AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il mini-sito Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
IL GIPETO
Nome scientifico Gypaetus barbatus
Classe / sottoclasse / ordine / famiglia Uccelli / Neornithes / Accipitriformes / Accipitridi
Dimensioni Apertura alare: 265 - 285 cm.
Lunghezza: 100 - 115 cm.
Peso 4,5 - 7 Kg.
Alimentazione Ossa e midollo prelevato dalle carcasse di animali morti.
Habitat Nidifica su cenge rocciose di alta montagna. Ogni coppia, il cui areale si può estendere fino a 300 Km², dispone di due o più nidi che vengono utilizzati a rotazione.
Note Il gipeto, conosciuto anche come avvoltoio degli agnelli per la sua abitudine a spezzare le ossa da cui estrarre il midollo facendole cadere dall'alto, è stato reintrodotto con successo sulle Alpi dopo essersi estinto all'inizio del XX secolo.
In natura può vivere fino a 25 anni. Con le sue dimensioni, superiori a quelle dell'aquila reale, è il più grande rapace presente in Italia.
Foto seguenti:
Zona Sentiero per il Bec de Nana.
Quota ~ 2700 m
Data Febbraio 2005.
Materiale fotografico Canon EOS 350D, 8MP. Canon EFS 18-55.
Esemplari Singolo giovane.
Distanza minima dal soggetto < 100 m.
Appostamento No.
Comportamento animale/i Indifferente.
1
2
Foto seguenti:
Zona Rifugio Quintino Sella al Felik.
Quota 3585 m.
Data e ora 4/9/2006, h. ~ 12.30.
Materiale fotografico 1: Canon EOS 350D, 8 MP. Canon EFS 18-55.
2: Fujifilm Finepix S5500, 4 MP.
Esemplari Giovane di circa un anno.
(Mobbato da un corvo imperiale nella foto 3)
Distanza minima dal soggetto < 100 m.
Appostamento No.
Comportamento animale Indifferente.
3
4
Foto seguenti:
Zona Cogne/Valnontey, sentiero 2 per il Rifugio Vittorio Sella.
Parco del Gran Paradiso.
Quota ~ 2000 m.
Data e ora 2/4/2018, h. ~ 11.35.
Materiale fotografico 5-7: Canon EOS 50D, 15 MP. Sigma DC 17-70 2.8-4.5.
8-17: Sony HDR-CX130E.
Esemplari Un adulto.
Distanza minima dal soggetto < 100 m.
Appostamento No.
Comportamento animale Indifferente. Perlustra il territorio descrivendo ampi cerchi.
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
Fauna

Home page