AVVISO AI VISITATORI

A seguito del progetto di un nuovo collegamento funiviario tra Frachey e il Colle Superiore delle Cime Bianche nell'area protetta del Vallone delle Cime Bianche (Ambienti glaciali del gruppo del Monte Rosa, SIC/ZPS IT1204220), nonostante il sito rappresenti un impegno ormai ventennale portato sempre avanti con continuità, passione e dedizione, il webmaster non ritiene più opportuno indirizzare migliaia di escursionisti in una valle che non ha imparato ad amare, rispettare e proteggere se stessa, a meno che non intervengano elementi che scongiurino l'ennesimo attacco al suo ambiente.
Alla prima scadenza del dominio ayastrekking.it dopo l'apertura dei cantieri, pertanto, questo non verrà più rinnovato. Contemporaneamente verranno messi offline tutti i servizi associati, il canale YouTube e il forum.

AyasTrekking.it fa parte del gruppo di lavoro "Ripartire dalle Cime Bianche" che ha come scopo lo sviluppo in Ayas di un nuovo modello di turismo sostenibile e attento alle nuove necessità e richieste del mercato nazionale e internazionale.

Il webmaster

Per saperne di più visita il nuovo sito Love Cime Bianche!

Questo messaggio viene visualizzato una sola volta per sessione

Informativa: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Continuando la navigazione o cliccando sul pulsante OK acconsenti all'uso dei cookie.
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Delicious Condividi su Technorati
CERESOLE REALE/RIFUGIO SAVOIA - PUNTA BASEI
EE/F
La Punta Basei è una cima di 3338 m. compresa tra la Val d'Aosta e il Piemonte, nello specifico tra la Val di Rhêmes e la Valle dell'Orco, al'interno del Parco Nazionale del Gran Paradiso.
Si tratta di una vetta molto conosciuta e frequentata, grazie al fatto che il punto di partenza dell'itinerario (qui descritto dal Rifugio Savoia ai Laghi del Nivolet, ma è possibile partire anche da poco più in alto, nei pressi del Rifugio Città di Chivasso) è oltre i 2500 m. ma raggiungibile in auto da Ceresole Reale.
Nota: nei week-end estivi la strada di accesso ai Laghi del Nivolet viene chiusa all'altezza del Lago del Serrù; da qui è possibile salire al Rifugio Savoia a piedi o con un pullman navetta.
A dispetto della quota mediamente elevata della vetta, la salita non comprende grosse difficoltà tecniche, che in condizioni ideali si limitano a tre punti attrezzati con cavi d'acciaio e gradini metallici mantenendo l'itinerario all'interno del grado EE. Ad inizio estate, tuttavia, si potrebbero incontrare estesi nevai nel tratto di traverso prima di raggiungere la cresta ed eventualmente ulteriori residui anche in altri punti all'ombra che potrebbero richiedere l'uso dei ramponi (in questi casi la difficoltà può raggiungere il grado F).
La vetta regala comunque un eccellente panorama sulle circostanti valli e sulle cime più alte del Parco e non solo.
Lo sviluppo totale del percorso qui descritto è di circa 10 Km (andata + ritorno), il dislivello è di poco superiore agli 800 m.
Salita: Rifugio Savoia m. 2534 - Punta Basei m. 3338 EE/F

Sentiero: 536.
Tempo di percorrenza: 2h - 2h30'.
Difficoltà: Alcuni passaggi attrezzati con cavo d'acciaio e gradini. Possibili nevai..

1. Partenza del sentiero dal Rifugio Savoia.
2. A sinistra dell'Alpe Riva si incontra un bivio e si procede dritti.
3. Confluenza da sinistra del sentiero proveniente dal Rifugio Città di Chivasso.
4. Lungo il Rio Rosset.
5. Il guado sul Rio Rosset.
6. A fianco di un laghetto.
7. A questo bivio si procede a sinistra.
8. Saliscendi tra i laghi.
9. Traverso in salita con ometti di pietre.
10. Salita con i Laghi Leità e Rosset sullo sfondo. La rampa in basso a destra è quella della foto precedente.
11. Il primo tratto attrezzato con cavo e gradini.
12. Un tratto su prato.
13. Inizio del lungo traverso con qualche saliscendi.
14. Il traverso sale dolcemente su sfasciumi o pietraia.
15. Salita con alcuni gradini sul fianco di una paretina.
16. Attraversamento di un nevaio.
17. Ultimo tratto ripido prima della cresta.
18. Rampa finale prima dell'arrivo in cresta.
19. Prima parte di salita in cresta.
20. Il Ghiacciaio Basei.
21. Spostamento sul fianco destro della cresta.
22. Salita ripida con tornantini su terreno friabile e rocce.
23. Breve traverso attrezzato sul fianco est.
24. La finestra nella roccia sulla Valle di Rhêmes.
25. Il tratto attrezzato finale.
26. Arrivo in vetta alla Basei.

La partenza dell'itinerario qui descritto è dal parcheggio di fronte al Rifugio Savoia, a quota 2534.
Proprio dietro il rifugio inizia un ampio sentiero (foto 1) che sale con un tornante fino al pianoro superiore, che ospita l'Alpe Riva.
Prima di toccare l'alpeggio si incontra un bivio identificato da alcuni bolli gialli dipinti su una roccia a terra. Si tralascia il ramo destro che tocca le costruzioni e si dirige verso i Colli Leynir e Rosset proseguendo dritti, in direzione della Punta Basei già ben visibile e riconoscibile di fronte (foto 2).
Subito dopo si riceve da sinistra (foto 3) il sentiero proveniente dal Rifugio Città di Chivasso (qualora si fosse scelto di partire da lì, i due cammini saranno coincidenti da qui in poi).
Si costeggia poi, qualche metro più in alto, la sinistra orografica del Rio Rosset (foto 4), emissario dell'omonimo lago. Il torrente viene poi guadato poco sotto una piccola cascata già precedentemente visibile (foto 5).
Dopo il guado il torrente guadagna quota; si costeggia un piccolo lago lasciandolo a destra (foto 6) per poi scendere leggermente sul fianco dello stesso lago e incontrare un bivio (foto 7) segnalato da un'evidente palina in legno. La diramazione verso destra porta al Lago e al Col Rosset, per la Basei (e per il Colle di Nivoletta, indicati rispettivamente a 2h30' e 2h) si procede invece a sinistra. Il sentiero è qui indicato col n. 536.
Si scende poi di alcune decine di metri tra due laghetti (foto 8), per poi salire nuovamente ed effettuare un traverso segnalato da segni gialli e bianchi e ometti di pietre (foto 9). Al termine di questo traverso si effettua un tornante a sinistra, evitando quindi il sentiero che si stacca in corrispondenza del tornante stesso e scende verso i laghi (visibile nella foto 10).
Il sentiero sale poi con tornantini (foto 10); alle spalle si apre il bellissimo panorama sui laghi Leità e Rosset, con il gruppo del Gran Paradiso sullo sfondo.
Si raggiunge così velocemente il primo tratto attrezzato; si tratta di una serie di gradini metallici e di un cavo di acciaio che permettono di superare un ripido passaggio su terreno friabile e placche rocciose (foto 11).
Al di sopra di questo punto si ritrova brevemente un comodo sentiero su prato (foto 12) dopo il quale inizia un lungo traverso su sfasciumi.
Questo inizia con qualche piccolo saliscendi (foto 13) per poi salire gradualmente, mai ripido, generalmente su pietraia fine con punti su massi più grandi (foto 14).
Superati i 3000 m. ci si trova alla base di una paretina, sul cui fianco si risale con alcuni gradini di pietra (foto 15); si incontrano molti ometti. Il terreno è qui formato da sassi e rocce; è molto probabile incontrare nevai ancora estesi anche a fine estate (foto 16). Si noti come ad inizio stagione sia tutto il traverso a poter essere ancora innevato; in tal caso è assolutamente consigliabile munirsi di ramponi o ramponcini.
Un ultimo saltino più ripido (foto 17) immette sull'ultima rampa (foto 18) che precede l'arrivo sulla cresta di confine con la Val di Rhêmes.

Nota: il punto in cui si raggiunge la cresta viene talvolta identificato come Colle di Nivoletta o Colle Basei. In accordo con la Carta Tecnica Regionale, si tratta in realtà di un punto leggermente a sud del Colle Basei.

Oltre il colle si stende la testata della Val di Rhêmes, con i suoi ghiacciai circondati dalla cresta di confine con il Parco della Vanoise che risale fino alla Tsanteleynaz. Proseguendo in senso orario citiamo la Grande Traversière, la Punta Bassac Nord, il Truc Blanc e le altre cime che separano la Val di Rhêmes dalla Valgrisenche. Alle spalle l'intero percorso di salita fin qui, con i Piani di Rosset e del Nivolet e numerosi laghi e la serie di cime dal Taou Blanc e dalla Grivola alla Becca di Monciair, circondanti il Gran Paradiso.

Si prosegue ora verso sud mantenendosi sul filo della cresta, inizialmente larga e con graduale aumento di quota puntando verso un grosso ometto ben evidente poco più in alto sulla cresta stessa (foto 19). La croce di vetta della Basei è già visibile. A sinistra del sentiero scende il Ghiacciaio Basei (foto 20).
Superato un poggio pianeggiante la cresta si va restringendo; il sentiero si sposta sul fianco destro (foto 21) salendo con tornantini ripidi su terreno friabile e rocce affioranti (foto 22) fino ad un intaglio dove, con l'aiuto di un cavo d'acciaio, si torna sul fianco sinistro (foto 23). Il cavo prosegue e descrive un breve traverso sul fianco est fino alla base della paretina finale; qui una caratteristica finestra nella roccia apre un particolare scorcio sulla Valle di Rhêmes (foto 24).
Da questo punto inizia l'ultimo tratto attrezzato. Si tratta di una paretina di una decina di metri, piuttosto verticale ma con buoni appigli e appoggi naturali e gradini metallici, a cui si affianca un cavo in acciaio (foto 25).
Al termine del cavo ci si trova in prossimità della croce di vetta, che si raggiunge con pochi metri di cammino su un breve traverso e qualche passo su roccia a blocchi (foto 26).

Eccellente il panorama dalla vetta, aperto sulla parte terminale della Valle dell'Orco da Ceresole in su (foto 27), e naturalmente su buona parte del territorio del Parco del Gran Paradiso, con le cime delle testate della Valsavarenche e della Valle di Rhêmes.


27. Il panorama sulla Valle dell'Orco dalla Basei, con i Laghi Agnel e Serrù e il gruppo delle Levanne a destra.
Discesa: Punta Basei m. 3338 - Rifugio Savoia m. 2534 EE/F

Sentiero: 536.
Tempo di percorrenza: 1h30' - 2h.
Difficoltà: Alcuni passaggi attrezzati con cavo d'acciaio e gradini. Possibili nevai..

28. Ritorno dalla cima verso la sommità del diedro attrezzato.
29. Discesa nel diedro.
30. La cengia attrezzata fino al punto di ritorno sul lato ovest.
31. Discesa sul lato ovest verso la cresta.
32. Inizio della discesa dalla cresta verso i Laghi del Nivolet.
33. Lungo il traverso, seguendo la traccia a terra con ometti e segni di vernice bianca e rossa.
34. La parte bassa del traverso.
35. Breve taglio di un piccolo tornante.
36. Ultimo tratto attrezzato.
37. Evitare la diramazione che scende a sinistra.
38. Discesa verso il livello dei sottostanti laghi.
39. Discesa verso il bivio.
40. A questo bivio si tiene la destra.
41. Il facile guado sul Rio Rosset.
42. La diramazione per il Rifugio Città di Chivasso.
43. Si lascia a sinistra l'Alpe Riva.
44. Ritorno al Rifugio Savoia.

La via di ritorno ricalca quella di salita.
Si lascia la cima scendendo con qualche gradino alla sottostante cengia, che si percorre verso nord (foto 28) fino al terrazzino che sovrasta il diedro attrezzato.
Qui si scende faccia a monte (foto 29) utilizzando il cavo d'acciaio, i gradini e i numerosi appigli e appoggi naturali fino alla base, nei pressi della "finestra" nella roccia.
Da qui si riprende la cengia attrezzata (foto 30) che porta al piccolo intaglio dove si passa sul lato ovest; da questo punto si scende con ripidi tornantini e gradoni su roccia parzialmente friabile (foto 31) fino a raggiungere la più larga cresta sottostante. Questa viene poi percorsa in discesa fino a raggiungere la sella dove il sentiero inizia la discesa verso il Colle del Nivolet (foto 32).
Tutta questa parte di discesa è un lungo traverso su pietraia o detriti più piccoli con tratti su roccia e qualche gradino naturale; la traccia è generalmente visibile ma evidenziata anche da ometti di pietre e segni di vernice bianca e rossa (foto 33). Probabile la presenza di nevai, più estesi ad inizio stagione, che potrebbero consigliare l'uso di ramponi o ramponcini.
La parte bassa del traverso è su fine pietraia (foto 34) e termina con alcuni piccoli saliscendi che precedono l'arrivo su un dosso erboso, attraversando il quale si incontra un bivio (foto 35) e si procede a sinistra (si tratta del taglio di un breve tornante).
Si perde poi quota con l'ultimo tratto attrezzato, con placche rocciose e terreno friabile da superare con l'aiuto di un cavo metallico e alcuni gradini (foto 36).
Sotto questo passaggio si scende con alcuni tornantini affacciandosi poi sul piano dei laghi; qui ad un tornante a destra si evita la diramazione a sinistra (foto 37) e si rimane sul sentiero principale, che scende con ampi tornanti verso il livello dei laghi sottostanti (foto 38).
Si passa dunque tra il Lago Leità (a nord) e un altro specchio d'acqua più piccolo per poi risalire leggermente, scavalcare un dosso e ricominciare a scendere giungendo al bivio segnalato dalla palina (foto 39). Qui naturalmente si procede verso destra, evitando dunque di risalire verso il Col Rosset.
Al bivio successivo (foto 40) si evita il ramo sinistro che scende verso la zona umida sottostante e si rimane sul sentiero principale a destra, in lieve salita, che aggira il dosso e conduce in pochi minuti al guado sul Rio Rosset (foto 41).
Oltrepassato il guado si attraversa l'altopiano scartando tutte le diramazioni secondarie e in particolare quella (foto 42) che condurrebbe al Rifugio Città di Chivasso (a meno che, naturalmente, non si sia partiti da lì).
Ci si porta velocemente nei pressi dell'Alpe Riva (foto 43) e la si lascia a sinistra del sentiero.
L'ultima discesa su ampia traccia (foto 44) riporta infine al Rifugio Savoia, punto di partenza dell'escursione.

CARTINA
Cartina
La cartina del percorso dal Rifugio Savoia alla Punta Basei. Sono riportate le strade, gli edifici, i laghi, i corsi d'acqua, i principali sentieri della zona, i prati, i ghiacciai, il reticolo e le isoipse a 20 m. Potrebbero non essere riportate diramazioni secondarie dei sentieri.

Cliccare sull'immagine per scaricare una dettagliata cartina vettoriale in formato PDF e il tracciato GPS per GPS Trackmaker, per Google Earth e in formato GPX.

PROFILO ALTIMETRICO
Profilo altimetrico
Il profilo altimetrico della salita dal Rifugio Savoia alla Punta Basei.
La prima parte, con l'attraversamento del pianoro che ospita i laghi, è caratterizzata da ua pendenza evidentemente scarsa, con leggeri saliscendi. Un tratto più ripido, culminante con il primo punto attrezzato, conduce al poggio erboso da cui inizia il lungo traverso fino alla cresta, con pendenza gradualmente crescente.
La cresta finale rimane poco ripida fino all'impennata sul versante ovest, che con l'ultimo diedro attrezzato conduce in vetta.
Note meteorologiche:
La zona può essere soggetta ad annuvolamenti soprattutto in presenza di vento da sud e umidità proveniente dalla Valle dell'Orco; per godere al meglio del magnifico ambiente circostante è consigliata una giornata con cielo sereno e previsioni non incerte..
Periodo consigliato:
Il periodo ideale per affrontare questo itinerario va da luglio - o per lo meno a disgelo completato o quasi - alle prime nevicate. Qualche nevaio residuo in punti non critici, tuttavia, potrebbe non essere sufficiente ad impedire la salita, considerata la possibilità di utilizzare ramponi o ramponcini.
Attrezzatura:
L'itinerario in condizioni estive non richiede attrezzatura tecnica particolare. Sono sufficienti scarponcini con buona tenuta, abbigliamento da media montagna adatto alla stagione, acqua e cibo per la giornata. Consigliati ramponi o ramponcini a portata di mano in caso di ampi nevai residui.
Frequentazione:
La zona del Colle del Nivolet è molto frequentata, soprattutto fino ai Laghi Leità e Rosset, ma anche la Basei è una vetta ben nota e raggiunta da molti escursionisti.
Inserisci qui le tue esperienze relative a questo itinerario!


Copia il codice scritto qui sopra:
Registrati su Ayas Trekking Network per aggiungere una foto ai tuoi commenti!
* La dimensione massima ammessa per un'immagine è 25MB. L'upload deve terminare entro 120 secondi. Se necessario l'immagine verrà ridimensionata fino a rientrare nella sagoma limite di 800x800 pixel.
Nota: i tag HTML non sono ammessi. Vengono salvati i commenti completi di valutazione, nome e testo. Non viene raccolto alcun dato allo scopo di identificare il mittente.
I commenti che dovessero superare il filtro automatico ma saranno considerati inadatti, offensivi verso chiunque e qualunque cosa o contenenti messaggi pubblicitari o spam verranno rimossi o modificati ad insindacabile giudizio del webmaster.
Le opinioni espresse nei commenti non rispecchiano necessariamente quelle del webmaster. I messaggi che saranno rimossi manualmente rimangono visibili fino al momento della loro cancellazione; il webmaster non si assume la responsabilità del loro contenuto.
Ancora nessun commento per questo itinerario! Inserisci il tuo!