AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
LA PERGAMENA DEL 1488

Foto 4 - L'intera pergamena.
Foto 1 - La prima parte della pergamena.
Foto 2 - Iscrizione sul retro.
Foto 3 - Alcuni dettagli.

Si tratta di una pergamena del 27 marzo 1488, mancante della parte terminale e del sigillo.
È proprietà privata di una famiglia ayassina che l'ha rinvenuta in un rascard. Riporta il riassunto notarile di una causa nella quale vennero implicati il nobile Andrea di Challant, il nobile Pietro di Chesal e Giovanni di Bernardo di Champorcher (Johannes Bernardi de Champorcher), acquirente di una proprietà irrigata.
Utilizza il latino tardo notarile di tale secolo e sono citati vari notai che redassero gli atti di questa causa protrattasi per buona parte del secolo.
Data la buona ventilazione all'interno dei rascard la pergamena si presenta ancora in buone condizioni.
Sul retro - e dunque leggibile a pergamena arrotolata - riporta una scritta riassuntiva del contenuto (foto 2).
Il disegno in alto a sinistra (foto 1) è il signum tabellionis, cioè il marchio distintivo del notaio.