecc.).
È evidente come fino a Fontaney la strada proceda a tornantoni per guadagnare quota prima di entrare nel vallone, che viene poi percorso quasi linearmente nella seconda metà del percorso.

Cliccare su un'immagine per scaricare il tracciato per GPS Trackmaker (.zip contenente i due tracciati).

NOTA: il tracciato che fornisco è relativo ai MIEI movimenti nel giorno in cui ho percorso il sentiero, e può contenere imprecisioni dovute a miei spostamenti non inerenti il tragitto e ad errori dello strumento. Utilizzatelo come riferimento, eventualmente come traccia approssimata e per il calcolo delle distanze dai waypoint, e NON seguitelo se si dirige in posti assurdi.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il tracciato altimetrico del percorso da Isollaz al Col Dondeuil. Si nota la pendenza pressochè costante della strada, e la rampa più ripida prima del colle.
Note meteorologiche:
Il percorso è ubicato interamente in bassa valle e a quote medio-basse, per cui difficilmente si potranno avere precipitazioni nevose al di fuori dell'inverno; la testata della valle confina però con la valle di Gressoney, piuttosto sensibile agli annuvolamenti in caso di vento da sud.
Periodo consigliato:
La camminata può essere affrontata con assetto estivo da maggio, quando potrebbe resistere qualche nevaio residuo, alle prime nevicate d'autunno. Con attrezzatura invernale e con attenzione alle condizioni della neve e al rischio valanghe soprattutto nell'ultimo tratto il colle può essere raggiungibile tutto l'anno.
Attrezzatura:
Nessuna attrezzatura particolare è richiesta in assenza di neve, se non i soliti scarponi che permettano una tenuta sul terreno più sicura possibile. In inverno (accertato preventivamente il basso rischio valanghe) possono essere necessari racchette ed eventualmente ramponi.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!
Indietro all'elenco degli itinerari